Bpm: nuova App Webank per Apple Watch

Scritto il alle 19:54 da Redazione Finanza.com

Webank sbarca sull’Apple Watch. La Banca Popolare di Milano ha annunciato la nascita dell’app Webank appositamente pensata per l’Apple Watch. Tramite l’applicazione, a breve disponibile all’interno dell’Apple Store, i clienti di Webank potranno visualizzare il saldo del proprio conto corrente con un semplice ‘tap’.

“Gli utenti –si legge nella nota della Popolare di Milano- potranno inoltre ricevere messaggi sull’Apple Watch relativi alle movimentazioni di conto più frequenti: prelievi, pagamenti o operazioni ricorrenti quali l’accredito dello stipendio”. E numerose altre funzioni “saranno rilasciate nei prossimi mesi”.

“Siamo tra le prime Istituzioni finanziarie, sia a livello internazionale che domestico, a offrire questa opportunità”, ha dichiarato Luca Gasparini, responsabile Multi Channel Banking di Banca Popolare di Milano.

“Si tratta di un ulteriore passo avanti che conferma l’impegno costante e continuo del Gruppo Bpm a proseguire sul cammino dell’innovazione, valorizzando le competenze e l’eccellenza di Webank”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
Tags: , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Analisi Tecnica Stiamo tirando il fiato. Non regge la halfway della long white ma regge al momento
In attesa di provare a delineare le tendenze principali del prossimo anno che ritengo un a
GUEST POST: alternativa ai ragionamenti fatti fino ad oggi dai giornali E’ chiaro che con la cr
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Riprendendo una vecchia canzone di Vasco Rossi, non sono certo i nuovi massimi che fanno paura ai
Questa sera alle 16.00 si svolgerà il webinar UniCredit con ospite Stefano Fanton, trader profes
Velostazione, corsi a distanza e un master interno sono le ultime attività che Eni sta sviluppando
Conoscere i principi della finanza e delle pensioni è meglio che ignorarli, detta così sembra una
Torniamo ancora una volta sulla questione dei siti dove trovare informazioni inerenti le criptov
Oplà, ti pareva che qualcuno, in particolare quelli della CNBC, non facessero uscire la notizia