Google presenta Android Pay: come funziona

Scritto il alle 11:53 da Redazione Finanza.com

Pagare sarà ancora più facile: il pagamento diventerà sempre più “virtuale” con il nuovo tasto creato da Google

Il motore di ricerca Google ha presentato Android Pay nel corso di  I/O 2015, l’evento clou del più importante motore di ricerca di Internet ed occasione per presentare in anteprima le novità in uscita da Mountain View.

Android Pay è il sistema di pagamento su cui Google sta lavorando, da utilizzare su smartphone con sistema operativo Android. In un mercato fortemente concorrenziale per la presenza di Apple e di Ebay, con PayPal, Google si è già attivata con una serie di accordi con le più grandi compagnie telefoniche americane (T-Mobile, Verizon e At&T), al fine di preinstallare il servizio sui device che dispongono di Android 4.4 KitKat.

Android Pay, che verrà lanciata definitamente entro la fine del 2015, utilizza la tecnologia NFC, ovvero il sistema di connettività wireless (RF) bidirezionale a corto raggio (fino a un massimo di 10 cm), realizzato in unione fra i big del settore. Ad esso sarà possibile associare le principali carte di credito ed i propri conti correnti. Diventerà un vero “borsellino elettronico”, pertanto non sarà utilizzato solo nei negozi fisici con lo smartphone, ma soprattutto vedrà l suo utilizzo per lo shopping online.

Il funzionamento è semplicissimo: si seleziona l’articolo che vogliano acquistare e si procede alla verifica dell’identità tramite una sequenza di blocco o tramite impronte digitali, ovviamente bisognerà essere  in possesso di una connessione internet in quanto la verifica avverrà online per rendere sicura la transazione tramite la verifica del cloud. In questo modo non sarà più nemmeno obbligatorio “aprire il portafoglio”, un vero e proprio sistema di pagamento da utilizzare senza l’uso delle mani.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Nei giorni passati abbiamo abbondantemente parlato del ruolo delle banche centrali e delle prome
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
  Questo articolo è scritto per coloro che, in barba a tutti gli avvertimenti, stanno "
Prima di parlare della patetica conferenza di Powell ieri davanti alla Commissione dei serivizi
Ftse Mib: l'indice italiano tenta di confermare il break dei 22.000 punti ed oggi si porta sulla res
Negli ultimi anni in Italia la figura del manager ad interim ha acquisito maggiore rilevanza ed è
I mercati si sentivano come “in riserva”. Esaurite le spinte rialziste legate alle buone not
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: lo scorso 3 luglio l’indice italiano è riuscito a superare con volatilità e volumi i
Con la legge 28 marzo 2019, n. 26, è stato convertito, con modificazioni, il decreto legge n. 4/201