Bond: usare i CFD per mettere il turbo alle strategie long/ short sullo spread

Scritto il alle 11:07 da Redazione Finanza.com

Tra gli strumenti messi a disposizione degli investitori italiani da IG vi è una particolare categoria di CFD: quella avente come sottostante il comparto obbligazionario. Il broker di matrice inglese consente infatti di fare trading su tutti i principali titoli di Stato del mondo. L’investitore può così scegliere lo strumento che maggiormente si adatta alle proprie esigenze di trading, potendo diversificare anche l’orizzonte temporale in esame. Le scadenze dei CFD sul comparto obbligazionario variano da quelle più brevi come i titoli a 2 anni fino a quelle di lungo periodo, come il Btp, il T-Note o il Bund a 10 anni.

L’ampiezza temporale consente così ai trader di valutare strategie di trading che si basano su variazioni dei tassi di interesse. Maggiore è la duration di un titolo, maggiore sarà la variazione di prezzo che un cambio nella politica monetaria causerà. Considerando l’attivismo mostrato dalle Banche centrali negli ultimi anni e l’apparente avvio di una politica di normalizzazione dei tassi cui si potrebbe assistere nei prossimi mesi, questa opportunità potrebbe rappresentare un fattore da valutare con interesse.

I CFD obbligazionari non hanno come sottostante gli strumenti fisici ma i loro future. Tale differenza ha un vantaggio intrinseco per i risparmiatori concentrati a fare trading sulle obbligazioni: richiedono infatti un margine minore rispetto a quanto non sia per i future, amplificando così l’effetto leva intrinseco nell’operatività.

Essendo un prodotto Otc, i CFD obbligazionari di IG hanno un altro elemento che gioca a favore dei risparmiatori. Si tratta della possibilità di frazionare i contratti, scegliendo l’esposizione ottimale per la propria strategia. Tale elemento riduce significativamente lo stress psicologico che una posizione implementata con contratti standard potrebbe causare ai trader meno esperti.

A livello pratico, l’uso dei CFD obbligazionari permette di lavorare anche sul tanto famigerato spread Btp/Bund. Il broker anglosassone mette a disposizione degli investitori italiani dei CFD sia sul decennale italiano che su quello tedesco. Grazie a questo, i trader potranno costruire strategie di trading aventi come sottostante il restringimento o l’allargamento del differenziale tra i due titoli di Stato. Un esempio? Nell’ipotesi che il trader stimasse una contrazione dello spread Btp/Bund si posizionerà long di Btp e contemporaneamente short di Bund.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Le donne riescono a gestire in modo meno angosciante le preoccupazioni finanziarie rispetto agli
Oramai tra smart working, DAD, video conferenze, passiamo più tempo con le persone in modalità
Mercati europei aprono positivamente in scia al rimbalzo di venerdì dell'America e all'approvazione
Oggi iniziamo da quella che da ora in poi chiameremo la Grande Illusione, il piano di stimoli fi
Guest post: Trading Room #395. Si continua a ballare tra resistenza e supporti, senza avere direzi
Analisi Tecnica Siamo in trading range: - sotto 22605/575 il target si porta a 21825 circa.. -
Ultime due settimane alle trimestrali di marzo. Si iniziano a vedere gli effetti dei primi rollover
Tracy Inverso [Settimanale] (gg. 6)[Base Dati: 15 minuti] Tracy Inverso [Settimanale] (gg. 8)
Tracy [Settimanale] (gg. 6)[Base Dati: 15 minuti] Tracy [Settimanale] (gg. 8)[Base Dati: 15 m
Velocità t-2 / t-1 / T[Base Dati: 15 minuti] Velocità t-2 / t-1 / T[Base Dati: 15 minuti](P