Airbnb: alla faccia della condivisione, i maggiori guadagni sono solo per pochi

Scritto il alle 17:13 da Redazione Finanza.com

Camera letto, Airbnb - PixabayI guadagni di Airbnb, baluardo della sharing economy, la cosiddetta economia della condivisione, sono assolutamente poco condivisi. Anzi si concentrano nella mani di pochi. Almeno in Italia, dove la distribuzione dei ricavi tra i padroni di casa che affittano tramite la famosa piattaforma è ineguale, andando in qualche modo contro alla retorica generalmente legata alla nozione di condivisione.

Secondo l’indagine effettuata per due anni su 13 città italiane dal laboratorio Ladest della facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Siena, solo una manciata di operatori che detengono diverse proprietà riescono ad accumulare più di due terzi dei ricavi complessivi generati sul sito web. Gli incassi infatti vanno soprattutto alle grosse agenzie di intermediazione, dei “super host” che gestiscono per conto terzi decine se non centinaia di appartamenti a scopo turistico, specialmente nei centri storici delle principali città italiane, come Firenze, Milano e Roma.

La disuguaglianza è estremamente elevata in tutte le città, ed è aumentata tra il 2015 e il 2016 in dieci delle tredici città esaminate. In particolare, l’indice Gini, usato nel mondo accademico per calcolare le disuguaglianze e che nella popolazione italiana è poco sopra lo 0,3, su Airbnb è al doppio: 0,7 a Milano, 0,67 a Catania, 0,66 a Firenze. “Ciò suggerisce che i presunti vantaggi delle piattaforme di sharing economy sono sproporzionati e diretti verso un numero ridotto di utenti”, rileva la ricerca.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Questa volta nel mercato delle criptovalute qualcosa è profondamente cambiato. Nel giro di due
Ieri i rendimenti dei titoli di Stato americani sono crollati ai minimi degli ultimi otto mesi,
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
In attesa di osservare la fine del mondo e l'arrivo delle cavallette in America, del ritorno del
Ftse Mib: partenza debole dell'indice italiano appesantito dall'allargamento dello spread in area 28
Il 7 maggio 2019 c’è stata l’audizione del presidente della Covip Mario Padula sulle politi
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
§ Massimi raggiunti e cosa succede? Sembra proprio che chi tiene in piedi il mercato stia per camb
Direi che è stato facile prevedere come sarebbe andata a finire, alla fine se uno minaccia, pri
Fidelity, il gigante americano degli investimenti si sta occupando sempre più di criptovalute,