Carta di Circolazione: Obbligo di aggiornamento dal 3 novembre, multa da 705 euro

Scritto il alle 12:00 da Redazione Finanza.com

Dopo tante voci e molti dubbi sulle prime informazioni trapelate finalmente è stata fatta un po’ di chiarezza sull’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione. Una notizia che appena uscita ha suscitato molti allarmismi tra gli automobilisti. Preoccupazioni dettate da una normativa non propriamente chiarissima. Tutto è nato, infatti, dalla circolare ministeriale del 10 luglio scorso. Innanzitutto, è bene precisare come le novità in arrivo non riguardino gli atti antecedenti il 3 novembre per i quali, quindi, non scatterà alcun obbligo. La norma non è retroattiva e chi già fa uso di un mezzo non proprio non dovrà fare assolutamente niente.

Le novità dettate dalla nuova normativa interessano in special modo i settori dei trasporti, delle auto aziendali e dell’autonoleggio. Questo, però, non significa che i privati non sono interessati dalle nuove norme perché ci sono casi particolari che potrebbero riguardarli. Ad esempio, nell’ipotesi in cui il proprietario di un veicolo muore e qualche parente utilizzi il mezzo per più di 30 giorni scatterà l’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione. Questo, in virtù del fatto che il termine massimo stabilito per l’uso di un veicolo non di proprietà è di 30 giorni. Chiaramente con tali norme il legislatore ha intenzione di contrastare alcune irregolarità. Lo scopo è quello di individuare con maggiore tempestività i responsabili delle infrazioni ma anche quello di combattere le intestazioni fittizie. Limitare le truffe in genere è l’obiettivo primario delle novità in arrivo.

Ora vediamo nei dettagli quali potrebbero essere i casi di interesse della circolare ministeriale. L’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione scatterà soprattutto nelle ipotesi in cui:

cambi la denominazione dell’ente;
cambino le generalità dell’intestatario;
nei casi di locazione senza conducente;
nei casi di intestazione di mezzi di proprietà di persone giuridicamente incapaci.

Per coloro che non rispettano quanto dettato dalle nuove norme sono previste sanzioni a partire da 705 euro fino al ritiro del libretto. Sanzioni salatissime per i trasgressori, quindi, meglio che i soggetti interessati per scongiurare spiacevoli problematiche stiano bene attenti ad aggiornare la loro posizione in tempo utile.

Un aspetto rilevante che riguarda il gran numero di famiglie è l’esenzione per i mezzi utilizzati dai componenti del nucleo familiare. Di conseguenza, il prossimo 3 novembre, non scatterà nessun obbligo per i figli e per le mogli che guideranno rispettivamente le auto dei padri e dei mariti. Importante che l’indirizzo di residenza di chi utilizza il veicolo e quello del proprietario dello stesso coincidano. Esenti dall’obbligo di aggiornamento anche altre categorie come ad esempio coloro che guidano gli autobus e gli iscritti all’albo degli autotrasportatori.

Il 3 novembre è alle porte e finalmente qualche chiarimento è arrivato. In un primo momento, come già sottolineato, la poca chiarezza della circolare aveva spaventato un po’ tutti perché i soggetti coinvolti sembravano molti di più. Ora specie per le famiglie l’allarme è rientrato e le categorie interessate sono state specificatamente individuate a tutto beneficio della trasparenza. Un passo in avanti necessario ed atteso per liberare il campo dalla confusione iniziale.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Tags: , ,   |
2 commenti Commenta
giacomo
Scritto il 30 ottobre 2014 at 20:49

Tutto chiaro o quasi,cosa devo fare io che ho la residenza diversa dai mie figli e da mia moglie che usano la mia macchina???Grazie anticipato per la risposta..

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +3 (from 9 votes)

arianna
Scritto il 30 ottobre 2014 at 23:05

Non mi è chiara una cosa. Mia sorella è invalida al 100% e possiede una macchina intestata a lei, immatricolata 7 anni fa. Questa macchina a volte la uso anche io per accompagnarla in giro, ma io non ho la stessa residenza di mia sorella. Che dovrei fare? Inoltre, che vuol dire “non retroattiva”?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -1 (from 3 votes)

Articoli dal Network di Finanza.com
Ftse Mib. L'indice italiano torna a sfidare nuovamente quota 17.000 punti. Prevale anche oggi la cau
Tutto rimandato di due settimane. Non viene raggiunto l’accordo dai leader dell’Unione Europea
Alla fine qualcuno al governo, probabilmente il Movimento Cinque Stelle, o meglio quei pochi che
Nonostante le perfomance rialziste, in particolar modo su S&p che non smette mai di stupire, gli
FED e BCE unite in un Unlimited QE. Manca all'appello la PBoC ma arriverà anche lei. Intanto il m
Ieri negli USA abbiamo avuto la conferma che la situazione economica si sta velocemente deterior
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib. L'indice italiano torna sotto quota 17.000 punti, dopo la candela di forte incertezza es
Era ovvio che alla fine l’accordo sarebbe stato raggiunto. Ieri sera il Senato degli Stati Uni
Prosegue l'aggiornamento delle movimentazioni monetarie sui derivati Idem, Eurex e Cme. Sulle Mibo