Intesa e Unicredit: ecco le domande e i punti chiave di Nomura

Scritto il alle 11:00 da Redazione Finanza.com

Le banche europee finiscono sotto la lente di Nomura. Per l’Italia il broker giapponese ha analizzato i punti chiave dei due principali gruppi bancari del Paese: Intesa SanPaolo e Unicredit. Per ogni punto chiave, gli esperti di Nomura rivolgono delle domande che i vertici delle banche dovrebbero chiarire per svelare al meglio le prospettive degli istituti nei prossimi mesi. Vediamo nel dettaglio l’analisi della casa d’affari nipponica.

Intesa SanPaolo

La banca MI-TO avrà gli occhi dei riflettori accesi nei prossimi giorni visto che venerdì 28 marzo presenterà i conti dell’esercizio 2013 e il nuovo piano industriale. Secondo Nomura i punti chiave di Intesa SanPaolo da monitorare saranno ricavi, outlook internazionale, Italia e l’asset quality.

Ricavi: quali sono le prospettive per i margini? Quale sarà l’impatto sui ricavi legato al calo dei rendimenti dei bond governativi italiani?

Outlook internazionale: quale sarà il contributo dalle operazioni internazionali nel medio termine?

Italia: c’è spazio per un ulteriore taglio dei costi? Intesa SanPaolo potrebbe giocare un ruolo in un’eventuale consolidamento del comparto bancario sul mercato domestico? Quando vi aspettate un ritorno alla crescita dei prestiti?

Asset quality: Quali sono i rischi legati all’esposizione verso l’immobiliare in Italia? Dovrebbe essere istituita una bad bank? Quest’ultima dovrebbe essere pubblica oppure potrebbe realizzarsi come una soluzione privata?

Unicredit 

La banca di piazza Cordusio ha di recente presentato i conti del 2013, chiuso con una maxi pulizia di bilancio che ha portato ad una perdita record di 14 miliardi di euro, ma gli investitori hanno apprezzato gli obbiettivi del nuovo piano strategico che vede profitti per 2 miliardi di euro nel 2014 e per 6,6 miliardi nel 2018, oltre alla quotazione della controllata Fineco. Secondo Nomura i punti chiave di Unicredit sono Italia, outlook dell’Est Europa, capitale e ricavi. 

Italia: C’è ancora spazio per ulteriori crediti deteriorati? Quale sarà l’impatto delle riforme economiche? Quali sono i rischi dell’asset quality review che sarà condotta dalla Bce?

Outlook Est Europa: Con i tassi d’interesse al minimo nell’Eurozona, l’esposizione all’Est Europa può guidare la crescita dei ricavi? Sono probabili le cessioni nei Paesi non strategici? Quali sono i rischi che potrebbero arrivare dalla Russia?

Capitale: Quali saranno gli impatti sulla situazione patrimoniale che potrebbero arrivare dalla cessione di asset?

Ricavi: Quale è il livello sostenibile della divisione trading? Quando vi aspettate un ritorno alla crescita dei prestiti?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Ftse Mib: dopo una breve fase laterale, il 4 novembre l’indice italiano ha rotto in gap up il liv
Il Trattamento di Fine Rapporto è una forma di retribuzione differita, liquidata al momento della c
Come scritto ieri ormai è palese che la guerra commerciale è diventato un campo di battaglia d
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Pensando ai momenti di passaggio della vita, in cui si è realizzato un progetto o si è presa u
Al via la call for startup “Digital HR: Innovare per crescere”, lanciata da Eni in collabora
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue la fase correttiva con primo target 23.000 punti. In caso di br
Uno non fa in tempo neanche a preparare l'outlook 2020, con la famosa "PROFEZIA" che subito arri
La guerra commerciale è diventato un tormentone, e i mercati quasi sono assuefatti ai suoi alti
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u