RC auto: attestato-rischi online dal 1° luglio

Scritto il alle 06:02 da Redazione Finanza.com

L’attestato di rischio sarà disponibile online: è una grossa novità in Italia in tema di RC auto, a testimonianza della sempre maggior digitalizzazione delle informazioni. Il documento che attesta la classe di appartenenza dell’assicurato e il numero di incidenti eventualmente fatti, dal 1° luglio dovrà essere disponibile in formato digitale. Tuttu coloro che cambieranno la RC auto non dovranno più consegnarlo alla nuova compagnia assicurativa al momento della stipula della polizza.

Per effetto del nuovo regolamento, il compito di procurarsi l’attestato di rischio passa alla nuova compagnia che potrà con pochi click tranquillamente scaricare il documento accedendo alla banca dati comune alle aziende del settore. Va da sé, che questa è un’operazione possibile solo a patto che la vecchia agenzia assicurativa renda disponibile l’attestato di rischio nella banca dati sul proprio sito web. Ovviamente, le imprese saranno responsabili della correttezza e dell’aggiornamento dei dati inseriti a sistema e dovranno rendere disponibili le informazioni almeno trenta giorni prima della scadenza contrattuale. Anche i clienti potranno accertarsi della produzione del documento, accedendo con le credenziali all’area dedicata del sito della compagnia. In questa logica, in occasione della stipula del contratto, dovranno essere fornite per iscritto al cliente tutte informazioni utili per accedere al servizio. Previste anche altre forme per ricevere il proprio attestato di rischio perché, infatti, su richiesta dell’interessato la compagnia potrà inviare il documento via email, mediante WhatsApp o la messaggistica di Facebook.

Tutte modalità di invio che rientrano nel campo della dematerializzazione, tanto discusso e promosso nel corso degli ultimi anni. Ciò presuppone un minimo di dimestichezza con le nuove apparecchiature tecnologiche e con il web, un presupposto che potrebbe mettere in difficoltà chi fa fatica ad usare i nuovi mezzi informatici. In questo caso la compagnia è tenuta a garantire al cliente la stampa cartacea del documento ma non la consegna a domicilio: sarà dovere dell’assicurato recarsi presso la propria agenzia per il ritiro del documento.

Con l’attestato di rischio digitale si chiude la prima parte del progetto di dematerializzazione, frutto di una collaborazione tra gli operatori di mercato, le imprese, le associazioni di consumatori. Il progetto di “dematerializzazione dell’attestato di rischio”, secondo le intenzioni dei promotori, dovrebbe continuare con una seconda fase dove è previsto il passaggio dal documento di rischio statico a quello dinamico. Quest’ultimo dovrebbe essere continuamente aggiornato e in grado di contrastare i fenomeni illeciti. Un progetto di dematerializzazione delle assicurazioni auto che dunque procede senza soste, un modo per semplificare le procedure tra compagnie e clienti, aumentare la trasparenza e combattere i gravi problemi legati alle frodi assicurative. Inoltre, le nuove procedure informatiche favoriscono il ribasso del costo delle polizze: un altro aspetto molto positivo di questo processo di dematerizzazione in corso.

Tutto pronto quindi, a partire dal 1° luglio i nuovi contratti RC auto dovranno essere caratterizzati dall’attestato di rischio elettronico, come previsto dal nuovo regolamento consultabile e scaricabile interamente sul sito dell’IVASS.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Ebbene si, il 2021 è stato un anno veramente intenso e pesante, che mi ha impegnato sotto tanti
Nel post precedente vi ho parlato della reazione del mercato post Meeting FED. Ho cercato di ap
Ftse Mib. L’indice italiano ha toccato un nuovo massimo pluriennale a 25.926 punti l’8 giugno f
Giornata epica quella di ieri come non se ne vedevano da qualche mese! Mentre dotti, medici e
Oggi è il giorno delle quattro streghe. Scadranno i future su indici, i future su azioni, le opzion
  Mi tocca riprendere per forza il post di ieri sul Meeting FED perché, come volevasi
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Vi confesso che non vedevo l'ora di mettermi a scrivere questo post dopo le decisioni del FOMC d
Il FOMC mi dà l’occasione di tornare a scrivere per analizzare fondamentalmente cosa di nuovo
Siamo arrivati quasi alla fine del trimestre borsistico ed ormai sulla scadenza Giugno i giochi sono