Back to school, in arrivo una batosta per le famiglie

Scritto il alle 16:43 da Redazione Finanza.com

Si fa sempre più vicino il rientro sui banchi di scuola. Si tratta di un appuntamento importante con cui fare letteralmente i conti: i costi di libri, astucci, diari e in generale di tutto l’occorrente per il ritorno dei figli sui banchi di scuola rappresentano una notevole voce di spesa per le famiglie. Come ogni anno l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha monitorato del materiale scolastico, registrando un aumento medio dello 0,7% rispetto al 2016. Complessivamente la spesa per il corredo scolastico (più i “ricambi”) passerà da 518 euro dello scorso anno a 522 euro di quest’anno. Ad aumentare maggiormente sono i diari e gli zaini.

Particolarmente gravosi, come sempre, risultano i costi per i libri di testo. Nonostante sia stata rilevata una flessione rispetto allo scorso anno, le spese sono ancora elevate e mettono a dura prova i bilanci delle famiglie: nel 2017 mediamente per i libri e due dizionari si spenderanno 462 euro per ogni studente, il -7,2% rispetto allo scorso anno (calcolo effettuato prendendo in considerazione le diverse classi delle scuole medie inferiori, licei ed istituti tecnici).

Le spese sono particolarmente alte per gli alunni delle classi prime. Nel dettaglio:
– Uno studente di prima media spenderà mediamente per i libri di testo e due dizionari 429,11 euro (il -7% rispetto allo scorso anno). A tali spese vanno aggiunti +522 per il corredo scolastico e i ricambi durante l’intero anno, per un totale di 951,11 euro.
– Un studente di primo liceo spenderà per i libri di testo e quattro dizionari 688,83 euro (il -9% rispetto allo scorso anno) e i 522 euro per il corredo scolastico e i ricambi, per un totale di ben 1.210,83 euro.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
In Italia la “guerra alla liquidità” lasciata sul conto corrente è oramai un mantra per il sis
Ftse Mib. Dopo il test della trend line rialzista (avviata dai minimi di ottobre 2020 e confermata
Opzioni e Future 22 Ottobre. I principali indici azionari giovedì hanno avuto movimentazioni e c
China Evergrande Group ha fornito fondi per pagare gli interessi su un'obbligazione in dollari U
Cara Chiara, in questo momento non è facile per noi condividere la tristezza del nostro cuore,
Il futuro è incerto, da sempre, e mai come oggi ci sono tante varianti che possono condizionare
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Opzioni e future 21 Ottobre. Gli indici azionari mercoledì si sono stabilizzati in modo eterogen
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Come abbiamo più volte detto, la bolla immobiliare cinese non ci ha certo colti impreparati, er