Rivisitazione dei luoghi comuni sulla Borsa, termometro di cosa?

Scritto il alle 10:06 da Redazione Finanza.com

Nel dizionario dei luoghi comuni di Gustave Flaubert, gli inverni “sono sempre eccezionali”, i cipressi “crescono solo nei cimiteri”, i budget “non sono mai in equilibrio”, gli agenti di Borsa “sono tutti ladri” e gli imbecilli “sono tutti coloro che non la pensano come voi”.
Marc Craquelin, direttore della Gestione di Financière de l’Echiquier, rivisita questi luoghi comuni con particolare riferimento a una di esse che definiva la borsa come il “termometro dell’opinione pubblica”.

 

Ecco di seguito l’articolo firmato da Marc Craquelin.

Se la Borsa non è più un “termometro dell’opinione pubblica”, quale temperatura misura oggi?
Le definizioni dalle connotazioni popolari risalenti alla seconda metà dell’Ottocento rimangono sorprendentemente attuali (le frasi fatte sono dure a morire…). Fa invece eccezione la visione della Borsa termometro dell’opinione pubblica. Con un 15% di aumento del CAC40 in un 2013 che vede la disoccupazione ancora elevata e il governo raggiungere picchi di impopolarità, possiamo affermare che l’anno borsistico ha seriamente contribuito a demolire il piacevole scorcio proposto da Gustave Flaubert.
Contrariamente a un (altro) luogo comune, la borsa non è palesemente un corretto indicatore della crescita del PIL (prodotto interno lordo): le attività in Europa sono in contrazione/stagnazione da due anni, eppure l’Euro Stoxx50 compie dei veri e propri balzi… Conoscere in anticipo il tasso di crescita del PIL nazionale o anche mondiale quindi non ci dà informazioni fondamentali sul processo di investimento.

La borsa riflette la crescita dei risultati delle aziende? Siamo forse vicini alla realtà: la recente curva dell’indice Standard and Poor’s sembra essere correlata ai profitti delle aziende americane. L’indice ha infatti guadagnato il 165% rispetto ai minimi del 2009 con i profitti delle aziende che si sono moltiplicati per 2,3. Ma anche da questo punto di vista il caso dell’Europa solleva degli interrogativi: il 2012 e il 2013, due anni eccellenti per la borsa (+30% in totale), corrispondono infatti a 24 mesi di stagnazione degli utili.
I mercati finanziari moderni sono diventati molto interdipendenti e permeabili a molteplici fattori. Ricercare una variabile esplicativa unica è ormai divenuto un terno a lotto che tuttavia non è privo di interesse. Sapere che il PIL o il PER (Price Earning Ratio) delle aziende non saranno le giuste variabili predittive offre innanzitutto la possibilità di evitare “atti riflessi” poco felici per l’investitore. In questo periodo di intense pubblicazioni di previsioni borsistiche per il 2014, questa “paranoia illuminata” è preziosa: permette di rallegrarsi per la probabile crescita dei risultati delle aziende dello Euro Stoxx50 (il consenso si colloca già attorno a un +18%) pur sapendo che non sarà un fattore sufficiente a garantire la crescita dell’indice europeo nel 2014.
Nel gioco del “è/non è”, la parte negativa è naturalmente quella più facile da individuare. Nel caso della borsa, “non è” una derivata dell’opinione pubblica, “non è” una derivata della crescita, e neppure una derivata della crescita dei risultati aziendali. Volerla rinchiudere in una definizione equivale ad andare sicuramente incontro a delusioni. Ma questa constatazione non deve impedirci di continuare a ricercare e a leggere gli scenari macroeconomici. Saranno probabilmente inadeguati per prevedere il futuro, ma hanno il merito di orientare la nostra riflessione e spiegarci molte cose sui flussi futuri. Come aveva molto ben sintetizzato Warren Buffet: “le previsioni non ci dicono niente sul futuro ma ci dicono molto su coloro che le fanno”.

Quello che fanno gli altri nel mondo… e se fosse questa la temperatura della borsa?

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
I dati macro di venerdi hanno dato un po' di positività in più ma attenzione, in ambito intermar
Iniziamo con una bella notizia, nuovi minimi sul rendimento trentennale dei nostri tesorucci
Ftse Mib. Dopo la rottura della ex trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da metà febbra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Alla fine anche lo SP500 ce l’ha fatta, è tornato alle quotazioni a cui si trovava a metà fe
Avrete avuto modo ieri di vedere il post sulle aspettative di crescita economica redatte dal Con
Ftse Mib. Dopo aver rotto con volatilità la trend line rialzista che ha accompagnato i corsi da me
Queste le movimentazioni monetarie. Sulle Mibofuture stabili e chiusura della componente call da 20
Vi propongo alcuni dei grafici più interessanti che ho trovato nelle ultime 24 ore in rete, gra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u