Stanze in affitto: In Italia cresce la tendenza di prenderle per breve periodo

Scritto il alle 10:30 da Redazione Finanza.com

La crisi economica che sta colpendo duramente il nostro paese sta influenzando in maniera notevole anche le modalità abitative in Italia. Un numero crescente di italiani mette a disposizione parti della propria casa, affittandole per periodi che diventano sempre più brevi ad altre persone, che per molteplici motivi hanno bisogno di prendere in affitto abitazioni o stanze per periodi brevi.

Il boom delle stanze in affitto per brevi periodi: le cause

Un numero crescente di italiani ha a disposizione abitazioni con dimensioni e numero di vani superiore alle attuali esigenze, soprattutto nel caso di immobili acquisiti per soddisfare le esigenze originarie di una famiglia venute meno, a causa dell’allontanamento dei figli (che hanno creato la propria famiglia) o della separazione dal coniuge. Nelle grandi città come Roma, Milano, Bologna e Firenze, dove c’è maggiore domanda di stanze da prendere in affitto, i proprietari riescono con relativa facilità ad affittare parti della propria abitazione, riuscendo ad arrotondare le proprie entrate mensili o ad ottenere entrate importanti, nel caso di abitazioni ubicate in posizioni centrali o strategiche.
Il fenomeno delle stanze in condivisione non è certamente una novità nel panorama abitativo italiano ma la tendenza in atto, esplicativa del particolare momento economico vissuto dal nostro paese, è la riduzione dei tempi di permanenza. In un contesto economico incerto, sempre più imprese sono costrette a ricorrere a contratti a termine (alcune per effettive necessità, altre per ottenere una becera riduzione dei costi, calpestando la dignità dei lavoratori), con orizzonte temporale che varia dal mese ai sei mesi. Molti lavoratori, soprattutto quelli che emigrano nelle grandi città in cerca di occupazione, in mancanza di serie alternative sono costretti ad accettare queste condizioni lavorative ma non possono permettersi di vincolarsi con un contratto d’affitto tradizionale (quattro anni, con rinnovo tacito per altri quattro) e in alcuni casi neanche con il contratto annuale, per evitare di incorrere in decurtazione della caparra in caso di partenza anticipata. Prendere in affitto una stanza (o un posto letto) per periodi brevi o brevissimi è sicuramente una soluzione ottimale per i lavoratori a tempo determinato, che possono accettare trasferimenti in altre città senza doversi sobbarcare penali dovute alla risoluzione anticipata del contratto, ma è compensata da un costo medio dell’affitto decisamente più elevato rispetto agli affitti per periodi più prolungati.
La tendenza è stata confermata da Jonathan Moore, manager di Easystanza.it, organizzazione che favorisce l’incontro tra domanda e offerta di case o stanze in affitto. Le città in cui la modalità di affitto e condivisione delle stanze a breve termine mostrano i valori più elevati sono Milano (12.7%), Bologna (9.1%), Roma (8.9%) e Firenze (7.2%).

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Settembre può essere il momento giusto per cercare e trovare un nuovo lavoro e dare slancio all
Ftse Mib: l'indice italiano apre in rialzo e si riporta sopra i 22.000 punti. I livelli da monitorar
Oggi poche novità, in quanto ieri c'è stata la solita riunione della Federal Reserve, dove tra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ftse Mib: operatori cauti in attesa delle decisioni del Presidente della Fed. I mercati scommettono
I fondi negoziali della previdenza complementare non sono a prestazione definita. Sono a prestazione
Tutti in attesa della risposta di Powell dopo il convinto sostegno espansivo fronte BCE di Dragh
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Nell'articolo di questa mattina siamo stati profeti, rischio di mancanza di liquidità sui merca