Fisco: al via l’operazione “saldo e stralcio” delle cartelle

Scritto il alle 16:39 da Redazione Finanza.com

Debutta in via ufficiale l’operazione saldo e stralcio. Introdotta con la legge n. 145 del 2018 la nuova sanatoria permette ai contribuenti persone fisiche che versano in una situazione di grave e comprovata difficoltà economica di chiudere i conti con il Fisco e l’Inps versando somme ridotte. Per poter beneficiare dell’operazione saldo e stralcio di tasse e contributi però bisogna rispettare determinati requisiti Isee ed è valida per determinati debiti.Debutta in via ufficiale l’operazione saldo e stralcio. Introdotta con la legge n. 145 del 2018 la nuova sanatoria permette ai contribuenti persone fisiche che versano in una situazione di grave e comprovata difficoltà economica di chiudere i conti con il Fisco e l’Inps versando somme ridotte. Per poter beneficiare dell’operazione saldo e stralcio di tasse e contributi però bisogna rispettare determinati requisiti Isee ed è valida per determinati debiti.

I requisiti per chiedere saldo e stralcio

Sono le persone fisiche con Indicatore della situazione economica (ISEE) del nucleo familiare non superiore ad euro 20 mila che possono accedere all’operazione. Tali soggetti possono estinguere i propri debiti in forma agevolata pagando una percentuale ridotta a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo, senza corrispondere sanzioni e interessi di mora.

I debiti definibili

L’operazione saldo e stralcio riguarda i debiti intestati a persone fisiche, risultanti dai singoli carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 che derivano dal mancato versamento di imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali ovvero di contributi dovuti dagli iscritti alle casse previdenziali professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento. Aderendo all’operazione si potrà pagare una percentuale ridotta a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo, senza corrispondere sanzioni e interessi di mora:

• il 16% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE fino a 8.500 euro;

• il 20% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE da 8.500,01 a 12.500 euro

;• il 35% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo con ISEE da 12.500,01 a 20.000 euro.

A tali importi sono da aggiungere, inoltre, le somme maturate a favore dell’Agente della riscossione a titolo di aggio e spese per procedure esecutive e diritti di notifica.Il contribuente può scegliere di versare la somma dovuta in un’unica soluzione entro il 30 novembre 2019 oppure in 5 rate di importo variabile (35% del totale dovuto entro il 30 novembre 2019, il 20% entro il 31 marzo 2020, il 15% 3 entro il 31 luglio 2020, il 15% entro il 31 marzo 2021 e il restante 15% entro il 31 luglio 2021) con un interesse annuo del 2 per cento a decorrere dal 1° dicembre 2019.

La domanda

L’Agenzia delle Entrate- Riscossione ha pubblicato il modello per fare domanda di adesione al saldo e stralcio, modello SA–ST, da presentarsi entro il 30 aprile 2019 e disponibile, oltre che sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it, anche in tutti gli sportelli di Agenzia delle entrate-Riscossione. Il modello SA–ST deve essere correttamente compilato in tutte le sue parti e dopo aver riportato i dati personali, bisogna indicare le cartelle o gli avvisi per i quali ci si vuole avvalere del provvedimento “saldo e stralcio”. Per attestare la grave e comprovata situazione di difficoltà economica in cui si ci trova occorre riportare i riferimenti della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) presentata ai fini ISEE e segnalare il valore ISEE del proprio nucleo familiare o allegando, nel caso di procedura di liquidazione, la copia conforme del relativo decreto. Dopo aver presentato il modello alla casella PEC della Direzione Regionale dell’Agenzia delle entrate-Riscossione di riferimento oppure consegnato agli sportelli dell’Agenzia delle entrate-Riscossione, entro il 31 ottobre 2019 spetterà all’Agenzia comunicare al contribuente l’ammontare delle somme dovute e le scadenze delle singole rate per il “saldo e stralcio”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Arrivano due tasselli importanti. Il voto che sancisce la fine dei dubbi sulla BREXIT e l'arrivo d
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Come da manuale ora abbiamo in un colpo solo tutto quello che l'antibiblioteca di Eco suggeriva,
"L’anno bellissimo"  preconizzato dal presidente del Consiglio n. 1 ( Preconizzare = annunciare s
Il Fomc doveva scorrere via liscio senza particolari novità. Ed in effetti non sono successe de
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
E’ meglio comprare un’auto nuova o noleggiarla a lungo termine è la domanda che si è posta Alt
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Non potevo trovare migliore vigneta per sintetizzare la riunione del FOMC della Federal Reserve
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u