Lego è il Brand più potente del mondo, superata Ferrari: Sorprendono Apple, Twitter e Chipotle

Scritto il alle 13:30 da Redazione Finanza.com

Quali sono i marchi (o brand) più famosi del mondo? Come ogni anno a darci la risposta ci pensa Brand Finance che quest’anno da una risposta, relativamente, sorprendente: Lego ha scalzato Ferrari dal primo posto.

Questa ricerca analizza i brand più famosi al mondo con lo scopo di identificare quelli che hanno assunto maggior potere e quali sono da considerarsi come i più preziosi.

Ecco cosa è emerso dall’ultima analisi:

Lego, spinto dal successo incredibile di The Lego Movie, ha sostituito Ferrari come il marchio più potente. L’azienda dei Kristiansen, di cui vi abbiamo già raccontato l’INCREDIBILE storia, risulta il Brand migliore al mondo considerando aspetti come la familiarità, la lealtà al marchio, la capacità di promozione, la soddisfazione del personale e la reputazione dell’azienda. Nulla da aggiungere insomma, i bambini adorano giocarvici e genitori reputano i Lego uno degli oggetti migliori da dare in mano ai figli, per non parlare dei collezionisti che farebbero follie per riempire intere camere con tutte le edizioni più incredibili. Ma non è finita qui, non a caso, questa “esplosione” del Brand arriva nell’anno in cui Lego è andata oltre, e con “The Lego Movie” ha catturato tutte le diverse generazioni e le ha portate dentro i cinema per segnare un altro grande successo del Brand. Il film infatti, è stato un successo per il botteghino e per la critica, contribuendo in maniera netta a trasformare Lego da un marchio semplicemente amato, ad un brand forte e da considerare come più potente al mondo.

Ferrari, al contrario, perde potere; in quanto Lego, appunto, ha superato il Cavallino, che era spiccato lo scorso anno come marchio più potente. Ferrari rimane, ovviamente, un marchio molto forte, ma il suo potere sta lentamente diminuendo. L’assenza di recenti titoli in Formula1 rende sempre più distanti i glorioso anni 90 d’oro per il Brand. Ricordando che Ferrari ha subito un grande cambiamento strategico con la partenza di Luca di Montezemolo e l’arrivo di Sergio Marchionne che sembra propenso ad una politica volta intensamente all’aumento dei ricavi.

Ma non è solo il potere dei Brand ad emergere dall’analisi, ma anche, con l’ausilio di dati meramente finanziari, si tende a valutare anche il potere commerciale di un marchio. Ed è on queste variabili differenti che spicca il brand Apple che riesce a distinguersi nella capacità di commercializzazione e monetizzazione del famosissimo marchio con la mela morsicata. I critici sono stati zittita dal successo incredibile degli ultimi due Smartphone, iPhone 6 e 6 Plus che hanno riscosso gradimento tra i consumatori che hanno permesso ad Apple di stabilire un nuovi record per gli utili trimestrali ( $ 18 miliardi ) e per il valore dell’azienda ( $ 710bn ), con i tutti i meriti del caso per il CEO Tim Cook.

C’è anche Twitter tra i marchi che danno soddisfazioni, infatti rappresenta il brand più in crescita rapida avendo quasi triplicato il suo valore in un anno, passando da 1,5 miliardi di dollari all’inizio del 2014 a 4,4 miliardi dollari attuali. Il comparto tecnologico sorprende, ovviamente, per questa crescita esponenziali, infatti altri giganti tecnologici come Baidu e Facebook sono cresciuti fortemente, rispettivamente del 161% e del 146%.

Infine, segnaliamo Chipotle (famosissima catena di ristoranti messicani statunitense) si distingue tra i tanti marchi di successo; Il valore del brand è aumentato del 124% e insidia aggressivamente McDonald’s divorando quote di mercato grazie ad un posizionamento più salutistico, saporito ed etnico. Pensare che proprio l’iconico brand McDonald’s ha perso, in valore del marchio, 4 miliardi di dollari quest’anno.

Ecco la classifica completa emersa dalla relazione Brand Finance Global 500:

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 2 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Settembre può essere il momento giusto per cercare e trovare un nuovo lavoro e dare slancio all
Ftse Mib: l'indice italiano apre in rialzo e si riporta sopra i 22.000 punti. I livelli da monitorar
Oggi poche novità, in quanto ieri c'è stata la solita riunione della Federal Reserve, dove tra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: operatori cauti in attesa delle decisioni del Presidente della Fed. I mercati scommettono
I fondi negoziali della previdenza complementare non sono a prestazione definita. Sono a prestazione
Tutti in attesa della risposta di Powell dopo il convinto sostegno espansivo fronte BCE di Dragh
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Nell'articolo di questa mattina siamo stati profeti, rischio di mancanza di liquidità sui merca