BNP Paribas lancia sul mercato nuove obbligazioni su dollaro australiano e neozelandese

Scritto il alle 17:01 da Redazione Finanza.com

BNP Paribas ha annunciato l’emissione sul mercato Mot di Borsa Italiana di due nuove obbligazioni in dollari australiani e in dollari neozelandesi sulla scia del successo della precedente obbligazione tasso misto in Dollari statunitensi.

In un contesto di mercato in cui il Quantitative Easing (Qe) della Banca centrale europea (Bce) sta spingendo al ribasso i tassi di interesse delle obbligazioni del Vecchio continente, la ricerca di rendimento si sposta sempre più verso altre economie. Quella australiana e neozelandese, in particolare, hanno visto rafforzarsi negli ultimi anni le rispettive divise, favorite da contesti economici solidi, politiche fiscali e monetarie snelle e bassi indebitamenti pubblici.

Le due obbligazioni: ecco le caratteristiche principali

Questi fattori fanno delle due nazioni le protagoniste di due distinte Obbligazioni a 8 anni della nuova Offerta pubblica di vendita firmata BNP Paribas. Acquistabili dal 25 al 29 maggio a prezzo fisso sul segmento Mot di Borsa Italiana, entrambe garantiscono un tasso fisso per i primi due anni, seguito da uno variabile dal terzo all’ottavo.

Nello specifico, l’Obbligazione in dollari australiani (codice ISIN XS1235187306) paga cedole trimestrali ad un tasso annuale del 6% per i primi due anni e cedole trimestrali ad un tasso pari all’Euribor a 3 mesi +2% dal terzo anno fino a scadenza, fissata a giugno 2023. Stesso meccanismo vale per l’Obbligazione in dollari neozelandesi (codice ISIN XS1235201735), che riconosce anch’essa cedole trimestrali ad un tasso annuale del 6% per i primi due anni, per poi pagare cedole trimestrali ad un tasso pari all’Euribor a 3 mesi +3% dal terzo all’ottavo anno. Acquistabili in lotti minimi di 2.000 AUD (le prime) e 2.000 NZD (le seconde), le due Obbligazioni a tasso misto pagano cedole e rimborsano il capitale a scadenza nelle rispettive valute.

La liquidità, garantita da BNP Paribas, permette un’eventuale uscita dall’investimento prima della scadenza. I rischi rimangono quelli legati all’emittente (BNP Paribas Arbitrage Issuance BV, rating A+ S&P) e al rischio cambio. La sottoscrizione, il pagamento delle cedole e il rimborso del capitale a scadenza sono regolati in valuta. Il controvalore in euro delle cedole e del capitale possono variare in modo favorevole o sfavorevole al sottoscrittore a causa delle variazioni del rapporto di cambio tra il dollaro australiano o neozelandese e l’euro durante la vita dell’obbligazione.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
8 italiani su 10 vorrebbero comprare una macchina elettrica. Sono infatti riconosciuti da quasi tu
Ftse Mib: l'indice italiano si mostra ancora debole appesantito dal dividend day, giorno in cui ci
Dopo una lunga trattativa il 17 maggio 2019 è stato firmato il contratto integrativo 2019/2021 per
Eccoci di nuovo qui, in questi due giorni non c'era nulla di interessante da raccontare dopo que
A scuola di opzioni. Riprendiamo da qua la didattica operativa di base utilizzando sempre i quadern
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: l'indice italiano apre positivamente dopo il Dividend Day, anche se la cautela resta d'obb
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
§ Ormai siamo in balia di un tweet e della replica che ne consegue. Ma anche su questo aspetto il
Ftse Mib: l'indice italiano oggi apre in forte gap down nel giorno del Dividend Day. Circa il 60% in