Le 10 migliori Università nel Mondo

Scritto il alle 10:53 da Redazione Finanza.com

Quando si parla di Università, si pensa sempre a quali possano essere le migliori, le più prestigiose alle quali iscriversi per avere un futuro assicurato. Per andare incontro a quanti siano alla ricerca dell’Università perfetta, o almeno delle migliori Università del mondo, il Times Higher Education ha stilato una classifica che mette in relazione tutti gli atenei delle diverse nazioni. Per redigere la classifica, sono state messe a confronto una serie di dati e parametri che riguardano in particolare il sistema di insegnamento, i risultati delle ricerche, l’internazionalizzazione e il ‘Knowledge Transfer’, ossia la possibilità di trasferire le conoscenze delle tecnologie e della ricerca alle applicazioni imprenditoriali.

In una classifica di 400 posizioni, di seguito riportiamo le prime dieci, tra cui spiccano nomi inglesi ed americani, molto noti proprio per l’importanza delle attività che vi vengono svolte.

Di seguito si riportano i nomi delle prime dieci Università del Mondo, ossia il World University Rankings 2014-2015. Al primo posto e secondo posto vi sono due nomi americani, la Caltech (California Institute of Technology), e la celebre Università di Harvard. Al terzo posto la storica Università di Oxford, seguita dall’Università di Stanford e ancora, in posizione cinque, da un’altra Università storica, quella di Cambridge. Americane anche la sesta, settima ed ottava Università, rispettivamente il MIT (Massachusetts Institute of Technology), l’Università di Princeton e l’Università di California Berkeley. In pari posizione, al nono posto, seguono l’Imperial College di Londra e l’Università di Yale.

Anche se i primi dieci Atenei del mondo sono tutti localizzati in America o in Inghilterra, esistono una serie di ottime Università anche in altre nazioni. Scalando la classifica fino alla centesima posizione, ad esempio, si trovano atenei svizzeri, giapponesi e asiatici, canadesi, australiani, tedeschi ed anche italiani. La Normale di Pisa, la prima “tricolore”, si colloca al sessantasettesimo posto di questa importante classifica, mentre altri atenei italiani si ritrovano in posizioni inferiori.
La classifica dei migliori atenei del mondo viene stilata ogni anno dal Times Higher Education per cui, di anno in anno, si possono vedere le ascese di nuove Università o il peggioramento di altre, semplicemente confrontando le informazioni fornite dalle classifiche annuali.

Per quanto riguarda invece le Università italiane, già detto della Normale di Pisa, le altre si trovano in posizioni più basse. In posizione numero 221 si trova l’Università di Trieste, e poco dopo, in posizione 226 l’Università di Milano-Bicocca e poi ancora, fino alla quattrocentesima posizione, sono inserite in graduatoria l’Università di Pavia, quella del Salento, l’Università di Torino, di Bologna, la Statale di Milano, quella di Padova, l’Università di Pisa, il Politecnico di Milano, la Sapienza di Roma, l’Aldo Moro di Bari, l’Università di Ferrara, quella di Firenze e di Roma 3.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Favorito da un contesto positivo alimentato dalle chiusure senza tensioni a Wall Street e a Tokyo, i
Bob Rich il cartonist di Hedgeye che allieta da tempo le nostre pagine è un fuoriclasse nel met
L’Inps si conferma sempre di più come un ente onnivoro, basti ricordare l’incorporazione de
Nei giorni passati abbiamo abbondantemente parlato del ruolo delle banche centrali e delle prome
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
  Questo articolo è scritto per coloro che, in barba a tutti gli avvertimenti, stanno "
Prima di parlare della patetica conferenza di Powell ieri davanti alla Commissione dei serivizi
Ftse Mib: l'indice italiano tenta di confermare il break dei 22.000 punti ed oggi si porta sulla res
Negli ultimi anni in Italia la figura del manager ad interim ha acquisito maggiore rilevanza ed è