Bond: Goldman Sachs punta sul dollaro australiano, 3,5% annuo e scadenza 2023

Scritto il alle 18:52 da Redazione Finanza.com

Nuovo bond in dollari australiani in arrivo da Goldman Sachs. Il colosso a stelle e strisce ha recentemente lanciato sul mercato una nuova obbligazione (codice Isin XS1166378718) “senior unsecured” (non assistita quindi da particolari garanzie) in dollari australiani per un controvalore di 50 milioni di AUD (“aussie”). Il taglio minimo delle 25 mila obbligazioni in circolazione è di 2 mila dollari australiani e il bond, dal 7 maggio del 2015, è in negoziazione sul segmento ExtraMOT di Borsa Italiana.

Questi “Kangaroo Bond” fruttano interessi annui lordi pari al 3,50% del valore nominale, pagabili in via posticipata il 28 aprile di ogni anno fino al 2023, quando è previsto il rimborso del titolo. La valutazione assegnata al titolo da parte di Standard & Poor’s è pari a è “A” mentre per l’agenzia Moody’s il giudizio si attesta ad “A2”.

Fattore di rischio correlato con il titolo è rappresentato dall’andamento del cambio tra l’euro e la divisa australiana, un elemento capace di influenzare sia l’entità dei flussi periodici, sia l’ammontare del capitale finale (un rafforzamento dell’aussie è destinato ad incrementare il rendimento totale appannaggio dell’investitore).

L’economia australiana è da sempre caratterizzata da una spiccata solidità, da un’invidiabile flessibilità fiscale e monetaria, da un bassissimo indebitamento pubblico (inferiore al 30% del Pil) e da limitate pressioni inflazionistiche. Non a caso l’agenzia Standard & Poor’s assegna alla “Terra dei Canguri” il giudizio massimo, la mitica tripla A, e per il biennio 2016-2017 stima una crescita della ricchezza prodotta di circa il 3% annuo. Oltre a questi fattori, un sostegno per l’aussie dovrebbe arrivare anche dall’amplissima disponibilità di materie prime del Paese visto che il rafforzamento della congiuntura globale è destinato a spingere al rialzo i prezzi delle commodity e quelle valute, come appunto il dollaro australiano, a queste collegate.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Inflation linked scontano tutto e diventano cari per le prospettive 2022-2023? Se parliamo di INF
Ieri Wall Street ha fatto festa, chiusa per festività. Non perché era il Blue Monday (dai che
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Le mosse della FED hanno messo paura ai mercati ma al momento il mercato regge. Merito anche dei
Ftse Mib. Dopo il rimbalzo che ha caratterizzato la parte finale del 2021, il nostro indice ha ragg
Oggi, in occasione del Martin Luher King Day, è giornata di festa per il mercato americano. I dati
Per il rotto della cuffia, quindi, sembra che l’abbiamo svangata. Come vi ho illustrato nel we
Venerdì mattina, prima dell'uscita dei dati relativi alle vendite al dettaglio abbiamo scritto.
Guest post: Trading Room #426. Malgrado tutto possiamo dire che siamo entrati in una fase interloc