Auto mia quanto mi costi! In un anno salasso medio di 4.500 euro

Scritto il alle 09:00 da Redazione Finanza.com

L’automobile rimane il mezzo di trasporto preferito dagli italiani. Secondo il Libro Bianco sulla Mobilità e i Trasporti di Eurispes il 29,4% degli italiani la usa sempre, il 32,9% spesso, il 15,8% qualche volta, il 19,9% mai. In molti si spostano anche sull’auto privata come trasportato: il 37,2% qualche volta, il 24,6% spesso, il 7,7% sempre, il 27,1% mai.

La nota dolente per gli automobilisti dello Stivale sono gli elevatissimi costi di mantenimento di un’auto. Una macchina di media cilindrata arriva a costare circa 4.500 euro l’anno tra manutenzione, assicurazione, bollo auto, parcheggi, pedaggi autostradali.

Per l’auto vola via il 13% del reddito
Un costo che arriva a gravare per il 13% del totale del reddito medio netto di una famiglia. Percentuale che sale al 25% nel caso di più auto possedute arrivando a pesare più delle spese per consumi alimentari (che contano in media per il 19% del reddito).
A queste voci vanno poi aggiunte le “esternalità”, ossia i costi indiretti legati all’uso dell’auto come inquinamento, acustico e atmosferico, e incidentalità. In Europa l’importo associato ai costi esterni è di circa 750 euro l’anno.
Trasporto privato che incide su una famiglia media italiana ben 17 volte in più rispetto a quello del trasporto pubblico.

Oltre 600 auto ogni 1000 abitanti…
In Italia si contano oltre 600 automobili ogni mille abitanti con i picchi costituiti dalle aree metropolitane di Roma e Firenze che ne registrano oltre 700 ogni mille abitanti. Milano e Roma si collocano all’interno dei primi dieci posti della classifica europea delle città più congestionate. Fra le soluzioni proposte nel Libro Bianco quella del riallineamento del tasso di motorizzazione ai livelli medi europei che impatterebbe positivamente sulle esternalità ambientali, consentendo di ridurre di 2,2 miliardi di euro i costi da congestione, di 5,7 miliardi di euro quelli da incidentalità (diretti e patrimoniali) e, infine, di circa 3,1 miliardi quelli da inquinamento.

Tags:   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Iniziamo con le buone notizie. In Germania, crollano la produzione industriale e i consumi e
FTSEMIB 40 AGGIORNAMENTO DEL 29 FEBBRAIO 2024   Il grafico dei prezzi conferma visivamente
29 febbraio 2024 UNICREDIT Lettura grafica e analisi dei posizionamenti monetaria relativi alla sc
Come vedremo nel fine settimana insieme al nostro Machiavelli, le ultime minute hanno rivelato c
Guest post: Trading Room #512. Il grafico FTSEMIB weekly ha raggiunto vette importanti ma anche un
La trimestrale di NVIDIA stupisce i mercati e il rally continua. Ma allo stesso tempo, il mercato ob
La Cina è un'immensa mina deflattiva esplosa nell'oceano globale, una spettacolare bolla immobi
Lo so, deve essere stato difficile per ben 13 anni aspettare l'inflazione, chiamare l'inflazione
Guest post: Trading Room #511. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura che continua ad essere r
Malgrado i dati macro non sicuramente eccezionali per i mercati, con un'inflazione che sale e cambia