Il debito francese lo paga Ibra? No, lo sceicco

Scritto il alle 11:02 da Redazione Finanza.com

La maxi-tassa sui ricchi in arrivo in Francia non risparmierà artisti e sportivi. Il presidente francese, Francois Hollande, ha tolto ogni dubbio circa l’applicazione verso tutti della tassazione al 75% per i contribuenti che presentano redditi superiori al milione di euro (aliquota prevista per la parte eccedente tale soglia). L’extra-tassazione resterà in vigore per due anni e contribuirà in buona parte al rientro del deficit di bilancio del Paese sotto la soglia del 3% entro fine 2013.

Non è mancato il riferimento da parte dell’inquilino dell’Eliseo a Bernard Arnault, patron e ceo di LVMH, che la scorsa settimana ha presentato una domanda per diventare un cittadino belga. “Avrebbe dovuto riflettere su cosa significa chiedere un’altra nazionalità – ha rimarcato Hollande – perché siamo orgogliosi di essere francesi. Dobbiamo essere patriottici in questo momento”. Arnault è uomo più ricco di Francia e sotto il fuoco dcelle polemiche ha dovuto puntualizzare che comunque continuerà a pagare le tasse in Francia.

Chi invece sembra riuscirà a eludere l’aggravio della tassazione è Zlatan Ibrahimovic, nuovo acquisto del Psg che vanta uno stipendio annuo netto pari a 14 milioni l’anno per i prossimi 3 anni, pari a quasi 10 volte quello che percepisce lo stesso Arnault (a.d. più pagato della Francia) e addirittura 90 volte quello del presidente francese. L’attaccante svedese, come consuetudine in molti contratti dei calciatori, si sarebbe riparato dal rischio fisco concordando uno stipendio garantito al netto di tasse e contributi sociali. Pertanto  l’aggravio di imposta sarà a carico del club parigino che fa capo allo sceicco del Qatar Al Thani.
Sarà pertanto il ricco sceicco a sobbarcarsi la tassazione al 75% di Ibra e probabilmente anche degli altri milionari presenti in rosa, a partire dall’altro ex milanista, Thiago Silva, secondo nella lista dei paperoni del club con un netto di 9 mln di euro l’anno.
Con la tassazione vigente il costo complessivo di Ibra è di 32,5 mln, che lieviterà a circa 56 mln con il nuovo regime di tassazione con un aggravio netto di 23,5 mln a carico del Psg e un totale di circa 42 mln che andranno nelle casse dello stato francese per conto di Ibra ma con assegno staccato dallo sceicco Al Thani.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +2 (from 2 votes)
Il debito francese lo paga Ibra? No, lo sceicco, 9.7 out of 10 based on 3 ratings
Tags: , , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Cucinare ricette con ingredienti di stagione, ridurre il consumo di carne, ignorare la moda dei supe
Ftse Mib: l'indice italiano ripiega e prova la rottura dei 25.000 punti al ribasso. Possibile un po'
Credo sia inutile riprendere discorsi già fatti nei giorni scorsi, quindi andiamo subito al sod
Oggi giornata di settlement, scadranno le opzioni mensili di Bund, Idem, Eurex e Cme. Abbandoniamo q
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Il 90% dei consumatori europei afferma di essere sensibile al consumo sostenibile e si adopera per r
Ftse Mib: l’indice italiano ha superato la soglia psicologica dei 25.000 punti e mette nel mirino
Non credo sia il caso di tornare sul perché i tassi di interesse si trovano in queste assurde p
Forse Voi ve lo siete perso, forse a Voi interessa poco o nulla, ma la figura dello psicopatico
Mercati sempre molto forti, niente e nessuno sembra poter interrompere o rallentare questa corsa. A