Microsoft Project Spartan: il nuovo browser

Scritto il alle 15:54 da Redazione Finanza.com
Microsoft Project Spartan: il nuovo sistema operativo

Microsoft ha annunciato “Project Spartan” nei giorni scorsi, mandando di fatto in pensione Internet Explorer dopo 20 anni dal suo lancio. Il nuovo browser sarà abbinato al sistema operativo Windows 10, entrato sul mercato nello scorso settembre. Tuttavia il vecchio browser resterà ancora a disposizione nel sistema operativo (versione 11) nel caso in cui ci si trovasse di fronte a siti web datati che necessitano di browser compatibili. Per Microsoft si tratta di un rinnovamento quasi obbligato, visto il terreno perduto soprattutto negli ultimi anni da Explorer nei confronti di altri browser.

Per l’azienda di Redmond si può parlare di una rivoluzione vera e propria, dopo i fallimenti di Windows 8 e della versione successiva denominata 8.1; sistemi operativi dalle interessanti potenzialità rimaste però inespresse e dunque incapaci di soddisfare le esigenze degli utenti. Voltare pagina, dunque, era diventato inevitabile e il primo passo indirizzato verso nuovi orizzonti da parte di Microsoft è stato l’accantonamento di Internet Explorer, reso rapidamente superato dalla tecnologia mobile e dai sistemi operativi per smartphone e tablet sfornati da Apple e Google.

Project Spartan è nato in primo luogo per colmare questo gap che stava cominciando a creare più di qualche imbarazzo; il nuovo browser presenta subito un’integrazione interessante, l’assistente virtuale “Cortana”, che sarà in grado di fornire agli utenti indicazioni e suggerimenti in maniera tale che l’esperienza di navigazione con il nuovo browser risulti più completa. La novità in assoluto più intrigante, però, è un’altra: Project Spartan offre la possibilità di effettuare modifiche sulle pagine web visitate con schemi, commenti o disegni attraverso una matita virtuale o con le dita. Il risultato finale, poi, sarà condivisibile con altri utenti attraverso i social network oppure via mail.

L’interfaccia del nuovo browser è decisamente essenziale e priva di fronzoli, con una barra di navigazione nella quale sono presenti pochi oggetti che, peraltro, occupano davvero poco spazio. La finestra principale è delimitata da spigoli vivi e persino i pulsanti disponibili, tutt’altro che numerosi, fanno dell’essenzialità il loro tratto distintivo. L’intera impostazione sembra perseguire un unico obiettivo: non distogliere l’interesse da ciò che è l’elemento principale di un browser, vale a dire la pagina web. È stato totalmente rivisto anche il motore di rendering per le pagine, ora più veloce e con una maggiore compatibilità.

Tuttavia ciò che si può vedere ora è solamente una versione incompleta del browser, una sorta di anteprima che verrà pian piano aggiornata ed integrata insieme agli sviluppi futuri di Windows 10. Già da tale versione preliminare, però, si può intuire il nuovo corso targato Microsoft, le cui premesse sembrano essere davvero valide. Nel corso dei prossimi mesi il nuovo browser prenderà forma pian piano e sarà pronto per l’estate. Funzionalità e prestazioni sono stati i parametri di riferimento per i programmatori, il cui obiettivo dichiarato era quello di ritornare a competere con Chrome e Firefox e creare un’interfaccia unificata in grado di poter svolgere il ruolo di valida alternativa anche nei confronti di Android e iOS.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Dopo i nuovi massimi Europei e la situazione di lateralizzazione in America andiamo a vedere come si
In Italia un processo civile, sommando tutti e tre i gradi di giudizio, dura in media ben 2.656 gior
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
A quanto sembra, malgrado tutto gli operatori si aspettano una forte spinta inflattiva. Ma sarà
Nonostante gli impegni formali assunti dalle Nazioni Unite e dalla Commissione Europea per migli
Le donne riescono a gestire in modo meno angosciante le preoccupazioni finanziarie rispetto agli
Oramai tra smart working, DAD, video conferenze, passiamo più tempo con le persone in modalità
Mercati europei aprono positivamente in scia al rimbalzo di venerdì dell'America e all'approvazione
Oggi iniziamo da quella che da ora in poi chiameremo la Grande Illusione, il piano di stimoli fi
Guest post: Trading Room #395. Si continua a ballare tra resistenza e supporti, senza avere direzi