Gomme invernali o catene, dal 15 novembre scatta l’obbligo: 1,7 mln gli italiani a rischio multa

Scritto il alle 17:00 da Redazione Finanza.com

La notizia delle nevicate delle ultime ore che sta interessando le Dolomiti, potrebbe avere ricordato ad alcuni automobilisti l’approssimarsi di una scadenza. Venerdì prossimo (15 novembre) scatta, infatti, l’obbligo di montare pneumatici invernali o le “all season” (quattro stagioni) oppure avere sempre a bordo le catene da neve. Ma quale è l’atteggiamento degli italiani nei confronti di questo obbligo e soprattutto rispettano questa regola? A sondare la questione l’indagine commissionata da Facile.it a mUp Research e Norstat, realizzata su un campione rappresentativo della popolazione patentata italiana, dalla quale emerge che nell’ultimo anno 1,2 milioni di automobilisti hanno guidato senza dotarsi dei dispositivi prescritti dalla legge.

Entrando più nel dettaglio, la ricerca mette in evidenza come 471 mila automobilisti (pari all’8% di chi ha viaggiato senza le opportune misure di sicurezza per i pneumatici) ha ammesso di non essersi dotato delle gomme invernali o delle catene da neve “semplicemente perché si è dimenticato di farlo“. Ed è soprattutto il campione maschile ad essere più “smemorato”: visto che tra gli uomini la percentuale sale all’11%, contro il 5% delle donne. Circa 397 mila persone (il 7%) ha invece dichiarato di non aver fatto nulla perché “non potevano permettersi di acquistare gomme invernali/quattro stagioni o catene da neve”. Ci sono infine 347 mila automobilisti (il 6%) che nell’ultimo anno, pur consapevoli dell’obbligo e anche in presenza degli appositi segnali stradali, hanno scelto di non fare nulla in quanto “ritenevano di poca utilità l’uso di questi dispositivi di sicurezza”.

“Oltre agli evidenti rischi in termini di sicurezza e alle possibili sanzioni amministrative, girare in auto su strade che prevedono l’obbligo di catene da neve, gomme invernali o quattro stagioni senza esserne dotati, comporta dei rischi anche dal punto di vista assicurativo”, avverte Diego Palano, responsabile assicurazioni di Facile.it, spiegando che “in caso di incidente, qualora il sinistro fosse stato causato o aggravato proprio dall’assenza della strumentazione obbligatoria, la compagnia potrebbe applicare sull’assicurato il diritto di rivalsa e chiedere un rimborso delle somme pagate ai terzi danneggiati”.

Va tuttavia precisato, si legge nel documento, che l’obbligo di montare pneumatici invernali o avere a bordo catene da neve nel periodo indicato dalla legge vale solo per quelle strade dove l’ente proprietario del tratto ha prescritto, tramite apposita ordinanza e segnaletica, tale obbligo.

1,7 milioni di italiani a rischio multa

La platea di automobilisti potenzialmente a rischio multa quest’anno potrebbe essere più ampia. Alla domanda “come ti comporti prima di partire per un viaggio in auto al di fuori della tua città”, sebbene 1 intervistato su 2 abbia dichiarato di verificare preventivamente la presenza di ordinanze che impongono l’uso di gomme invernali o catene a bordo, sono ancora molti, più di 1,7 milioni, gli automobilisti che comunque si mettono al volante senza essere in regola. Né i rischi sul fronte sicurezza né l’entità delle sanzioni (con le multe che vanno da 85 a 338 euro) sono sufficienti a farli osservare tale obbligo.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
La volatilità in questi giorni ovviamente regna sovrana, il mondo si è risvegliato dal sogno G
FTSE MIB: come da attese ieri l'indice italiano ha tentato il rimbalzo e lo ha fatto con un pattern
Tutti i mercati hanno ormai oltrepassato l'area di crossover della distribuzione e si sono diretti r
Contagiati, morti, guariti in Italia e nel mondo. Anche se i conti non mi tornano Per l
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Le obbligazioni Investment Grade e High Yield sono legate alla curva dei tassi e alla politica mon
In un'intervista concessa al canale tv Cnbc ha confermato la sua strategia di investimento. Gli inve
Target price e livelli di supporto del benckmark azionario americano. 1) Raggiungimento quota 340
Ftse Mib: il listino tricolore prosegue al ribasso e anche ieri ha chiuso la seduta in netto calo.
Vogliamo essere realisti oppure continuiamo ad essere degli inguaribili sognatori che sperano in