Londra: in vendita il grattacielo Gherkin simbolo della città

Scritto il alle 14:30 da Redazione Finanza.com

Ha fatto un certo scalpore vedere uno dei simboli di Londra apparso sulla stampa con la scritta vendesi. Una notizia destinata a incuriosire parecchio i lettori, gli investitori interessati e specialmente i londinese molto legati al grattacielo a forma di cetriolo. Il 30 St Mary Axe, nome vero del grattacielo conosciuto come Gherkin, è finito sul mercato per una cifra intorno ai 650 milioni di sterline.

Evidentemente i segni della crisi non hanno risparmiato neanche una città come Londra se uno dei suoi simboli è stato costretto al fallimento. Disegnato da Norman Foster, Gherkin da qualche mese è stato posto in stato di amministrazione controllata. Una situazione imbarazzante causata dall’impossibilità dei proprietari di far fronte alle grosse spese di gestione. L’incapacità di onorare gli impegni ha portato al fallimento. Così, l’enorme grattacielo composto da 40 piani e più di 45000 metri quadri è finito in vendita. Gli inquilini ospitati dalla struttura ad oggi sono circa una ventina e l’ipotesi più attendibile per l’acquisto dell’immobile è quella che porta a una pista straniera. Un fondo estero disposto a investire la bella somma di denaro nella capitale inglese.

Gherkin non è il grattacielo più alto di Londra, ma è una meravigliosa struttura di vetro e acciaio di grande impatto visivo per i londinesi e per i turisti che arrivano nella capitale inglese. Proprio per la sua inconfondibile forma, il grattacielo si è guadagnato l’appellativo di Gherkin (che significa “cetriolo”). Dagli uffici ospitati dal grattacielo si gode di uno splendido panorama. La struttura, completata una decina di anni fa, è alta circa 180 metri.

Ora gli inglesi sono fermamente convinti che la famosa e bella struttura susciti l’interesse di numerosi investitori stranieri pronti a sfidarsi per acquistare Gherkin. Una vendita,quindi, almeno all’apparenza non difficile proprio per il grande fascino del “cetriolo”. Gli investitori americani e cinesi potrebbero per primi contendersi il celebre grattacielo. Proprio i cinesi nell’ultimo periodo, favoriti anche dalle agevolazioni messe in atto da Boris Johnson, primo cittadino di Londra, sono in pole position per ciò che riguarda il settore immobiliare. Chissà se alla fine proprio a loro riuscirà il colpo di comprare il celebre grattacielo messo sul mercato al costo di 820 milioni di euro circa. L’agenzia Savills che ha annunciato la vendita dell’immobile dalla forma del tutto inconsueta è in attesa delle prime offerte per valutarne la consistenza. Dopo il fallimento, Gherkin è in cerca di nuovi acquirenti capaci di garantirgli ancora lunga vita. Londra, una delle città all’avanguardia per eccellenza, auspica una soluzione positiva in un breve lasso di tempo per risolvere una situazione non proprio gratificante. Intanto i londinesi e i vacanzieri, in attesa di sviluppi, possono tranquillamente continuare ad ammirare lo splendido Gherkin.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Tags: ,   |
1 commento Commenta
ferrariferrari
Scritto il 31 luglio 2014 at 15:49

quanto paga di IMU?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)

Articoli dal Network di Finanza.com
Ftse Mib. Dal punto di vista grafico, l’indice italiano è inserito da alcuni mesi in una fase
Dopo lo scivolone finale avvenuto su S&P in chiusura di contrattazioni andiamo a vedere come si
E' forse uno dei più potenti investitori dell'universo, da tutti nominato ma pochi sanno effett
Sulle stranezze del mercato non credo ci sia molto da dire. Tutti sanno benissimo che quanto sti
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Cambia nuovamente la configurazione del COT Report sullo SP500. Sembra proprio che l'incertezza
Fidelity, il colosso americano di gestione fondi, ha pubblicato lo scorso 12 Ottobre un report,
Occupiamoci ora delle parole di Conte ieri sul Mes, dichiarazioni che cancellano inequivocabilme
Guest post: Trading Room #377. Regna ancora l'incertezza a causa delle tante variabili che stanno
Mercati: apertura positiva in Europa nonostante il rafforzamento delle misure restrittive operate da