Euro/dollaro: differenza di vedute

Scritto il alle 17:06 da Redazione Finanza.com

Qualche giorno fa e ben prima dell’intervento di Bernanke della Fed in cui si è dibattuto circa una limitazione prima e un’interruzione poi degli aiuti all’economia, ho letto l’analisi del cross Euro/dollaro da parte di Goldman Sachs che lo vede a 1,34 tra tre mesi, a 1,37 tra sei mesi e 1,40 tra un anno. Mi sembrava un’ipotesi paradossale e difficilmente percorribile in quanto la valuta europea avrebbe dovuto rafforzarsi sul dollaro pur in presenza di un’economia in forte crisi e di serie difficoltà per i titoli di Stato dei Paesi europei.

Dopo la contrazione degli stimoli monetari da parte della Fed il cross è sceso in maniera netta ed oggi viaggia leggermente al di sotto di 1,30.

Secondo Merrill Lynch invece, il cambio euro/dollaro è destinato a correggere fino a quota 1,25. La banca d’affari americana è particolarmente convinta che la dinamica del cross sarà ribassista, tanto che gli obiettivi potrebbero essere ancora più ambiziosi: prevede un generale rafforzamento del dollaro con particolare riguardo alla valuta europea per le difficoltà oggettiva della zona Euro. A ciò bisogna aggiungere i segnali macro positivi che potrebbero aumentare l’interesse verso i titoli di stato e bond in dollari a cui seguirebbe ineluttabile l’apprezzamento del biglietto verde.

Deutsche Bank vede il cross in discesa fino a 1,28 sulla base del fatto che l’azionario a Wall Street dovrebbe sovraperformare rispetto alle piazze europee.

Opinioni quindi decisamente discordanti. Quello che invece dovrebbe essere sottolineato è che in questo momento un refolo di vento genera sconquassi e una dichiarazione di Draghi o un dato della disoccupazione troppo incoerente rispetto alle attese potrebbe generare un accrescimento di volatilità da una parte o dall’altra.

Va da sè che sulla base di quanto affermato, oggi fare una previsione a un mese mi sembra azzardato per il rischio crescente di commettere importanti errori di valutazione.

Il Forex è il mercato più trattato e  il più liquido al mondo. Facendo trading con i CFD sul Forex  i trader possono negoziare qualsiasi volume con spread e margini altamente competitivi. Inoltre, il mercato Forex è meno esposto al rischio di slippage.

Mauro Masoni, CMC Markets

Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
La trimestrale di NVIDIA stupisce i mercati e il rally continua. Ma allo stesso tempo, il mercato ob
La Cina è un'immensa mina deflattiva esplosa nell'oceano globale, una spettacolare bolla immobi
Lo so, deve essere stato difficile per ben 13 anni aspettare l'inflazione, chiamare l'inflazione
Guest post: Trading Room #511. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura che continua ad essere r
Malgrado i dati macro non sicuramente eccezionali per i mercati, con un'inflazione che sale e cambia
Giornata perfetta ieri, con nuovi massimi sui mercati europei come aveva previsto su Twitter il
Oggi, terzo venerdì del mese, è giornata di scadenze tecniche. Scadranno le opzioni su azioni, le
Viviamo davvero in un mondo di matti, basta guardare alla reazione isterica dei profeti dell'inf
Mentre a Francoforte si discute sul sesso degli angeli, sull'inflazione che sta per sparire come
Guest post: Trading Room #510. Il grafico FTSEMIB weekly ha una struttura chiara ed evidente. La l