Pausa Pranzo: dopo le ferie nessun aumento dei prezzi

Scritto il alle 15:03 da Redazione Finanza.com

Al rientro dalle ferie, ripresa l’attività lavorativa, sono molti i cittadini che devono fare i conti con i costi della pausa pranzo.
A causa dei costi, ma anche a causa purtroppo della forte riduzione di occupati, alcune aziende hanno chiuso le mense: quella della pausa pranzo, quindi, è una questione sempre più sentita. Anche perché, di anno in anno, si fanno sempre più salati i prezzi delle pietanze servite presso i punti di ristoro, le mense ed i self service.
L’aggiornamento delle rilevazioni dell’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha registrato aumenti medi del +0,6% rispetto al 2014.
Un pasto tipo, composto da: acqua, piatto di pasta, dessert e caffè consumato in una tavola calda/self service può arrivare a costare 13,50 € al giorno, per un totale di 297,00 € al mese, ben il 144% in più rispetto al 2001.

 

 

 

 

 

Alla luce di questi rincari, in tempo di crisi, sono sempre di più i cittadini che rinunciano alla “pausa pranzo” nei punti self service/bar/mense e preferiscono portarsi il pranzo da casa. Una scelta sicuramente meno comoda, ma che permette un notevole risparmio: lo stesso pasto tipo, infatti, preparato a casa costa circa 3,40 Euro, cioè il 75% in meno rispetto a quello acquistato.
Alla luce di tali costi si evidenzia un cambiamento di abitudini: oltre un lavoratore su 3 si porta il pasto da casa.
Ecco così che fioccano i prodotti per scaldare, contenere e confezionare i propri pasti.
Dall’altro lato gli esercenti non si danno per vinti e per contrastare tale tendenza si affidano alla fantasia: dalle ricette più fantasiose, ai punti ristoro biologici, alla riscoperta dei panini più tradizionali, al fioccare di offerte e tessere fedeltà.

 

Ecco nel dettaglio i costi rilevati dall’O.N.F.:
– sia relativamente ai prodotti distribuiti presso ber/mense/self service,
– sia la nuova ricerca che monitora i prezzi dei prodotti relativi alla pausa pranzo fai da te.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Arrivano due tasselli importanti. Il voto che sancisce la fine dei dubbi sulla BREXIT e l'arrivo d
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Come da manuale ora abbiamo in un colpo solo tutto quello che l'antibiblioteca di Eco suggeriva,
"L’anno bellissimo"  preconizzato dal presidente del Consiglio n. 1 ( Preconizzare = annunciare s
Il Fomc doveva scorrere via liscio senza particolari novità. Ed in effetti non sono successe de
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
E’ meglio comprare un’auto nuova o noleggiarla a lungo termine è la domanda che si è posta Alt
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Non potevo trovare migliore vigneta per sintetizzare la riunione del FOMC della Federal Reserve
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u