Netflix: cosa è, come funziona

Scritto il alle 07:40 da Redazione Finanza.com

Lo streaming di Netflix sbarcherà in Italia a partire da ottobre. Dopo tanta attesa da parte degli appassionati di cinema e serie tv del nostro Paese, il servizio sarà dunque disponibile per i tanti fruitori di video on demand della Penisola. Ma di che cosa si tratta, esattamente?

Netflix è un societa fondata negli Stati Uniti nel 1997 da Marc Randolph e Reed Hastings per cavalcare il successo di Blockbuster e proporre un servizio di noleggio di DVD (e poi anche Blue-ray) e videogiochi. Il film (o il videogame) richiesto arriva però direttamente a casa dell’utente via posta. Il noleggio non ha limiti di tempo, ma è possibile noleggiare solo un numero limitato di prodotti per volta, a seconda del tipo di abbonamento sottoscritto. Con il servizio di spedizione a casa, il costo in USA è pari a 7.99 dollari al mese. Se si vuole aggiungere il piano Dvd, oltre a quello InstaStreaming, il prezzo aumenta.

Nel 2007, a questo servizio di videonoleggio postale, la società ne ha affiancato uno on line: pagando un abbonamento mensile, infatti, è possibile accedere a un vasto archivio on demand di film e serie tv, attualmente composto da oltre cinquantamila unità.
Uno streaming in alta qualità e legale, in pratica – usufruibile da pc, smartphone, tablet, consolle come Playstation, Wii e Xbox o direttamente dalla propria televisione – che può vantare a oggi circa 30 milioni di utenti negli Stati Uniti, a cui se ne aggiungono altri 38 milioni nel resto del mondo, nei Paesi in cui il servizio è già attivo (seppure con un archivio più ridotto: in Gran Bretagna, Netflix offre circa tremila contenuti, mentre nel resto dell’Europa la quantità si aggira intorno alle duemila unità). Nel catalogo di Netflix è possibile trovare film e serial televisivi prodotti da colossi dell’intrattenimento come Dreamworks, Sony, Walt Disney, Warner Bros, 20th Century Fox e CBS.

Nel 2011, poi, la società ha iniziato anche a produrre i propri contenuti originali. Il primo è stato il serial House of Cards, prodotto da David Fincher (già regista di film come Seven e Fight Club) e interpretato da Kevin Spacey (vincitore di due premi Oscar). Il successo di questo thriller politico – giunto ormai alla terza stagione e acclamato da critica e pubblico – ha spinto quindi Netflix a creare altri prodotti originali per i propri utenti, spaziando da sitcom come Arrested Develpment a serie più drammatiche come Orange Is the New Black, fino ad arrivare alla recente Daredevil, ispirata all’omonimo personaggio dei fumetti di Marvel Comics, che ha stabilito il primato particolare di secondo show più scaricato illegalmente al mondo, spingendo forse Netflix ad accelerare i tempi nella diffusione nei paesi ancora non raggiunti dal proprio servizio.

È notizia di questi giorni infatti che Netflix è pronta a sbarcare anche in Italia con il suo servizio di streaming. L’arrivo è previsto per Natale 2015, con un abbonamento di 7,99 euro al mese ma con un catalogo almeno inizialmente piuttosto ristretto, che cercherà comunque di fare concorrenza a Sky Online e Infinity Premium, i due concorrenti principali del settore. Il partner tecnico di Netflix sarà Telecom Italia, ma sarà possibile usufruire del servizio da qualsiasi provider di servizi Internet.

Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Come vedremo nel fine settimana insieme al nostro Machiavelli, le ultime minute hanno rivelato c
Guest post: Trading Room #512. Il grafico FTSEMIB weekly ha raggiunto vette importanti ma anche un
La trimestrale di NVIDIA stupisce i mercati e il rally continua. Ma allo stesso tempo, il mercato ob
La Cina è un'immensa mina deflattiva esplosa nell'oceano globale, una spettacolare bolla immobi
Lo so, deve essere stato difficile per ben 13 anni aspettare l'inflazione, chiamare l'inflazione
Guest post: Trading Room #511. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura che continua ad essere r
Malgrado i dati macro non sicuramente eccezionali per i mercati, con un'inflazione che sale e cambia
Giornata perfetta ieri, con nuovi massimi sui mercati europei come aveva previsto su Twitter il
Oggi, terzo venerdì del mese, è giornata di scadenze tecniche. Scadranno le opzioni su azioni, le
Viviamo davvero in un mondo di matti, basta guardare alla reazione isterica dei profeti dell'inf