Imprese: come cavalcare la quarta rivoluzione industriale? Tutto parte dall’organizzazione

Scritto il alle 09:59 da Redazione Finanza.com

La quarta rivoluzione industriale, dettata dalle tecnologie digitali, è già qui e le aziende che ancora non se ne sono accorte rischiano di esserne travolte. Per cavalcarla al meglio, il mondo imprenditoriale deve abbracciare l’innovazione in tutti i suoi aspetti, partendo dal modello organizzativo. È ciò che emerge dalla prima edizione della ricerca “Digital Operating Models” redatta da BTO Research, società italiana che supporta le imprese negli ambiti ICT e Digital, presentata all’ultimo appuntamento della Digital Community di novembre insieme al professor Francesco Venier (https://mib.edu/core-faculty/francesco-venier).

 

Se fino a qualche tempo fa il principale obiettivo di business poteva essere l’efficienza, realizzata con un aumento della velocità in processi organizzativi più o meno standard e/o con l’abbattimento dei costi operativi, oggi occorre aggiungere nuove logiche, che perseguono l’efficacia nei confronti del mercato, abituato alle logiche della competizione digitale. Ne è un esempio l’attività di marketing che negli ultimi anni si è evoluta verso il paradigma del Customer engagement con l’adozione di tecniche sempre più sofisticate per leggere interpretare ed anticipare bisogni, soddisfacendoli in maniera sempre più personalizzata. Per esempio, con l’analisi profonda dei dati e delle informazioni, che diventano l’elemento centrale della competizione in questo mondo digitale, i famosi “big data”. Che permettono di adottare pervasivamente applicazioni basate sull’intelligenza artificiale o addirittura sulla robotica.

 

Ma per cavalcare la quarta rivoluzione industriale bisogna pensare a nuovi modelli operativi che si appoggiano su innovative forme organizzative, più flessibili, che mettono al centro le persone. L’attributo “digital”, infatti, non sempre e non esclusivamente si può limitare a investimenti in tecnologie ma si deve riferire sempre di più ad un mindset, ad un modo di pensare e vivere l’impresa in maniera diversa. Ecco allora che la capacità organizzativa diventa leva di vantaggio competitivo sostenibile, che permette di vincere la sfida del business in digitale.

 

Ma cosa si intende per capacità organizzativa? A differenza di quanto si riteneva in passato, la capacità organizzativa oggi diventa molto di più dell’abilità di disegnare strutture o assetti predeterminati. La capacità organizzativa distintiva è soprattutto capacità di anticipazione, interpretazione e gestione dei fabbisogni, discrezionalità e responsabilità alla periferia dell’organizzazione, per rispondere in maniera efficace e fluida all’insieme delle domande provenienti dall’ambiente, dalle tecnologie e dalle persone fuori e dentro l’impresa.

 

Un nuovo modello operativo ha bisogno di tre competenze di base quali le fondamentali componenti della capacità organizzativa, che si dipanano lungo il percorso di trasformazione. Queste sono[1]: la capacità di analisi situazionale, la capacità di progettazione organizzativa e infine la capacità di implementazione del cambiamento. Quest’ultima rappresenta certamente l’aspetto più difficile e complesso, perché necessita anche di una cultura digitale e innovativa a tutti i livelli aziendali, dai manager ai singoli dipendenti.

 

BTO Research può supportare le aziende nella loroDigital Reinvention. BTO svolge attività di ricerca a supporto dell’innovazione organizzativa e di business, elaborando studi indipendenti e applicabili dal management per affrontare le proprie esigenze strategiche, organizzative e tecnologiche, aiutandole a leggere e comprendere gli scenari digitali. BTO le assiste poi anche nella fase di implementazione, con robuste metodologie di ridisegno organizzativo e supporto operativo ai progetti e infine con percorsi formativi di evoluzione culturale. Le tre aree di competenza di BTO Research che compongono il suo modello di servizio, accompagnano le imprese lungo un corretto e lungimirante percorso di trasformazione digitale, che sviluppa la loro capacità organizzativa, coerentemente con le sue tre componenti descritte. BTO Research si trova a Milano, Roma e Torino, ma anche a Vienna, Lussemburgo, Monaco di Baviera e Parigi.

 

In figura: Capacità organizzativa (in giallo), aree di servizio BTO (in verde) e componenti di un nuovo modello operativo digitale (al centro)

 

[1] Dal libro di Francesco Venier https://www.researchgate.net/publication/317175716

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib. L'indice italiano torna sotto quota 17.000 punti, dopo la candela di forte incertezza es
Era ovvio che alla fine l’accordo sarebbe stato raggiunto. Ieri sera il Senato degli Stati Uni
Prosegue l'aggiornamento delle movimentazioni monetarie sui derivati Idem, Eurex e Cme. Sulle Mibo
Un fulmine sulla via di Damasco, uno dei tanti fulmini che hanno costellato la storia di questo
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Dall'emergenza coronavirus nasce un grande portale nazionale fatto da panettieri, fruttivendoli, m
Dispiace fare di tutta l'erba un fascio, ma in Germania la storia è sempre quella! Ho molti
Ftse Mib. L'indice italiano supera in avvio quota 17.000 punti. Una chiusura sopra 17.659 punti recu
Dopo l'eccezionale rimbalzo di ieri andiamo a vedere come si sono mossi gli operatori dello speciali