Argentina è in default selettivo: cosa significa e quali conseguenze

Scritto il alle 13:59 da Redazione Finanza.com

L’Argentina è in default selettivo, dopo il mancato accordo con i fondi hedge statunitensi. Non è una sorpresa visti i recenti sviluppi, ma ora ci si interroga sulle possibili conseguenze per gli investitori che hanno aderito alla ristrutturazione del debito argentino e per i mercati finanziari.

Cosa significa?
“Oggi invece Buenos Aires si trova in default tecnico – commenta Barbara Giani, analista di JCI Capital Ltd – nonostante sia perfettamente in grado di onorare le obbligazioni ristrutturate, perché i suoi fondi risultano bloccati dopo la sentenza del giudice Griesa che impedisce il pagamento delle cedole in caso non vengano onorati anche i pagamenti di chi non ha accettato la ristrutturazione del debito”. Il contesto dunque, sostiene l’esperta, è diverso da quello del fallimento del 2001.

Le possibili conseguenze
…per gli investitori
“Quello che possiamo ipotizzare – prosegue Barbara Giani – è che il Paese possa aspettare la scadenza del 31 dicembre 2014, data in cui scadrà la clausola RUFO, e poi riprendere eventuali accordi con i fondi holdout, per scongiurare l’ipotesi che tutti i creditori possano avanzare ulteriori pretese su rimborsi superiori al 30%, qualora questi vengano concessi ai fondi ora in causa. Con il nuovo anno dunque l’Argentina potrebbe riprendere a pagare le cedole dei titoli ristrutturati. Il rischio di questo scenario è che comunque, oltre a 1,5 miliardi di dollari da pagare ai fondi avvoltoio, si sollevino richieste da parte di tutti gli holdout che non aderirono alla ristrutturazione e secondo il governo argentino la somma potrebbe salire fino a 15-20 miliardi di dollari”.
“Per i risparmiatori italiani “ribelli” – conclude Barbara Giani – che non aderirono alla ristrutturazione nessuna novità: rimaniamo in attesa di vedere entro la fine dell’anno le memorie del dibattito sulla richiesta di rimborso durante le udienze tenutesi a Washington lo scorso giugno”.
…sui mercati
le conseguenze del default saranno limitate a livello internazionale, e probabilmente più visibili sui mercati emergenti in generale, mentre potrebbero invece essere più pesanti per il paese stesso che già si trova ad affrontare una pesante crisi economica (inflazione 35%, disoccupazione molto elevata, crescita nulla) ed ora potrebbe dover porre misure per arginare la possibile fuga di capitali.
Resta inoltre aperta la questione dei CDS. Sarà l’ISDA a decidere nei prossimi giorni se vi siano le condizioni perché scattino i CDS o meno, vista la peculiarità del caso.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
La settimana scorsa si parlava della possibile correzione che si pensava alle porte. Ma già sub
Bloomberg: il calo dei tassi di interesse sta spingendo alcuni americani a rinunciare alla sicurez
Ftse Mib. L'indice si è portato al test del supporto chiave a 19.174 punti. La rottura di tale liv
Guest post: Trading Room #370. Ultima analisi prima della pausa di agosto. E purtroppo non possiam
Continuano anche per il mese di agosto le contrapposizione monetarie delle movimentazioni di contrat
Analisi Tecnica Perdiamo il canale rialzista e con long black anche i 19300... La doji di indecisi
Stoxx Giornaliero   Buon inizio di settimana a tutti, lo Stoxx nella scorsa ottava ci
DJI Giornaliero Ben ritrovati a tutti sul nostro aggiornamento mensile che riguarda l’anal
Tracy Inverso [Settimanale] (gg. 6)[Base Dati: 15 minuti] Tracy Inverso [Settimanale] (gg. 8)