Pausa Pranzo: dopo le ferie nessun aumento dei prezzi

Scritto il alle 15:03 da Redazione Finanza.com

Al rientro dalle ferie, ripresa l’attività lavorativa, sono molti i cittadini che devono fare i conti con i costi della pausa pranzo.
A causa dei costi, ma anche a causa purtroppo della forte riduzione di occupati, alcune aziende hanno chiuso le mense: quella della pausa pranzo, quindi, è una questione sempre più sentita. Anche perché, di anno in anno, si fanno sempre più salati i prezzi delle pietanze servite presso i punti di ristoro, le mense ed i self service.
L’aggiornamento delle rilevazioni dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha registrato aumenti medi del +0,6% rispetto al 2014.
Un pasto tipo, composto da: acqua, piatto di pasta, dessert e caffè consumato in una tavola calda/self service può arrivare a costare 13,50 € al giorno, per un totale di 297,00 € al mese, ben il 144% in più rispetto al 2001.

 

 

 

 

 

Alla luce di questi rincari, in tempo di crisi, sono sempre di più i cittadini che rinunciano alla “pausa pranzo” nei punti self service/bar/mense e preferiscono portarsi il pranzo da casa. Una scelta sicuramente meno comoda, ma che permette un notevole risparmio: lo stesso pasto tipo, infatti, preparato a casa costa circa 3,40 Euro, cioè il 75% in meno rispetto a quello acquistato.
Alla luce di tali costi si evidenzia un cambiamento di abitudini: oltre un lavoratore su 3 si porta il pasto da casa.
Ecco così che fioccano i prodotti per scaldare, contenere e confezionare i propri pasti.
Dall’altro lato gli esercenti non si danno per vinti e per contrastare tale tendenza si affidano alla fantasia: dalle ricette più fantasiose, ai punti ristoro biologici, alla riscoperta dei panini più tradizionali, al fioccare di offerte e tessere fedeltà.

 

Ecco nel dettaglio i costi rilevati dall’O.N.F.:
– sia relativamente ai prodotti distribuiti presso ber/mense/self service,
– sia la nuova ricerca che monitora i prezzi dei prodotti relativi alla pausa pranzo fai da te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Con questa citazione alla "Guido Meda" introduco il nuovo video di TRENDS che si preannuncia MOLTO
In Italia la “guerra alla liquidità” lasciata sul conto corrente è oramai un mantra per il sis
Ftse Mib. Dopo il test della trend line rialzista (avviata dai minimi di ottobre 2020 e confermata
Opzioni e Future 22 Ottobre. I principali indici azionari giovedì hanno avuto movimentazioni e c
China Evergrande Group ha fornito fondi per pagare gli interessi su un'obbligazione in dollari U
Cara Chiara, in questo momento non è facile per noi condividere la tristezza del nostro cuore,
Il futuro è incerto, da sempre, e mai come oggi ci sono tante varianti che possono condizionare
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Opzioni e future 21 Ottobre. Gli indici azionari mercoledì si sono stabilizzati in modo eterogen
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u