Lego: un anno da record, i segreti del successo di Kjeld Kirk Kristiansen

Scritto il alle 15:00 da Redazione Finanza.com

Continua senza soste lo straordinario successo del Lego. I celebri mattoncini di plastica sembrano non conoscere crisi e ormai da decenni costruiscono un ponte tra vecchie e nuove generazioni.
Lo testimonia il dato messo insieme dalla società danese nel 2013, con un fatturato cresciuto del 10% attestandosi a quota 3,4 miliardi di euro (corrispondenti a 25,3 miliardi di corone danesi). Un successo che sarebbe stato ancora più vistoso se Lego non avesse dovuto lasciare un punto percentuale a causa del cambio sfavorevole, ma che conferma comunque l’ottimo stato di salute in un momento in cui anche Mattel è entrata in una fase di difficoltà.
A sessantacinque anni di distanza dall’intuizione di Ole Kirk Kristiansen, il falegname danese che dette vita ad un passatempo per i più piccoli poi rivelatosi intramontabile, il successo del Lego, il cui nome deriva dall’unione delle due parole leg godt (gioca bene), sembra non volersi esaurire.

Un successo favorito anche da una serie di scelte commerciali indovinate, come quella di ideare pezzi di nuova fattura e addirittura bamboline che hanno permesso di avvicinare al gioco anche le bambine, allargando la platea dei potenziali consumatori. Il dato più sorprendente, è però quello relativo agli utili macinati, che su un giro di affari di 3,4 miliardi di euro ammontano a 820 milioni. In pratica un quarto dei prodotti venduti si trasformano in utili, un dato che surclassa addirittura quello vantato dai colossi del lusso come Prada o Hermes, che su volumi di fatturato analogo, mettono insieme utili inferiori di un quinto rispetto al brand danese.
A spiegare i motivi di questo successo è stato Jørgen Vig Knudstorp, Ad e presidente di Lego, il quale ha ricordato come nell’ultimo decennio siano stati quadruplicati gli utili, grazie all’innovazione massiccia e al costante sviluppo della gamma di prodotti offerti Tra i quali spiccano i pneumatici in miniatura, con ben 400 milioni di esemplari all’anno.
Un momento magico che ha avuto una felice ricaduta anche sui livelli occupazionali, i quali nel 2013 sono aumenti del 13%, portando il totale della forza lavorativa a quota 11.755 addetti.

Il successo dell’azienda danese è stato celebrato anche dal film appena arrivato nelle sale, The Lego Movie, per il quale sono stati necessari ben cinque anni di post produzione. Una fatica che ha però portato copiosi risultati, se si pensa che nel suo fine settimana di debutto negli Stati Uniti il film ha incassato ben settanta milioni di dollari, facendo meglio di una pellicola attesissima come Monuments Man.
A rendere ancora più straordinaria la storia di Lego, concorre il ricordo dello stato in cui l’azienda si trovava quindici anni fa, quando una serie di scelte sbagliate l’aveva portata nel pieno di una crisi nerissima. Il cambio di passo è stato reso possibile dall’avvento di Kjeld Kirk Kristiansen, il nipote del fondatore, al quale è dovuta in particolare la scelta di legare i mattoncini colorati ad alcune delle pellicole più famose, in particolare saghe come I Pirati dei Caraibi, Harry Potter, Star Wars, Indiana Jones o Toy Story. Una scelta rivelatasi felice e che ha permesso a Lego di tornare nel cuore dei più piccoli, tanto che allo stato attuale si calcola che ogni secondo sia caratterizzato dalla vendita di ben dieci confezioni dell’azienda nordica.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
Analisi Tecnica Chiusura del gap-down a 24650 e ripresa della direzione ribassista del ga con una
Il rally è continuato, sui mercati la fiducia è tornata a livelli elevati, e quindi...le borse c
Sembra che qualcosa possa cambiare anche sul mercato obbligazionario. Prendo in esame ancora il
Ftse Mib. Dopo aver toccato quota 24.470 punti, che coincide con la parte finale del gap down di fi
Su Eurostoxx50 i future rimangono stabili ma si assiste a chiusure di call su strike atm ed aperture
Se vogliamo ragionare di tendenze credo ci sia poco da dire. La borsa e nella fattispecie Wall S
STAY TUNED! - Danilo DT (Clicca qui per ulteriori dettagli) Segui @intermarketblog Questo p
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ i
Le convinzioni religiose sono importanti meccanismi di guida dell’agire umano e, come tali, poss