Google Earth: Gratis adesso, ecco tutte le potenzialità da sfruttare

Scritto il alle 10:00 da Redazione Finanza.com

Cos’è Google Earth?
Google Earth è un’applicazione che tramite un elaborato software è in grado di generare immagini virtuali del pianeta Terra, con la possibilità di entrare del dettaglio avvalendosi di una risoluzione inferiore al metro quadrato. Tali capacità sono rese possibili dall’utilizzo di immagini satellitari, acquisite grazie ad un capillare telerilevamento via terra, integrato da fotografie aeree e ulteriori dati topografici che vengono caricati su una piattaforma GIS. Inizialmente il programma possedeva il nome della precedente società che l’aveva prodotto, la Keyhole, ma dopo l’acquisto da parte di Google nel 2004 la nuova società decise di rinominare l’applicazione utilizzando il suo nome. Nello specifico, Google Earth Pro è una particolare versione del programma Google Earth, creata per un utilizzo commerciale del prodotto e dotata di numerose caratteristiche aggiuntive.

Possibili utilizzi del software Google Earth Pro
Google Earth Pro non solo permette di poter visualizzare le informazioni, così come il programma di base, ma ogni utente può aggiungere ulteriori dati e condividerli con chi nel mondo utilizza il programma. Il terreno, per esempio, è configurato in maniera tridimensionale grazie ai dati DEM acquisiti dalla Nasa in occasione delle varie missioni (NASA Shuttle Radar Topography Mission) ed è possibile fornire al sistema specifici indirizzi o le precise coordinate geografiche, oppure semplicemente esplorare il pianeta con l’ausilio del mouse. L’alta risoluzione permette inoltre di percorrere le strade e nel contempo visualizzare edifici e addiritura macchine presenti lungo una via. La versione Pro presenta numerose caratteristiche aggiuntive a quella di base. Nello specifico Google Earth Pro consente di stampare con un’alta risoluzione; importare i propri dati da una piattaforma GIS, la possibilità di inserire annotazioni o grafici, leggere database, accedere a specifici layer per usufruire dei dati demografici o relativi al traffico stradale.

Google Earth Pro gratuito dal 2015
Google Earth Pro è finalmente gratis, tra l’altro si tratta di una versione potenziata con un noto software di rendering geografico, che quando era fornita tramite abbonamento raggiungeva il costo di 400 dollari annui. Tale cifra rendeva la piattaforma accessibile a pochi utenti e principalmente professionisti. In questi giorni, dunque, il produttore manageriale della Google, Stafford Marquarth, a ufficializzato nel blog ufficiale la decisione di rendere gratuito il prgramma. Chi dovesse aver già sottoscritto un abbonamento in precedenza può continuare con l’utilizzo della versione installata, mentre chi volesse conoscere o poter lavorare con la versione gratuita non deve far altro che scaricare il programma dal sito ufficiale e procedere con l’attivazione. Quest’ultima è semplicissima, occorre innanzitutto registrarsi nel sito e successivamente inserire nel programma la chiave di accesso che verrà opportunamente fornita dopo la registrazione dei dati.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
  Nel video viene evidenziata la movimentazione degli ultimi giorni sullo strike PUT 8.8
Ftse Mib: l'indice italiano è andato a chiudere il gap up che si era formato il 3 gennaio prima di
Ieri un altro governatore della Fed di Dallas Kaplan ha ammesso che la politica monetaria è in
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il mercato è estremamente sensibile alle notizie ed agli eventi che spesso, di economico, hanno
L'ambiente è tra le prime preoccupazioni degli italiani, più che l'economia. Inquinamento e de
Ftse Mib: l'indice italiano tenta il rimbalzo favorito dall'accordo di fase 1 USA-Cina. Il quadro gr
Ad un giorno dalle scadenze tecniche di gennaio andiamo a vedere quali sono gli ultimi aggiustamenti
Credo che sia noto a tutti quanto è accaduto ieri. Un evento tanto atteso quanto condizionante
Visto che già ieri ragionavamo con il wedge, direi di continuare su queste coordinate ma con un