Mercato immobiliare: ecco il 2014 del mattone italiano

Scritto il alle 19:30 da Redazione Finanza.com

Luci e ombre sul mercato immobiliare italiano nel 2014: da una parte è tornata a salire la domanda di mutui, complici i migliori tassi applicati dalle banche a chi chiede un finanziamento, dall’altra i prezzi di vendita hanno continuato a scendere, appena meno rispetto a quanto accaduto nel 2013. Questo lo scenario dipinto dall’osservatorio sul mercato immobiliare residenziale italiano condotto da Immobiliare.it, secondo il quale durante lo scorso anno i prezzi degli immobili residenziali hanno subito un calo annuale pari al 5,6%. Nella prima parte dell’anno la contrazione dei prezzi è stata abbastanza contenuta e pari all’1,8%, mentre nel secondo semestre si è assistito a una contrazione maggiore, con la diminuzione dei prezzi del 4,1 per cento.

Roma cede a Firenze il primato di città più cara d’Italia

Se si osserva l’andamento dei prezzi nelle città capoluogo di regione emerge un peggioramento in corrispondenza del secondo semestre: se la prima parte dell’anno aveva visto diverse città con contenuti rincari dei prezzi (su tutte, +2,4% a Trieste), complessivamente nel 2014 tutti i capoluoghi chiudono in negativo. L’Aquila (-17,7%) e Aosta (-11,9%) sono i capoluoghi che soffrono maggiormente nel 2014, ma particolarmente significativo è il dato di Roma: la città, che copre ben il 94% dell’offerta di immobili di tutta la regione Lazio, ha subìto un calo dei prezzi di vendita pari all’8,4% in un anno.

Questo tonfo porta la città eterna a perdere il suo storico primato di città con i prezzi più elevati del comparto residenziale: Roma viene superata da Firenze (solitamente seconda) stabile a 3.657 euro al metro quadro (-0,5% nei sei mesi, -0,7% nei 12), mentre Milano, che pure cala del 3,1% in un anno e arriva a 3.463 euro/mq, rimane il terzo capoluogo di regione della classifica. In coda alla rilevazione sin dal 2012, i capoluoghi meno costosi d’Italia sono sempre Catanzaro (1.188 euro al metro quadro, in flessione del -9,7% nel 2014) e Perugia (1.460 euro/mq, con prezzi in calo del 10,7% rispetto ad un anno fa).

La città che, nel 2014, ha subito la contrazione maggiore dei prezzi è L’Aquila (-17,7%), mentre considerando solo il secondo semestre perde più di tutte Campobasso (-11,6%).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Dopo i nuovi massimi Europei e la situazione di lateralizzazione in America andiamo a vedere come si
In Italia un processo civile, sommando tutti e tre i gradi di giudizio, dura in media ben 2.656 gior
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
A quanto sembra, malgrado tutto gli operatori si aspettano una forte spinta inflattiva. Ma sarà
Nonostante gli impegni formali assunti dalle Nazioni Unite e dalla Commissione Europea per migli
Le donne riescono a gestire in modo meno angosciante le preoccupazioni finanziarie rispetto agli
Oramai tra smart working, DAD, video conferenze, passiamo più tempo con le persone in modalità
Mercati europei aprono positivamente in scia al rimbalzo di venerdì dell'America e all'approvazione
Oggi iniziamo da quella che da ora in poi chiameremo la Grande Illusione, il piano di stimoli fi
Guest post: Trading Room #395. Si continua a ballare tra resistenza e supporti, senza avere direzi