ADUC: Class action, nuovo testo va meglio

Scritto il alle 09:02 da Redazione Finanza.com

Il testo del disegno di legge che la Camera ha approvato sulla nuova azione di classe è sicuramente migliorativo rispetto alla normativa farsa attualmente in vigore per due ordini di motivi: non scoraggia la proposizione di class action, in caso di accoglimento della class action, si pone a carico dell’azienda chiamata in causa una serie di oneri economici punitivi. Vedremo se il Senato lo confermerà, migliorerà (dal nostro punto di vista) o lo snaturerà facendosi condizionare dalla strenua opposizione di Confindustria e dai sostenitori di queste posizioni in Parlamento.
La normativa attualmente in vigore sobbarca il consumatore/utente che propone l’azione di una serie di oneri il cui effetto (e scopo?) è quello di scoraggiare dal proporre una class action. Infatti: – rischia una condanna alle spese e al risarcimento dei danni per lite temeraria in caso di inammissibilità della domanda (quanto può chiedere ad esempio un gestore telefonico per i danni all’immagine??); – ha l’onere di pubblicizzare (come? E a che costo?) l’eventuale provvedimento che dichiara l’inammissibilità’; – ha l’onere di pubblicizzare l’azione in caso di ammissibilità. Chi e perché dovrebbe “immolarsi” economicamente per il bene di tutti i soggetti che hanno avuto lo stesso problema? Non sarà meglio proporre una propria azione individuale e rischiare meno?
Nel nuovo testo spariscono i riferimenti al risarcimento dei danno da lite temeraria e alla pubblicizzazione dell’inammissibilità’ dell’azione. Al contrario, se il giudice ritiene che la domanda proposta non sia manifestamente infondata, può ordinare che le spese di pubblicizzazione siano anticipate dal convenuto. In caso di accoglimento dell’azione e dunque di condanna dell’azienda chiamata in causa, i miglioramenti alla attuale legge sono diversi.
Gli strali di Confindustria (“la manina anti-imprese continua ad andare avanti”, ha detto il presidente Giorgio Squinzi) ci sembrano preoccupanti: non sarebbe la prima volta che alcune leggi riescono ad adattarsi agli interessi di una corporazione piuttosto che servire quelli di tutti i cittadini.
Ci preoccupa il fatto che l’associazione degli industriali si inalberi per difendere le eventuali azioni illecite e illegali che gli industriali potrebbero commettere. Le motivazioni addotte contro il nuovo testo, sono del tipo “riduzione del danno”: se il riconoscimento di un torto ci deve essere -dicono fra le righe- che sia il meno oneroso possibile; non solo, ma è bene che gli strumenti dei danneggiati per farsi valere siano difficoltosi ed onerosi per gli stessi, sì da scoraggiarli all’uso. Confindustria e i suoi sostenitori in Parlamento sono memori e nostalgici della normativa oggi in vigore, che -tutta a vantaggio dei potenziali danneggiatori- di fatto impedisce qualunque tipo di azione collettiva. Poco importa -aggiungiamo noi- la legittimità’ di ogni danneggiato da una violazione di legge a vedere riconosciuto il proprio diritto e il proprio risarcimento. La parola e la pratica di “Giustizia uguale per tutti” sembrano loro estranee. Sembra che all’associazione degli industriali e ai suoi sostenitori interessi di più che i danneggiatori non siano mai riconosciuti tali e, quand’anche lo fossero, che paghino meno del giusto sì da poter continuare nel loro danneggiamento. Niente di nuovo in questo approccio a giustizia e risarcimento del danno. Né più né meno di quanto -per esempio- oggi è previsto per i milioni di illeciti e reati delle aziende tlc ed energetiche: viste le basse e rare sanzioni pecuniarie a cui ogni tanto devono far fronte per le condanne delle specifiche Autorità, continuano imperterrite a perpetrarle: il guadagno da illeciti è sempre e comunque maggiore di queste sanzioni, la cui reiterazione, fra l’altro, non costituisce per loro aggravante sì da -per esempio- inficiare le autorizzazioni per le loro attività in generale.
Sembra che Confindustria e i suoi sostenitori parlamentari mirino a questo anche per la class action, con tanto di rimpianto per l’attuale normativa immobilizzante per i diritti dei danneggiati.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Rimango sempre più convinto che il mercato sia stupido, che le aspettative razionali sono una d
Sulle opzioni Mibo scadenza luglio si assiste ad un aumento di contratti put a strike 24500 e contra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Dopo il poderoso rimbalzo di ieri andiamo a vedere dove stanno togliendo o mettendo rischio gli oper
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Un fine settimana davvero interessante quello della settimana scorsa, interessante ed entusiasma
Settimana contraddistinta da debolezza e ribassi delle quotazioni. Probabilmente le chiusure di fine
Analisi Tecnica Ha tenuto la resistenza a 25780 creando un trading range di breve con un supporto
Stoxx Giornaliero Buonasera a tutti, è bastato il primo angolo dei tre menzionati nell’ult