Bamboccioni: continuano a crescere. A quale età le diverse tappe verso l’autonomia?

Scritto il alle 12:10 da Redazione Finanza.com

I “bamboccioni” d’Italia continuano ad aumentare, più che nel resto d’Europa. Colpa della crisi. Dalle rilevazioni Eurostat è emerso infatti come a seguito della crisi economica, tra il 2007 e il 2014, la quota degli under 35 che vivono con i genitori è aumentata di 5 punti percentuali (dal 61% al 66%), una crescita superiore a quella registrata nell’area euro (dal 47% al 49%). Secondo l’Osservatorio mensile di Findomestic, questa condizione è dettata essenzialmente dal fatto di non essere autonomi dal punto di vista economico (66%), come dimostra anche l’elevato tasso di disoccupazione giovanile in Italia. Secondo la maggior parte degli intervistati (58%), infatti, il prerequisito fondamentale per iniziare una vita autonoma è avere un lavoro.

Oltre a restare in famiglia più a lungo rispetto ai loro coetanei europei, quando i giovani italiani vanno a vivere da soli hanno comunque bisogno del supporto della famiglia. Questa necessità di supporto è avvertita maggiormente dagli uomini che delle donne (rispettivamente 79% contro 69%). Il supporto della famiglia è necessario principalmente per l’acquisto della casa o il pagamento dell’affitto (per il 67% del campione), mentre il 25% degli intervistati indica anche il pagamento delle bollette e il 22% ritiene sia importante l’aiuto che i genitori possono dare nella gestione dei bambini.

Ma oltre al distacco dalla famiglia d’origine, la strada verso l’autonomia è fatta di altre importanti tappe: il primo cellulare, la prima vacanza da soli, il primo motorino, la prima macchina. E per ciascuna di queste tappe c’è un’età più adatta. Per quanto riguarda i telefonini, il 71% degli intervistati ritiene che l’età migliore per comprarlo al proprio figlio sia quella compresa tra gli 11 e i 14 anni, mentre solo il 5% pensa sia opportuno regalare il primo cellulare entro il decimo compleanno. Per la prima vacanza senza i genitori la maggior parte degli intervistati (41%) crede che l’età giusta sia tra i 14 e i 17 anni, mentre 1 su 4 pensa che si debba aspettare la maggiore età. L’adolescenza è anche il momento giusto per il primo motorino. Il 57% degli intervistati acquisterebbe il primo scooter tra i 14 e i 16 anni, il 19% dopo i 17 anni, il 20% è invece totalmente contrario all’idea di comprare un motociclo a un ragazzo. Per quanto riguarda l’età giusta per la prima macchina, 3 intervistati su 10 (29%) ritengono coincida con il raggiungimento della maggiore età. Il 35% del campione pensa che sia tra i 19 e i 20 anni, mentre per il 24% dopo i 20 anni.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
E' stata una settimana dove i dati macroeconomici sono stati i veri padroni, nel bene e nel male.
So che molti di voi inizieranno a dubitare del mio stato mentale, ma posso solo dirvi che la sit
Ftse Mib. L’indice italiano, dopo la bull trap alla rottura della resistenza a 24.670 punti, ha m
In attesa dei dati relativi alle vendite al dettaglio che riserveranno alcune sorprese, ieri son
Settimana incredibile e contraddistinta da forti escursioni dei prezzi, rotture delle deviazioni sta
Direi che è sotto gli occhi di tutti la reazione del mercato a quei dati che in QUESTO POST abb
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
Forti ribassi, chiusura di posizioni e intensi aumenti di volatilità implicita hanno contraddistint
La settimana scorsa gli indici europei e in parte quelli americani sono collassati in un giorno
Credo sia giusto riprendere il discorso da dove lo avevamo lasciato, partendo proprio dalla slid