Argentina è in default selettivo: cosa significa e quali conseguenze

Scritto il alle 13:59 da Redazione Finanza.com

L’Argentina è in default selettivo, dopo il mancato accordo con i fondi hedge statunitensi. Non è una sorpresa visti i recenti sviluppi, ma ora ci si interroga sulle possibili conseguenze per gli investitori che hanno aderito alla ristrutturazione del debito argentino e per i mercati finanziari.

Cosa significa?
“Oggi invece Buenos Aires si trova in default tecnico – commenta Barbara Giani, analista di JCI Capital Ltd – nonostante sia perfettamente in grado di onorare le obbligazioni ristrutturate, perché i suoi fondi risultano bloccati dopo la sentenza del giudice Griesa che impedisce il pagamento delle cedole in caso non vengano onorati anche i pagamenti di chi non ha accettato la ristrutturazione del debito”. Il contesto dunque, sostiene l’esperta, è diverso da quello del fallimento del 2001.

Le possibili conseguenze
…per gli investitori
“Quello che possiamo ipotizzare – prosegue Barbara Giani – è che il Paese possa aspettare la scadenza del 31 dicembre 2014, data in cui scadrà la clausola RUFO, e poi riprendere eventuali accordi con i fondi holdout, per scongiurare l’ipotesi che tutti i creditori possano avanzare ulteriori pretese su rimborsi superiori al 30%, qualora questi vengano concessi ai fondi ora in causa. Con il nuovo anno dunque l’Argentina potrebbe riprendere a pagare le cedole dei titoli ristrutturati. Il rischio di questo scenario è che comunque, oltre a 1,5 miliardi di dollari da pagare ai fondi avvoltoio, si sollevino richieste da parte di tutti gli holdout che non aderirono alla ristrutturazione e secondo il governo argentino la somma potrebbe salire fino a 15-20 miliardi di dollari”.
“Per i risparmiatori italiani “ribelli” – conclude Barbara Giani – che non aderirono alla ristrutturazione nessuna novità: rimaniamo in attesa di vedere entro la fine dell’anno le memorie del dibattito sulla richiesta di rimborso durante le udienze tenutesi a Washington lo scorso giugno”.
…sui mercati
le conseguenze del default saranno limitate a livello internazionale, e probabilmente più visibili sui mercati emergenti in generale, mentre potrebbero invece essere più pesanti per il paese stesso che già si trova ad affrontare una pesante crisi economica (inflazione 35%, disoccupazione molto elevata, crescita nulla) ed ora potrebbe dover porre misure per arginare la possibile fuga di capitali.
Resta inoltre aperta la questione dei CDS. Sarà l’ISDA a decidere nei prossimi giorni se vi siano le condizioni perché scattino i CDS o meno, vista la peculiarità del caso.

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Guest post: Trading Room #422. Il Black Friday è stato letale per la settimana passata. Adesso il
Ftse Mib. Ora l’indice si trova in prossimità di un importante supporto a 25.829 punti, livello q
Un black friday di tutto rispetto quello conclusosi venerdì, con 2 record che non si vedevano d
Giornata di venerdì che si è caratterizzata da fortissimi e profondi ribassi con esplosione delle
La seduta di venerdi è stata tinta di nero non solo per il fatidico Black Friday ma anche per l
Analisi Tecnica Bella sberla ribassista con test preciso su un supporto a 25190 che protegge il l
Battleplan cicli dei MAX sul FTSE MIB Future settimana 29 - 3 Dicembre 2021
Battleplan cicli dei MIN sul FTSE MIB Future settimana 29 Novembre - 3 Dicembre 202
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u