Telefonia: costi nascosti e trappole, la tariffa rischia di raddoppiare. Inchiesta su 5 operatori

Scritto il alle 16:19 da Redazione Finanza.com

Pacchetti tutto incluso? Macché. Spesso le offerte sulle tariffe telefoniche nascondono costi per servizi aggiuntivi non richiesti ma comunque attivi sulle sim, che fanno balzare il prezzo dell’offerta sottoscritta. Dall’ascolto della segreteria telefonica ai servizi “ti ho cercato”, dai costi di attivazione a quelli per rinnovare il proprio piano tariffario, al canone mensile per l’antivirus, tutti già attivati automaticamente sulla sim al momento della sottoscrizione del contratto. Nel caso in cui questi servizi non siano disattivati dal consumatore, il prezzo dell’offerta sottoscritta potrebbe anche raddoppiare. E’ ciò che emerge dall’ultima inchiesta di Altroconsumo effettuata sui cinque principali operatori telefonici in Italia: Tim, Vodafone, Wind, Tre e Fastweb. Una nuova vicenda che si inserisce in un quadro delle compagnie telefoniche già poco trasparente  con il giochetto della fatturazione a 28 giorni.

L’inchiesta, effettuata in 50 punti vendita in cinque città d’Italia (Milano, Torino, Bologna, Roma e Napoli), ha messo in luce la poca trasparenza su servizi aggiuntivi non richiesti, imboscati nei contratti. Alcuni possono essere successivamente bloccati, ma le disattivazioni sono macchinose, da effettuarsi al telefono con il servizio clienti, mai nei negozi, oppure attraverso il sito internet. Soprattutto prevedono che l’utente abbia consapevolezza che si tratti di servizi a pagamento: non sempre è così.

Anche perché sembra che la forza vendita non contribuisca minimamente a chiarire le idee al consumatore. Anzi. Dall’inchiesta di Altroconsumo emerge che nei punti vendita sono pochi gli sforzi per adeguare la proposta alle esigenze del cliente, tanti per occultare i costi dei servizi attivati preventivamente sulle sim. Sono proprio i costi extra soglia, quelli su cui gli addetti preferiscono glissare più frequentemente. I negozi che non li menzionano, neanche quando si fa riferimento a possibili spese aggiuntive, sono quasi tutti: addirittura 48 su 50.

Ma andiamo a vedere cosa è successo. Altroconsumo racconta che l’intento, nei diversi punti vendita, era di cambiare operatore, con un’aspettativa di domande su quale fosse il profilo di consumo o le necessità di utente. Il profilo preso in considerazione: 500 minuti di chiamate, pochissimi sms (meno di cinque al mese, per il resto Whatsapp) e un giga per navigare. Nemmeno un addetto alle vendite su due (48%) ha voluto saperlo, né ha chiesto quale fosse la tariffa in uso. Il 32% delle offerte consigliate conteneva minuti illimitati, cosa assolutamente inutile per il profilo e che avrebbe fatto lievitare il costo fisso mensile fino a 15 euro. Anche per quanto riguarda internet si puntava in alto: il 36% ha proposto tariffe con più di 10 giga mensili.

Con questi risultati in mano, Altroconsumo ha segnalato la vicenda all’Agcom e all’Antitrust chiedendo di attivarsi affinché le società di telefonia inseriscano nella comunicazione al pubblico delle offerte commerciali il prezzo finale pagato dal consumatore, comprensivo di tutte le sue componenti.

Questa inchiesta si inserisce nel quadro di poca trasparenza delle compagnie telefoniche. Anche con la vicenda della fatturazione a 28 giorni il consumatore ha subito un aumento della spesa annuale dell’8,6%. Con il ritorno alla fatturazione mensile, stabilito dalla legge di bilancio, l’incremento è stato spalmato sui 12 mesi, senza aumentare in proporzione i servizi offerti. Così, chi aveva per esempio un contratto che includeva 500 minuti di chiamate ogni quattro settimane, usufruiva di 6.500 minuti complessivi all’anno. Ora che i 500 minuti tornano a essere accreditati ogni mese (quindi due o tre giorni dopo), i minuti annuali disponibili per le chiamate diventano 6.000. Con la conseguenza che il costo del singolo minuto diventa maggiore. E lo stesso vale per il corrispettivo degli sms e del traffico dati. Insomma la nuova legge è stata interpretata dalle società di telecomunicazioni a loro favore a scapito ancora una volta dei consumatori.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
I nonni sono da sempre la colonna portante di molte famiglie, fonte di un welfare spesso irrinun
Si conferma il quadro da "correzione politica", con un COT Report che mette in evidenza ancora g
  Sabato mattina bitcoin segnava un +5% sulle ultime 24 ore. Pur seguendo in modo margin
Ftse Mib: l’indice italiano cerca di superare con poca convinzione area 20.500 punti, dove passa a
Visto che mancano pochi giorni alle scadenze di future ed opzioni andiamo a vedere in quali aree di
Guest post: Trading Room #325. Buono il rimbalzo, il grafico FTSEMIB torna ad essere positivo anch
Al «Welfare Day 2019» tenutosi all'Eur  Roma il 13 giugno 2019,  è stato presentato il IX Rappo
Inizia una delle settimane più importanti degli ultimi cinque anni, mercoledì la Federal Reser
Analisi Tecnica L'area 20300/20500 ha creato qualche leggero fastidio al rialzo ma alla fine il n