Fisco: con Def stangata da 44 miliardi per famiglie e imprese

Scritto il alle 10:05 da Redazione Finanza.com

Stangata fiscale da oltre 44 miliardi di euro. E’ quanto le famiglie e imprese pagheranno in più di tasse  nel quinquennio 2013-2018 secondo quanto previsto dal Documento di economia e finanza approvato dal governo Renzi la scorsa settimana. Lo rileva un’analisi del Centro studi di Unimpresa sulla base delle informazioni contenute nel Def 2014. Il programma dell’esecutivo prevede infatti maggiori entrate per 3,8 miliardi quest’anno e per altri 6,4 miliardi l’anno prossimo; nel 2016, nel 2017 e nel 2018 sono previsti incassi tributari aggiuntivi rispettivamente per 10,1 miliardi, 11,8 miliardi e 11,8 miliardi. In totale, famiglie e imprese pagheranno tasse in più per 44,09 miliardi nel quinquennio 2013-2018.

Gli interventi del piano nazionale di riforme non sono quindi a costo zero e comportano l’indicazione di cosiddette coperture finanziarie. Le maggiori entrate previste, rimarca il rapporto dell’associazione, si riferiscono nel dettaglio alle misure per il contenimento della spesa, il lavoro e le pensioni, il sostegno alle imprese. Per quanto riguarda il contenimento della spesa, per coprire le sforbiciate al bilancio statale sono previsti incrementi di imposta, evidentemente con l’obiettivo di non ridurre i servizi della pubblica amministrazione ai cittadini, pari a 1,6 miliardi quest’anno e 4,1 miliardi nel 2014; nel triennio successivo sono previsti maggiori entrate per 8,1 miliardi, 10,1 miliardi e 10,09 miliardi. “Complessivamente – rimarca Unimpresa – le misure sulla spesa statale provocheranno 34,09 miliardi di tasse in più. Gli interventi sul lavoro e sulle pensioni comportano inasprimenti fiscali per 1,5 miliardi nel 2014 e 1,7 miliardi l’anno nel periodo 2014-2018: in totale si tratta di imposte aggiuntive per 8,4 miliardi. Le misure sul sostegno alle imprese saranno coperte con 1,5 miliardi di tasse in più nel quinquennio in esame (620 milioni nel 204, 630 milioni nel 2015 e 326 milioni nel 2016)”.

“A parole vengono promesse tasse in meno e poi in realtà il governo sta mettendo a punto un piano che comporterà ancora una volta enormi sacrifici per i contribuenti italiani”, ha commentato il presidente di Unimpresa, Palo Longobardi. “Non ha senso varare un decreto che assegna un bonus da 80 euro se poi il giorno dopo quel presunto vantaggio in busta paga viene annullato da altri interventi che alzano il peso delle tasse su cittadini e imprese” conclude il presidente dell’associazione industriale.

Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Il terzo trimestre del 2022 è stato uno dei peggiori a memoria di trader. Il mercato unidirezionale
Ftse Mib. Continua a dominare la negatività sul nostro Ftse Mib che nelle ultime 3 settimane ha per
Probabilmente in pochi se lo ricordano ma nel settembre del 2019 il mercato monetario americano
Ormai diventa difficile fare previsioni e allora proviamo a ragionare guardando il grafico forse
La domanda che tutti si fanno e alla quale nessuno sa rispondere. Ma dopo gli ultimi storni, è
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
ENI FOCUS E ANALISI MONETARIA SCADENZA DICEMBRE 2022 ANALISI TECNICA Dopo un lungo periodo di
    Oggi ci sono tante belle cosette di cui parlare, ma partiamo da qui per farc
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Puntata speciale di Trading Floor con ospite Renato Decarolis, trader professionista e formatore. Ab