Salone del mobile e Fuorisalone 2014: l’effetto sugli affitti a Milano

Scritto il alle 20:00 da Redazione Finanza.com

Sarà uno degli effetti collaterali della crisi economica, ma anche la settimana milanese del Salone Internazionale del Mobile e del Fuorisalone (8-13 aprile) fa i conti con budget meno ricchi.

Lo dimostra la crescente ricerca di alternative più informali e soprattutto più economiche rispetto alla classica sistemazione negli alberghi e nei residence del capoluogo lombardo. Ovviamente, però, la comodità di prendere in affitto un appartamento ammobiliato nei quartieri che ruotano intorno ad uno degli appuntamenti milanesi dell’anno fa i conti con quello che si può definire l’Effetto Salone sui prezzi, inclusi i canoni di locazione.

Analizzando i dati di domanda e offerta, il centro studi di Casa.it offre uno spaccato di questo temporaneo, ma energico tsunami sul mercato degli affitti, anche in previsione di ciò che potrebbe accadere da qui a un anno con l’EXPO 2015.

La mappatura di Casa.it evidenzia un incremento generalizzato nei canoni medi di locazione settimanale per piccoli appartamenti arredati (50/80 mq) rispetto all’andamento di mercato nelle sei aree analizzate: Tortona, Lambrate, Brera, Garibaldi/Porta Volta, Isola e Porta Romana.

Partendo da valori medi, attestati in una fascia che va da 320 a 510 euro, i ritocchi al rialzo nei canoni di locazione per i bilocali e i piccoli trilocali vanno da un minimo del +2,6% di Via Maroncelli (zona Garibaldi/Porta Volta) e Via Dal Verme (zona Isola) a un massimo del +137,5% toccato in via Massimiano (zona Lambrate).

Proprio l’ex quartiere industriale nella zona est di Milano si aggiudica il primato dei rincari nella settimana del Salone del Mobile, con aumenti dal 51,5% a ben oltre il 100% che riflettono, però, una notevole vivacità sia dell’offerta sia della domanda.

Alle spalle di Lambrate per consistenza dei rincari si colloca Brera, dove l’Effetto Salone porta le quotazioni medie degli affitti tra i 700 e gli 800 euro la settimana, per una variazione dal +50% al +86% rispetto ai canoni medi nell’anno. Nelle vie del quartiere “bohémienne” di Milano l’offerta di appartamenti in affitto risulta cresciuta dal 3,3% al 5,2%, mediamente 1 punto percentuale in più rispetto alla domanda.

Non sorprendono i dati della zona Tortona, tradizionale cuore degli eventi del Fuorisalone. In questo caso, i rincari negli affitti vanno dal +28,2% al 75,7% e l’incremento della domanda durante la settimana del Salone del Mobile risulta superiore – anche in modo considerevole – rispetto alla variazione dell’offerta.

La zona Garibaldi/Porta Volta sembra muoversi a due velocità: da una parte rincari dal +50% al +63% nelle strade più pregiate, dall’altra vie con aumenti assai più modesti, attestati sotto il 10%.

Relativamente più omogenei e contenuti, invece, sono gli aumenti registrati da Casa.it nel quartiere Isola e nella zona di Porta Romana. Nel primo, la forchetta dei rincari va dal +2,6% al +17,1% a fronte di consistenti incrementi sia nell’offerta sia nella domanda. Nell’area di Porta Romana, l’Effetto Salone si riflette in maggiorazioni negli affitti che vanno dal +28,6% al +53,8%.

Loft e showroom

Il Centro Studi di Casa.it ha rilevato anche i dati relativi all’andamento della domanda e dell’offerta nel segmento dei loft e degli showroom, offrendo così una visione d’insieme dell’Effetto Salone sul mercato degli affitti a Milano.

In media, quest’anno il sovrapprezzo da pagare per affittare una location da 500 metri quadri in cui organizzare eventi, installazioni multimediali e presentazioni di prodotto varia dal 22% al 48%, per una spesa settimanale che va da un minimo di 2.200 a un massimo 6.000 euro.

La palma del quartiere con i maggiori rincari in percentuale spetta a Porta Romana, con rialzi superiori al 45%, seguita da Brera, dove la variazione nei canoni medi di locazione va dal +30% al +45%, e da Garibaldi/Porta Volta con incrementi dal +24% al +46%.

L’area intorno a Via Tortona, invece, fa registrare incrementi omogenei, racchiusi tra il +30% e il +35%, imitata dal quartiere Isola, dove il sovrapprezzo nella settimana del Salone del Mobile va dal +25% al +33%. Lambrate chiude la graduatoria sia in termini di canoni di affitto richiesti (da 2.200 a 3.000 euro) sia di ritocchi in percentuale, compressi in una forchetta che va dal +22% al +31%.

 

Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Con questa citazione alla "Guido Meda" introduco il nuovo video di TRENDS che si preannuncia MOLTO
In Italia la “guerra alla liquidità” lasciata sul conto corrente è oramai un mantra per il sis
Ftse Mib. Dopo il test della trend line rialzista (avviata dai minimi di ottobre 2020 e confermata
Opzioni e Future 22 Ottobre. I principali indici azionari giovedì hanno avuto movimentazioni e c
China Evergrande Group ha fornito fondi per pagare gli interessi su un'obbligazione in dollari U
Cara Chiara, in questo momento non è facile per noi condividere la tristezza del nostro cuore,
Il futuro è incerto, da sempre, e mai come oggi ci sono tante varianti che possono condizionare
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Opzioni e future 21 Ottobre. Gli indici azionari mercoledì si sono stabilizzati in modo eterogen
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u