DEGIRO, taglia le commissioni di negoziazione in attesa dell’ITForum

Scritto il alle 11:55 da Redazione Finanza.com

 

 

 

 

 

 

 

DEGIRO, broker proveniente dai Paesi Bassi e attivo in Italia da gennaio, ha in programma di partecipare all’ITF di Rimini che si terrà nei giorni 21 e 22 maggio. Qui DEGIRO si presenterà al mercato italiano dei broker online, il quale è estremamente competitivo, puntando ad affermarsi come broker più economico in Italia.
A tal fine DEGIRO ha compiuto un passo estremo abbassando le sue commissioni di negoziazione al di sotto di quelle dei suoi concorrenti. Infatti per l’azionario italiano le commissioni hanno un ammontare massimo di 4.99 euro per eseguito. Dunque gli investitori che solitamente negoziano operazioni di piccolo ammontare possono beneficiare della commissione ibrida offerta da DEGIRO di 0,50 euro + 0,04% mentre gli investitori soliti investire cifre più importanti pagheranno un massimo di 4,99 euro. Ad ogni modo i prezzi di DEGIRO risultano più bassi rispetto a quelli dei competitor.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
La tendenza rialzista al momento non è in discussione anche se ovviamente ci sono degli eccessi d
Dalla crema di cipolla anticellulite, all'uva sottomarina fino al collare antilupo. Sono solo alcune
  Nel video viene evidenziata la movimentazione degli ultimi giorni sullo strike PUT 8.8
Ftse Mib: l'indice italiano è andato a chiudere il gap up che si era formato il 3 gennaio prima di
Ieri un altro governatore della Fed di Dallas Kaplan ha ammesso che la politica monetaria è in
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il mercato è estremamente sensibile alle notizie ed agli eventi che spesso, di economico, hanno
L'ambiente è tra le prime preoccupazioni degli italiani, più che l'economia. Inquinamento e de
Ftse Mib: l'indice italiano tenta il rimbalzo favorito dall'accordo di fase 1 USA-Cina. Il quadro gr
Ad un giorno dalle scadenze tecniche di gennaio andiamo a vedere quali sono gli ultimi aggiustamenti