I Love Poké, il piatto hawaiano conquista l’Italia e non solo. Raccolti 14 mln per espandersi oltreconfine

Scritto il alle 09:46 da Redazione Finanza.com

 

La storia di I Love Poké è da raccontare. Perchè ha portato in Italia un nuovo piatto, della cucina hawaiana, il poké appunto, e dopo il successo riscontrato si prepara a conquistare il mondo, grazie alla raccolta di 14 milioni di euro. L’investitore, che ha puntato su questa idea di impresa ed è entrato nella società attraverso un aumento di capitale, è Francesco Manzi, che vanta già partnership a brand come McDonald’s, KFC, Burger King, Decathlon, Aldi, Esselunga, ed è riconosciuto come sviluppatore di brand food come Giovanni Rana.

L’obiettivo è duplice: raddoppiare i punti vendita in Italia, con 30 nuove aperture entro fine anno, ed espandersi all’estero. Nel mirino di I Love Poké ci sono Spagna, Francia, Portogallo, Grecia, UK ma anche Stati Uniti e Medio Oriente. Un traguardo ambizioso che i due fondatori, Rana Edwards e Michael Nazir Lewis, vogliono raggiungere aprendo 100 punti vendita entro il 2022.

“Abbiamo aperto otto nuovi punti vendita in poco meno di quattro mesi – spiegano i giovani founder – stiamo viaggiando a velocità sostenuta e l’ingresso di Francesco Manzi ci darà una nuova energia e la possibilità di realizzare i nostri programmi di espansione anche fuori dall’Italia”.

Una positività che si riflette anche sui numeri dal momento che in un anno così difficile per il settore della ristorazione come il 2020 il brand ha fatturato circa 10 milioni di euro e prevede di chiudere il 2021 a 40 milioni.

In cantiere ci sono anche il lancio del primo food truck brandizzato all’interno del Serravalle Designer Outlet e lo sviluppo di dark kitchen in partnership con Dynamic Food Brands.

Nata nell’ottobre del 2017 dall’intuizione della giovane coppia di imprenditori che, dopo una vacanza in California nel 2016, decise di aprire a Milano la prima pokeria d’Italia, I Love Poké è oggi una realtà imprenditoriale che conta al momento 30 punti vendita sul territorio nazionale, oltre 100 dipendenti (fra addetti in store e personale di back office) e un laboratorio (fra Pioltello e Segrate) di 1.500 mq con una dozzina di addetti che funge da centro unico di produzione.

“Quando ho scoperto il poke in California nel 2016 – racconta Rana Edwards – ne sono stata estremamente entusiasta perché come concept soddisfaceva appieno la formula che avevo sognato: fresco, sano, veloce e personalizzato secondo il gusto di ognuno. Credo sia proprio questa la ragione del successo del poke: un fast food in chiave healthy, che combina ingredienti hawaiani e sapori mediterranei, e dunque perfetto per chi è attento alla propria forma fisica e al benessere”.

E’ forse questo mix ad aver fatto del poke il food trend del momento, e ad aver stimolato altri competitor ad affacciarsi sul mercato. Ma non solo. Accanto all’intuizione c’è anche una profonda ricerca in campo nutrizionale portata avanti da Rana Edwards, newyorkese, due lauree (una con lode in Farmacologia e una in Chimica Farmaceutica) un Master in Nutrizione ad Harvard, trasferitasi a Milano nel 2015 con una borsa di studio per un dottorato di ricerca in Nano-Biomedical in Bicocca.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Malgrado i dati macro non sicuramente eccezionali per i mercati, con un'inflazione che sale e cambia
Giornata perfetta ieri, con nuovi massimi sui mercati europei come aveva previsto su Twitter il
Oggi, terzo venerdì del mese, è giornata di scadenze tecniche. Scadranno le opzioni su azioni, le
Viviamo davvero in un mondo di matti, basta guardare alla reazione isterica dei profeti dell'inf
Mentre a Francoforte si discute sul sesso degli angeli, sull'inflazione che sta per sparire come
Guest post: Trading Room #510. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura chiara ed evidente. La l
C'è davvero da mettersi le mani nei capelli a pensare che le sorti dell'America sono un mano a
Continua la tendenza rialzista dei mercati azionari ma occhio alla decorrelazione quanto mai normale
  Abbiamo visto come è affascinante osservare la storia che ama fare la rima... http
8 febbraio 2024 UNICREDIT Lettura grafica e analisi dei posizionamenti monetaria relativi alla sca