Natale low cost: consigli per un cenone da leccarsi i baffi senza svuotare il portafoglio

Scritto il alle 14:00 da Redazione Finanza.com

 

Natale è alle porte e, a dispetto della crisi, gli italiani non hanno intenzione di rinunciare alla tavola e ad un buon cenone natalizio. È pur vero che il costo della vita e dei beni di prima necessità, come anche e soprattutto il cibo, si é innalzato notevolmente non permettendo di spendere come accadeva prima della crisi economica, ma gli italiani preferiscono rinunciare magari a spendere troppo per i regali, prediligendo acquisti di poche decine di euro piuttosto che rinunciare alla buona tavola nei giorni delle feste.

I dati che provengono da varie fonti attestano che la situazione economica in riferimento ai generi alimentari non è mai stata così grave: a Torino, per esempio, molto supermercati “regalano” prodotti in attesa di ricevere in futuro il pagamento dei generi alimentari acquistati, a Roma si intensificano i banchetti di spesa solidale negli ipermercati . Eppure, al caro e tradizionale cenone delle feste non rinuncia nessuno.

Alcuni consigli su come spendere “al meglio” i propri soldi per coniugare tradizione, bontà ed economica, visti i tempi, sono doverosi. Alcuni suggerimenti: su www.catturasconti.com si annunciano sconti per una cena per due a base di pesce e la possibilità di scegliere vari ristoranti. Su www.sottocoperta.net sono invece proposte varie ricette “economiche” per un menù natalizio da “leccarsi i baffi”, dalla pasta ai profumi di mare al risotto alla certosina, passando per i filetto di triglia con sautè di patate e zucchine. Il consiglio principale è comunque quello di scegliere il pesce il cui prezzo si sia maggiormente abbassato per cucinarlo in vari modi, come risotti e timballi, ma anche pensando a una ricetta vincente come l’aspic di pesce.
Confcommercio invece rileva che molti italiani invece che preparare pranzi e cene a casa proprio, cercheranno le varie offerte proposte dai ristoranti arrivando a spendere anche 77 euro a testa.

Molti infatti, secondo una ricerca Format-research (www.confcommercio.it), spenderanno addirittura più di quanto speso gli anni precedenti per i cenoni di Natale e della notte di San Silvestro (a conferma del fatto che gli italiani non hanno a intenzione di rinunciare, come da tradizione, alla buona tavola durante le feste. Il presidente Fipe-Confcommercio addirittura imputa la decisione di optare per le cene “fuori casa” alla mancanza di tempo e di denaro per organizzare un cenone per tante persone, riassettare e cucinare, anche perché è aumentato il numero di lavoratori che, per motivi economici, rimarranno a lavoro anche poche ore prima della vigilia di Natale. I ristoranti quindi saranno aperti anche durante le festività e vista l’attesa ondata di clienti, in molto hanno deciso di offrire sconti consistenti in riferimento al menù: anche fino ad arrivare ad un prezzo di 52 euro a persona.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Ftse Mib: l'indice italiano supera i 20.500 punti e rimette nel mirino i 21.000 punti. Importante sa
Per certi versi ce lo potevamo aspettare. Ma dal punto di vista logico ed etico, il mondo bancar
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
L’indice Citigroup Economic Surprise Index ci regala un’istantanea molto forte della situazi
La premessa è inevitabile, quota zero o tassi negativi non serviranno ad evitare all'America e
I tassi negativi sono sicuramente il grande argomento di queste ultime settimane. Un assurdo che
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Ovvio, quanto  è accaduto nelle ultime settimane ha rovinato non di poco il quadro di fondo de
Ripensando in questi giorni al clamore che ha suscitato Libra, la moneta digitale che ha present
Ftse Mib: l'indice italiano tenta il rimbalzo dopo lo scivolone delle ultime settimane. Movimento le