Coca Cola e noccioline più sicure dell’oro. Parola di Warren Buffett

Scritto il alle 11:45 da Redazione Finanza.com

 

 

 

 

 

 

L’investimento veramente sicuro? Quello in asset produttivi: società, fabbriche o immobili. Parola di Warren Buffett, che nella sua lettera agli azionisti di Berkshire Hathaway spiega la filosofia della casa d’investimento che gestisce dal 1965, e che in 47 anni ha visto il suo book value per azione aumentare da 19 a 99.860 dollari per azione.

Secondo il magnate statunitense, esistono tre tipi di asset nei quali investire: quelli il cui valore è denominato in valuta; gli asset infruttiferi utilizzati come bene rifugio, con l’oro in testa; e, appunto, gli asset produttivi, ovvero le società che generano valore nel tempo.

Obbligazioni meno volatili ma più rischiose

Nonostante sia considerata la forma di investimento più sicura, la prima tipologia – che comprende fondi, obbligazioni, mutui, depositi bancari ed altri strumenti – secondo Buffet è in realtà la più rischiosa. Il valore di tali asset infatti è fortemente condizionato dall’inflazione e dalle politiche economiche dei governi, che non sono sotto il controllo di chi investe. Senza dunque essere asset “volatili” (ciò che è comunemente considerato come sinonimo di “rischiosi”), possono però facilmente perdere potere d’acquisto. E, secondo il numero uno di Berkshire, è proprio il potere d’acquisto, e il suo aumento nel tempo, il vero scopo dell’investimento, non semplicemente la liquidità che si spera di ottenere dall’asset acquistato.

La bolla dei beni rifugio

La seconda tipologia di investimenti comprende quei beni che di per sé non producono nulla, ma il cui valore aumenta semplicemente perché chi li acquista li considera una protezione, e perché all’aumentare del loro valore cresce sempre più il numero di coloro che vogliono “saltare sul carro del vincitore” acquistandoli a loro volta e facendone ulteriormente lievitare il prezzo. L’oro oggi è il primo di questi beni (nel XVII secolo, ricorda Buffett, lo erano i tulipani). Questo tipo di investimenti è esposto al rischio-bolla: il loro valore sale esponenzialmente ma, prima o poi, inevitabilmente si sgonfia.

La capacità produttiva è l’asset più sicuro

Le prime due modalità d’investimento funzionano bene nei momenti di paura e incertezza. Ma ciò che Warren Buffett preferisce acquistare sono le azioni di società che producono continuamente valore nel tempo pur richiedendo quantità limitate di capitale investito. “Avremo sempre due minuti per bere una Coca Cola o per sgranocchiare delle noccioline See”, nota il capo di Berkshire. Quindi Coca Cola e See Candy saranno sempre in grado di produrre le loro bevande e i loro snack, perchè la gente sarà sempre disposta a pagare per ciò che non ha, e che le aziende producono. Ed è proprio questa capacità produttiva, che non si estingue nel tempo, l’asset più sicuro nel quale investire.

Floriana Liuni

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 2 votes)
Coca Cola e noccioline più sicure dell'oro. Parola di Warren Buffett, 5.6 out of 10 based on 8 ratings
Tags: , ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Se c'è qualcosa che in questi ultimi anni è in correlazione con il valore di Bitcoin è il num
Ftse Mib: l'indice italiano prosegue al rialzo e mette nel mirino i 25.500 punti. Ricordiamo che da
Non davvero preoccupato, non ve lo nascondo, sono ore che sto aspettando che Donald Trump si met
FTSE MIB INDEX Setup e Angoli di Gann Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) [ u
Parte oggi la prima call del 2020 di Luiss EnLabs. L’acceleratore d’impresa di LVenture Grou
Quando si parla di borsa, ormai siamo condannati a convivere con: 1) Algoritmi e software vari
Ftse Mib: l’indice italiano si riporta su un livello psicologico molto importante quello dei 25.0
Non ci voleva poi molto, ma in un mondo nel quale conta più un algoritmo che la realtà, balli
Nella giornata di ieri, in concomitanza con la chiusura del mercato Cme, che ha tendenzialmente appi
Il rallentamento globale, ma per molti è temporaneo perché dovuto al coronavirus il quale, una