Giornata della collera: i caschi gialli dell’edilizia tornano a manifestare (VIDEONEWS)

Scritto il alle 17:25 da Redazione Finanza.com

I caschetti gialli del settore dell’edilizia sono tornati questa mattina a Piazza Affari per la seconda giornata della collera. A distanza di qualche mese dalla prima manifestazione le associazioni del comparto sono tornate in piazza per manifestare contro le vessazioni, ovvero tutte quelle leggi, procedure, regolamenti che rendono difficoltoso lo svolgimento delle attività per tutti coloro che operano nel settore delle costruzioni e frenano la ripresa.

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
1 commento Commenta
massimo84
Scritto il 9 luglio 2013 at 07:51

questo è un sistema per cui
se rimani fuori, senza “coperture” statali, puoi stare senza lavora per 10 anni che allo stato non frega niente.
oggi tocca al privato, e non frega granchè a molti
ma domani tocca anche al pubblico/parapubblico e riceveranno quanto seminato: indifferenza ed egoismo.
non si vuole cambiare perchè 4/5 lavorano col sedere al caldo, ma entro breve la pacchia finisce.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)

Articoli dal Network di Finanza.com
Se c'è qualcosa che in questi ultimi anni è in correlazione con il valore di Bitcoin è il num
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue al rialzo e mette nel mirino i 25.500 punti. Ricordiamo che da
Non davvero preoccupato, non ve lo nascondo, sono ore che sto aspettando che Donald Trump si met
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Parte oggi la prima call del 2020 di Luiss EnLabs. L’acceleratore d’impresa di LVenture Grou
Quando si parla di borsa, ormai siamo condannati a convivere con: 1) Algoritmi e software vari
Ftse Mib: l’indice italiano si riporta su un livello psicologico molto importante quello dei 25.0
Non ci voleva poi molto, ma in un mondo nel quale conta più un algoritmo che la realtà, balli
Nella giornata di ieri, in concomitanza con la chiusura del mercato Cme, che ha tendenzialmente appi
Il rallentamento globale, ma per molti è temporaneo perché dovuto al coronavirus il quale, una