Riforma pensioni: dopo Quota 100 arriverà Quota 92?

Scritto il alle 12:13 da Redazione Finanza.com


Mentre dal governo confermano che Quota 100, l’anticipo pensionistico introdotto dall’esecutivo giallo-verde, scadrà naturalmente alla fine della sperimentazione nel 2021, si ritorna a parlare di riforma previdenziale. E’ il senatore del Pd Tommaso Nannicini che in un video postato su Facebook ha rilanciato la sua proposta di accesso alla pensione anticipata con Quota 92. Cosa significa? Quali le differenze con l’attuale quota 100? Andiamo nei dettagli.

Quota 92: cosa significa
Inizialmente la proposta di legge del senatore Tommaso Nannicini prevedeva di introdurre nel sistema previdenziale italiano la possibilità di pensionamento a 64 anni per tutti. Ora la proposta di Nannicini viene “potenziata” nel senso che prevede la pensione anticipata a quota 92. Ciò significa che per andare in pensione anticipatamente basteranno 62 anni di età e 30 anni di contributi. “Una fuoriuscita graduale accompagnata da una vera riforma strutturale delle pensioni” così Nannicini che precisa quali sono le categorie di soggetti che potrebbero rientrare in quota 92. Trattasi in particolare di disoccupati, lavoratori gravosi, disabili o chi ha esigenze di cura in famiglie.

“La nostra proposta è semplice: prendiamo 3 miliardi da quota 100 e facciamo una vera riforma delle pensioni (…) con i cinque miliardi che avanzano iniziamo a investire sul futuro: natalità, assegno alle famiglie con figli, quota nido” così il senatore Pd.

L’accesso alla pensione con quota 92 potrebbe veder la luce nel 2022, quando finirà la sperimentazione triennale di Quota 100.

Quota 92 e quota 100 a confronto
Quota 92 si differenzia da Quota 100 per vincoli meno rigidi: accesso alla pensione a 62 anni e 30 di anzianità contributiva alle spalle per quota 92 contro 62 anni di età anagrafica e 38 di contributi per Quota 100. La platea di Quota 92 sarebbe quindi più estesa rivolgendosi a soggetti in condizioni svantaggiate rispetto a quella prevista per Quota 100 e si configurerebbe come una sorta di Ape sociale.

Con Quota 92 inoltre l’assegno verrebbe ricalcolato con il sistema contributivo, ossia sulla base dei contributi accreditati e non sull’età pensionabile e non con il sistema retributivo, ossia sulla base degli ultimi redditi e contributi. Il primo però a differenza del secondo è penalizzante in quanto si prevede una decurtazione sull’assegno attorno al 25-30%. Anche l’accesso a Quota 100 prevede un assegno ridotto, ma in misura inferiore.

Per Quota 100 inoltre è riconosciuto il cumulo, ossia la possibilità di sommare versamenti accreditati presso casse di previdenza differenti al fine di ottenere l’anzianità contributiva richiesta. Mancando la legge non si sa se il cumulo sia previsto anche per Quota 92. Non resta che attendere per ulteriori sviluppi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La notizia delle nevicate delle ultime ore che sta interessando le Dolomiti, potrebbe avere ricordat
Sui mercati finanziari la parola d'ordine è conoscenza. “Solo grazie alla conoscenza è possibile
“Solo grazie alla conoscenza è possibile assorbire gli urti del mercato senza cedere alla paura,
Signori manca poco. Tra qualche giorno arriverà la più grande IPO della storia, quella di Saud
Ftse Mib: l'indice italiano oggi subisce prese di beneficio dopo le parole di Trump di ieri sera. La
Analisi Fondamentale L'ultimo periodo è stato ricco di novità per la banca guidata da Jean Pier
La liquidazione dei dipendenti pubblici, il TFS (trattamento di fine servizio), viene pagata in temp
Mentre il principale indice tedesco tenta di aggiornare il massimi storici mentre la Germania è
Stiamo ai fatti e il resto releghiamolo a “discorsi da bar”. Come sapete, negli USA è temp