Manager nel web: Urbano Cairo strappa il primato a Sergio Marchionne

Scritto il alle 16:13 da Redazione Finanza.com

urbano cairoUrbano Cairo torna in testa alla classifica di Reputation Manager, grazie a un solo decimale che lo separa dall’ad di FCA Sergio Marchionne, che retrocede in seconda posizione. I due hanno infatti totalizzato rispettivamente 75,9 e 75,8 punti su 100. Stabile sulla terza posizione del podio Giuseppe Recchi, con 62,6 punti. E’ questo il podio stilato da Manager nel Web, la classifica relativa alla reputazione online dei principali manager realizzata da Reputation Manager prendendo in considerazione quattro macro-aree: l’immagine percepita, la presenza sui canali del Web.

Il podio
Urbano Cairo riconquista quindi la prima posizione (75,9 punti) con un incremento di 3,3 punti rispetto al mese scorso dovuto – secondo Barchiesi – soprattutto al ritorno in utile del Gruppo RCS, al lancio del nuovo settimanale del Corriere della Sera, L’Economia, alla dimostrazione di fiducia del mondo economico nei confronti dei suoi piani di risanamento economico di RCS (che hanno portato Diego della Valle a investire nella casa editrice), e ai rumors su una sua possibile discesa in politica come leader del Centrodestra.
In seconda posizione, anche se per un soffio, si posiziona Sergio Marchionne, con 75,8 punti, e gli elementi che in questo mese hanno contribuito a definire la sua reputazione digitale sono stati i buoni risultati del bilancio 2016, l’annuncio di lasciare la direzione di FCA a fine del 2018 come da programmi, la volontà di una fusione con un’altra casa automobilistica per creare il più grande gruppo mondiale del settore e i piani per la Ferrari, di cui rimarrà presidente fino al 2021. Stabile sul terzo gradino del podio, con 62,6 punti, ritroviamo Giuseppe Recchi, malgrado abbia registrato una perdita di 1,61 punti, a causa di un volume minore di contenuti digitali a lui riferiti. Hanno invece influito positivamente sulla sua identità digitale le dichiarazioni in merito al nuovo piano industriale di Telecom, che non prevede tagli occupazionali, ma sviluppo delle infrastrutture e digitalizzazione del Paese, grazie a un piano di investimenti di 4,5 miliardi di euro per lo sviluppo della banda ultralarga fissa e mobile nel triennio 2016-2018.

Chi sale
In crescita nella classifica Claudio Descalzi, che sale al quarto posto (e conquista tre posizioni rispetto al mese precedente) grazie alla riconferma del mandato in scadenza, ai risultati positivi dell’ultimo anno e alla presentazione del nuovo piano industriale triennale di Eni. Un 2016 chiuso in positivo, con un risultato netto di +17%, giova positivamente anche alla web reputation di Francesco Starace, che avanza di cinque posizioni, piazzandosi quinto grazie anche al nuovo piano strategico per il prossimo triennio, che punta su digitalizzazione, innovazione ed efficienza operativa. Sale anche Philippe Donnet, amministratore delegato di Generali, che guadagna l’ottava posizione e Roberto Colaninno, che guadagna la quindicesima posizione grazie alla presentazione della Nuova Aprilia RS-GP che correrà il prossimo Mondiale di Moto GP, alle celebrazioni dei 130 anni della Piaggio e ai nuovi obiettivi per il prossimo anno finanziario.

Chi scende
A causa dei minori contenuti a loro dedicati, perdono posizioni invece Flavio Cattaneo (-2), Marco Tronchetti Provera (-4) e Andrea Bonomi (-5). Perde due posizioni anche Diego della Valle a causa delle performance finanziarie negative registrate da Tod’s nell’ultimo anno.

Di seguito la classifica completa:
1 Urbano Cairo (Cairo Communication-La7-RCS) 75,9
2 Sergio Marchionne (Fca) 75,8
3 Giuseppe Recchi (Telecom Italia) 62,6
4 Claudio Descalzi (Eni) 61,3
5 Francesco Starace (Enel) 59,3
6 Flavio Cattaneo (Telecom Italia) 58,1
7 Diego della Valle (Tod’s) 57,9
8 Philippe Donnet (Generali) 53,4
9 John Elkann (Fca) 52,5
10 Marco Tronchetti Provera (Pirelli) 51,9
11 Remo Ruffini (Moncler) 50
12 Marina Berlusconi (Fininvest) 47,9
13 Andrea Bonomi (INVESTINDUSTRIAL) 47,8
14 Francesco Caio (Poste Italiane) 47,8
15 Roberto Colaninno (Piaggio) 47,6
16 Alessandro Falciai (Mps) 47
17 Alberto Nagel (Mediobanca) 45,3
18 Carlo Cimbri (Unipol) 43,2
19 Ennio Doris (Mediolanum) 42,9
20 Marco Morelli (Mps)39,8
21 Mauro Moretti (Leonardo SPA) 33,3

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Di economia e finanza avremo tempo e modo di parlarne ancora, Machiavelli è il luogo migliore p
Se c'è una cosa che non manca tra i sostenitori di Bitcoin e criptovalute, è l'ironia verso il
Setup e livelli angolari DOW JONES Setup Annuale Ultimo :2018 Range: 21712 – 26951 Uscita
Il rimbalzo della settimana scorsa è stato macchiato da un venerdi dove si sono chiuse prudenzial
Ftse Mib. L'indice italiano torna a sfidare nuovamente quota 17.000 punti. Prevale anche oggi la cau
Tutto rimandato di due settimane. Non viene raggiunto l’accordo dai leader dell’Unione Europea
Alla fine qualcuno al governo, probabilmente il Movimento Cinque Stelle, o meglio quei pochi che
Nonostante le perfomance rialziste, in particolar modo su S&p che non smette mai di stupire, gli
FED e BCE unite in un Unlimited QE. Manca all'appello la PBoC ma arriverà anche lei. Intanto il m
Ieri negli USA abbiamo avuto la conferma che la situazione economica si sta velocemente deterior