I costi del fare impresa in Italia, confronto con resto d’Europa. Il problema non è costo lavoro

Scritto il alle 17:54 da Redazione Finanza.com

Imprese italiane in perenne lotta tra mille aggravi fiscali e burocratici con costi energetici decisamente superiori rispetto alla media europea. Dopo l’allarme lanciato nei giorni scorsi da Confcommercio, che ha previsto un “salasso per le imprese” dall’introduzione della Iuc (imposta unica comunale) con un aumento medio superiore al 300%, l’Ufficio studi della CGIA mette in risalto alcune delle più lampanti voci che rendono sempre più oneroso fare impresa in Italia. “In un Paese dove l’energia elettrica costa quasi il 30% in più d
ella media dell’area dell’Euro – sottolinea Giuseppe Bortolussi, segretario della CGIA di Mestre – il contributo delle imprese all’ammontare del gettito fiscale nazionale è superiore di oltre 4 punti la media degli altri Paesi, la burocrazia è sempre più asfissiante, la giustizia presenta dei tempi biblici e il deficit infrastrutturale è spaventoso”. “Eppure – prosegue Bortolussi – in Italia il costo del lavoro risulta essere ben al di sotto di Paesi come la Francia e la Germania e superiore alla media dell’area dell’euro solo del 7,3%”.

Ecco alcuni dati emersi dalle comparazioni effettuate dall’Ufficio studi della Cgia:

Costo del lavoro
Nel settore manifatturiero italiano, il costo orario è pari a 34,18 dollari, contro i 45,79 della Germania e i 39,81 della Francia. Tra i big dell’Unione europea solo la Gran Bretagna presenta un costo orario inferiore al nostro: 31,23 dollari. Certo, segnalano dalla CGIA, rispetto ai Paesi dell’ex blocco sovietico scontiamo un differenziale ancora molto elevato, ma nei confronti dei paesi nostri omologhi il costo del lavoro italiano non è eccessivamente elevato.

Bolletta elettrica 28,7% più alta rispetto a media area euro
Le medie e grandi imprese italiane pagano l’energia elettrica il 28,7% in più della media dei paesi dell’area dell’euro. Se in Italia il costo per ogni 1.000 Kwh è di 113,6 euro, in Francia è quasi la metà: 66 euro.

Incidenza tasse: il massiccio contributo delle imprese al gettito
L’incidenza della tassazione “prodotta” dalle imprese italiane sul totale del gettito è in Italia pari al 16,7%: ben 4,1 punti percentuali in più della media dei Paesi che appartengono all’area della moneta unica.

1.195 $ per esportare un container
Se in Italia esportare un container costa ad una impresa mediamente 1.195 dollari, rispetto alla media Ue paghiamo il 14,5% in più. Solo la Francia, con 1.335 dollari, presenta un costo superiore al nostro.

1.185 giorni per risoluzione dispute commerciali
Anche in riferimento ai tempi della giustizia, in Italia scontiamo un gap molto preoccupante. Per risolvere una causa giudiziaria di natura commerciale sono necessari mediamente 1.185 giorni. Quasi il doppio (+90,5%) del tempo necessario nei paesi dell’area dell’euro.

234 giorni per ottenere un permesso di costruzione (capannone)
Se nel nostro Paese sono necessari 234 giorni per ottenere un permesso per costruire un immobile ad uso industriale, nell’area dell’euro bastano mediamente 201 giorni.

124 giorni per allacciamento rete elettrica

Per ottenere l’allacciamento alla rete elettrica sono necessari 124 giorni, ben 22 giorni in più della media Ue. Solo in gran Bretagna i tempi sono più elevati dei nostri: 126.

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
1 commento Commenta
jinxed
Scritto il 29 gennaio 2014 at 21:03

“Se in Italia il costo per ogni 1.000 Kwh è di 113,6 euro, in Francia è quasi la metà: 66 euro.”
Loro hanno le centrali nucleari, noi no: potete ringraziare le folli scelte con il referendum anti-nucleare di 30 anni fa.

“1.185 giorni per risoluzione dispute commerciali… Quasi il doppio (+90,5%) del tempo necessario nei paesi dell’area dell’euro.”
Anche perchè in Italia i furbi e i disonesti sono tanti, per cui la giustizia è ingolfata di cause e processi.

“Nel settore manifatturiero italiano, il costo orario è pari a 34,18 dollari, contro i 45,79 della Germania e i 39,81 della Francia. Tra i big dell’Unione europea solo la Gran Bretagna presenta un costo orario inferiore al nostro: 31,23 dollari. ”
Questa è una notizia sorprendente, considerato che abbiamo i sindacati più agguerriti e insediati del mondo. Alla fine i nostri sindacati non sembrano poi così deleteri, e confermo che i salari in Regno Unito sono da fame, però pagano meno tasse.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: -2 (from 2 votes)

Articoli dal Network di Finanza.com
Analisi Tecnica La figura in harami ha fatto il suo lavoro nel breve ma la doji di indecione sul te
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Favorito da un contesto positivo alimentato dalle chiusure senza tensioni a Wall Street e a Tokyo, i
Bob Rich il cartonist di Hedgeye che allieta da tempo le nostre pagine è un fuoriclasse nel met
L’Inps si conferma sempre di più come un ente onnivoro, basti ricordare l’incorporazione de
Nei giorni passati abbiamo abbondantemente parlato del ruolo delle banche centrali e delle prome
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
  Questo articolo è scritto per coloro che, in barba a tutti gli avvertimenti, stanno "
Prima di parlare della patetica conferenza di Powell ieri davanti alla Commissione dei serivizi
Ftse Mib: l'indice italiano tenta di confermare il break dei 22.000 punti ed oggi si porta sulla res