Intesa e Unicredit: ecco le domande e i punti chiave di Nomura

Scritto il alle 11:00 da Redazione Finanza.com

Le banche europee finiscono sotto la lente di Nomura. Per l’Italia il broker giapponese ha analizzato i punti chiave dei due principali gruppi bancari del Paese: Intesa SanPaolo e Unicredit. Per ogni punto chiave, gli esperti di Nomura rivolgono delle domande che i vertici delle banche dovrebbero chiarire per svelare al meglio le prospettive degli istituti nei prossimi mesi. Vediamo nel dettaglio l’analisi della casa d’affari nipponica.

Intesa SanPaolo

La banca MI-TO avrà gli occhi dei riflettori accesi nei prossimi giorni visto che venerdì 28 marzo presenterà i conti dell’esercizio 2013 e il nuovo piano industriale. Secondo Nomura i punti chiave di Intesa SanPaolo da monitorare saranno ricavi, outlook internazionale, Italia e l’asset quality.

Ricavi: quali sono le prospettive per i margini? Quale sarà l’impatto sui ricavi legato al calo dei rendimenti dei bond governativi italiani?

Outlook internazionale: quale sarà il contributo dalle operazioni internazionali nel medio termine?

Italia: c’è spazio per un ulteriore taglio dei costi? Intesa SanPaolo potrebbe giocare un ruolo in un’eventuale consolidamento del comparto bancario sul mercato domestico? Quando vi aspettate un ritorno alla crescita dei prestiti?

Asset quality: Quali sono i rischi legati all’esposizione verso l’immobiliare in Italia? Dovrebbe essere istituita una bad bank? Quest’ultima dovrebbe essere pubblica oppure potrebbe realizzarsi come una soluzione privata?

Unicredit 

La banca di piazza Cordusio ha di recente presentato i conti del 2013, chiuso con una maxi pulizia di bilancio che ha portato ad una perdita record di 14 miliardi di euro, ma gli investitori hanno apprezzato gli obbiettivi del nuovo piano strategico che vede profitti per 2 miliardi di euro nel 2014 e per 6,6 miliardi nel 2018, oltre alla quotazione della controllata Fineco. Secondo Nomura i punti chiave di Unicredit sono Italia, outlook dell’Est Europa, capitale e ricavi. 

Italia: C’è ancora spazio per ulteriori crediti deteriorati? Quale sarà l’impatto delle riforme economiche? Quali sono i rischi dell’asset quality review che sarà condotta dalla Bce?

Outlook Est Europa: Con i tassi d’interesse al minimo nell’Eurozona, l’esposizione all’Est Europa può guidare la crescita dei ricavi? Sono probabili le cessioni nei Paesi non strategici? Quali sono i rischi che potrebbero arrivare dalla Russia?

Capitale: Quali saranno gli impatti sulla situazione patrimoniale che potrebbero arrivare dalla cessione di asset?

Ricavi: Quale è il livello sostenibile della divisione trading? Quando vi aspettate un ritorno alla crescita dei prestiti?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Prendetela un po’ come volete, ma alla fine il risultato non cambia. Malgrado tutte le problem
Ftse Mib: l'indice italiano apre in lieve ribasso. Dominano dunque le prese di beneficio sull'indice
Ormai mi conoscete e sapete che mi piace punzecchiare la vostra attenzione, cercando di stimolar
Stamattina ci occuperemo esclusivamente delle movimentazione effettuate sulle opzioni mibo sulle sca
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
C'è poco da fare, al politica monetaria espansiva cambia nuovamente le carte in tavola e quindi
Lo scorso giovedì il presidente della Fed, Jerome Powell, ha candidamente paragonato bitcoin al
Guest post: Trading Room #327. Molto bene la Borsa Italiana che rompe la resistenza statica che si
Mercati: indici europei aprono positivi e festeggiano la chiusura dell'S&P 500 venerdì scorso s