Bond: Goldman Sachs punta sul dollaro australiano, 3,5% annuo e scadenza 2023

Scritto il alle 18:52 da Redazione Finanza.com

Nuovo bond in dollari australiani in arrivo da Goldman Sachs. Il colosso a stelle e strisce ha recentemente lanciato sul mercato una nuova obbligazione (codice Isin XS1166378718) “senior unsecured” (non assistita quindi da particolari garanzie) in dollari australiani per un controvalore di 50 milioni di AUD (“aussie”). Il taglio minimo delle 25 mila obbligazioni in circolazione è di 2 mila dollari australiani e il bond, dal 7 maggio del 2015, è in negoziazione sul segmento ExtraMOT di Borsa Italiana.

Questi “Kangaroo Bond” fruttano interessi annui lordi pari al 3,50% del valore nominale, pagabili in via posticipata il 28 aprile di ogni anno fino al 2023, quando è previsto il rimborso del titolo. La valutazione assegnata al titolo da parte di Standard & Poor’s è pari a è “A” mentre per l’agenzia Moody’s il giudizio si attesta ad “A2”.

Fattore di rischio correlato con il titolo è rappresentato dall’andamento del cambio tra l’euro e la divisa australiana, un elemento capace di influenzare sia l’entità dei flussi periodici, sia l’ammontare del capitale finale (un rafforzamento dell’aussie è destinato ad incrementare il rendimento totale appannaggio dell’investitore).

L’economia australiana è da sempre caratterizzata da una spiccata solidità, da un’invidiabile flessibilità fiscale e monetaria, da un bassissimo indebitamento pubblico (inferiore al 30% del Pil) e da limitate pressioni inflazionistiche. Non a caso l’agenzia Standard & Poor’s assegna alla “Terra dei Canguri” il giudizio massimo, la mitica tripla A, e per il biennio 2016-2017 stima una crescita della ricchezza prodotta di circa il 3% annuo. Oltre a questi fattori, un sostegno per l’aussie dovrebbe arrivare anche dall’amplissima disponibilità di materie prime del Paese visto che il rafforzamento della congiuntura globale è destinato a spingere al rialzo i prezzi delle commodity e quelle valute, come appunto il dollaro australiano, a queste collegate.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Credo sia giusto riprendere il discorso da dove lo avevamo lasciato, partendo proprio dalla slid
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
La ripartenza ciclica è una cosa nota. Spesso e volentieri si paragona la pandemia da Covid-19
Oggi è una giornata che rischia di diventare un vero “turning point”. Anche se il focus è
Indici azionari sotto pressione, volatilità implicite in aumento e deviazioni standard testate più
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
Ribadisco quanto detto nel post precedente. La giornata di DOMANI rischia di essere determinante
Questo post è la naturale prosecuzione di quello scritto ieri, che ovviamente vi invito a ripre
Inizio settimana che si contraddistingue da iniziali prese di profitto che hanno dato luogo ad un ri
Con le aspettative per un dato sull'occupazione in aumento, il consenso si aspettava un numero e