Messenger verso il pensionamento. Tutti su Skype per contrastare i social network

Scritto il alle 15:46 da Redazione Finanza.com

 

Rivoluzione in casa Microsoft: dal 15 marzo mandando in pensione il proprio sistema di messaggistica Messenger trasferendo tutte le proprie utenze sulla piattaforma  Skype.
Messenger è stato per molti anni il programma principale di chat di Microsoft ma presto non sarà più così. Il colosso informatico infatti ha comunicato a tutti gli utenti di Messenger attraverso una mail che entro la metà del mese di marzo dovranno passare obbligatoriamente alla piattaforma Skype.

Skype è il software di messaggistica istantanea che utilizza la tecnologia Voip, ovvero quel sistema che permette con grande facilità di effettuare telefonate in tutto il mondo utilizzando semplicemente una connessione internet. Skype è un software gratuito che nel corso degli anni ha conosciuto un crescente successo, anche per via della sua praticità e del notevole risparmio sul costo delle chiamate telefoniche. Dopo varie vicissitudini e diversi cambi di proprietà (tra cui ricordiamo l’acquisizione da parte di Ebay nel 2005) nel maggio 2011 Skype è stato acquistato proprio dalla Microsoft per 8,5 miliardi di dollari. 

A questo punto è cominciato il “pensionamento” di Windows Live Messenger a favore della sostituzione con Skype. Messenger è stato lanciato ormai nel 1999 e aggiornato fino all’agosto del 2012 con oltre 300 milioni di utenti che lo usano. E’ un servizio di messaggistica istantanea tramite chat, una tecnologia però ormai superata dalle nuove chat dei social netwotk (basta solo pensare al caso di Facebook e la rapidità di Twitter) e appunto dalla concorrenza di Skype che già nel 2011 ha superato i 600 milioni di utenti registrati.

Il passaggio da Messenger a Skype avverrà in tutto il mondo, a parte il caso del mercato cinese dove tutto resterà uguale come prima, e non sarà particolarmente complesso. A questo proposito bisogna dire che già nei mesi scorsi, per facilitare questa operazione, Skype è stato reso compatibile con le ultime versioni dei sistemi operativi Windows e Mac. Prossimamente tutti gli utenti riceveranno una notifica (vedi le procedure di installazione e passaggio sul sito ufficiale http://www.skype.com/it/download-skype/skype-for-computer/windows-live-messenger/?cm_mmc=MSFT”LINK_B1-_-z71_MSP_WLM_P1_842x250_ROW%29) e potranno importare tutti i loro messaggi e contatti Messenger direttamente su Skype. Questa migrazione si potrà fare anche con gli account di posta elettronica di Hotmail e Outlook. L’unico “problema” sarà solo quello di abituarsi alla nuova interfaccia e comandi.

Questa mossa è una decisione di Microsoft per contrastare l’avanzata della chat dei social network e delle applicazioni per il mercato mobile. Facendo un po’ di conti prima di questa operazione Microsoft poteva contare sulla forza di Messenger che, seppur come detto in declino, aveva una quota del 40% circa del mercato internazionale della messaggistica istantanea. A questo va aggiunto il 30% di Skype per un totale di circa il 70%. I dati però non tengono conto dell’arrivo sul mercato degli smartphone che hanno decisamente indebolito l’uso delle chat “tradizionali” su PC a favore di un più pratico uso mobile. In questa direzione si segnala l’ascesa di WhatsApp (http://www.whatsapp.com/?l=it), un’applicazione di messaggistica istantanea multi piattaforma (quindi utilizzabile sia su cellulari che su pc) che a fine 2012 ha raggiunto la quota di 18 milioni di messaggi in tutto il mondo, decretando un crollo degli sms tradizionali. Non dimentichiamo infine la nuova applicazione di messaggistica Voip di Facebook che verrà lanciata nel mercato americano a breve, a dimostrazione che in futuro vedremo sicuramente delle belle sfide su questo terreno.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Puntata speciale con Michele Fanigliulo, analista di Intermonte Sim. Abbiamo visto i seguenti titoli
Rimango sempre più convinto che il mercato sia stupido, che le aspettative razionali sono una d
Sulle opzioni Mibo scadenza luglio si assiste ad un aumento di contratti put a strike 24500 e contra
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Dopo il poderoso rimbalzo di ieri andiamo a vedere dove stanno togliendo o mettendo rischio gli oper
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2019/2020 (range 15017/25483 ) [ u
Un fine settimana davvero interessante quello della settimana scorsa, interessante ed entusiasma
Settimana contraddistinta da debolezza e ribassi delle quotazioni. Probabilmente le chiusure di fine