Ricerca Censis-Fondazione Generali: giovani precari oggi, anziani poveri domani

Scritto il alle 13:59 da Redazione Finanza.com

“Il 65% dei giovani occupati dipendenti tra i 25 e i 34 anni avrà una pensione sotto i mille euro pur con avanzamenti di carriera medi assimilabili a quelli delle generazioni che li hanno preceduti, considerando l’abbassamento dei tassi di sostituzione”. La ricerca condotta da Censis e Fondazione Generali non restituisce un quadro confortante per la generazione dei “millennials” dai provata da una disoccupazione devastante. Anche perché il riferimento iniziale è a chi, un lavoro dipendente, ha la fortuna di averlo, ossia 3,4 milioni di giovani inseriti nel mercato del lavoro con contratti standard. “Poi ci sono – prosegue il comunicato del Censis – 890.000 giovani autonomi o con contratti di collaborazione e quasi 2,3 milioni di Neet, che non studiano né lavorano”.

Dunque i giovani precari di oggi rischiano di diventare gli anziani poveri di domani. Secondo la ricerca il 53% dei giovani tra 18 e 34 anni (definiti millennials) pensa che la loro pensione arriverà al massimo al 50% del reddito da lavoro. La loro pensione dipenderà dalla capacità che avranno di versare contributi presto e con continuità. “Tuttavia il 61% di questi giovani ha avuto finora una contribuzione pensionistica intermittente perché sono rimasti spesso senza lavoro o perché hanno lavorato in nero. Per avere pensioni migliori, l’unica soluzione e lavorare fino all’età avanzata, allo sfinimento”.
E si potrebbe anche fare, se il “mercato del lavoro” lo permettesse. “Siamo passati dal 69,8% dei giovani millennials occupati nel 2004 al 59,1% dei primi tre trimestri 2014. Il costo sociale di questa perdita di occupazione giovanile è stato pari a 120 miliardi di euro”. Non è un caso quindi che, guardando al futuro, la preoccupazione maggiore sia la perdita di autonomia che l’invecchiamento potrebbe portare. Il 43% degli italiani giovani e adulti teme l’insorgere di malattie, il 41% la non autosufficienza. “Solo il 16% dei giovani si sente tranquillo perché si sta preparando a quel momento con risparmi e polizze assicurative o semplicemente conta sul supporto della propria famiglia”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Come da manuale ora abbiamo in un colpo solo tutto quello che l'antibiblioteca di Eco suggeriva,
"L’anno bellissimo"  preconizzato dal presidente del Consiglio n. 1 ( Preconizzare = annunciare s
Il Fomc doveva scorrere via liscio senza particolari novità. Ed in effetti non sono successe de
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
E’ meglio comprare un’auto nuova o noleggiarla a lungo termine è la domanda che si è posta Alt
Ftse Mib: l’indice italiano è andato a testare nuovamente la trend line rialzista di breve period
Non potevo trovare migliore vigneta per sintetizzare la riunione del FOMC della Federal Reserve
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: apre debole l'indice italiano in attesa della Fed. Gli operatori attendono il meeting Fed