Super-car: quanto costa mantenerle? Ecco cosa spendono i calciatori più famosi

Scritto il alle 12:05 da Redazione Finanza.com

A chi non fa invidia la Lamborghini Huracan Spyder che guida Icardi? O la Ford Mustang come quella di Insigne, l’attaccante del Napoli? Peccato però che sfrecciare a bordo di bolidi eleganti e potenti significa spendere cifre con tre zeri, che poche altre categorie oltre a quella dei calciatori hanno la possibilità di farlo. E non è solo l’assicurazione auto a incidere sulla spesa annua. Oltre all’Rc bisogna pensare al carburante e al bollo (in molti casi superbollo!), che raggiungono prezzi stellari.

Un’analisi effettuata da SosTariffe.it ha fatto i conti in tasca a dieci calciatori italiani tra i più noti per scoprire quanto spendono in media ogni anno per restare al volante delle loro vetture ultra lusso. Ovviamente tra i costi fissi che più incidono sulla spesa annuale spiccano assicurazione e bollo, mentre il carburante ha in proporzione un costo più basso, ma sempre da capogiro se paragonato alle spese sostenute per le normali utilitarie.

Rc auto: le spese pazze dei calciatori
Solo di Rc auto, le cifre che emergono dalla ricerca vanno da un massimo di 10.879 euro annui che paga Marek Hamsik del Napoli per la sua Ferrari 458 Italia, al “minimo” di 2.330 euro, versati dal compagno attaccante romanista Patrik Schick, per assicurare la propria Mercedes classe B T242. Si tratta delle cifre medie che i giocatori verserebbero in Italia se attivassero un’assicurazione auto, ipotizzando che scelgano, tra le voci accessorie: infortuni conducente, Kasko completa, furto incendio e tutela legale.
Subito dopo Hamsik, sul podio delle Rc auto più onerose, ci sono i 10.581 euro spesi ogni anno dal centrocampista della Roma Radja Nainggolan per un’altra Ferrari da sogno, la FF DTC. Al terzo posto invece si trova Nani, giocatore della Lazio, che spende presumibilmente 10.538 euro euro per una Lamborghini Gallardo LP 550-2.

Bollo e superbollo, altro salasso
Al secondo posto, tra i costi fissi più elevati c’è il bollo auto. La tassa di possesso (che diventa superbollo nel caso di auto con potenza superiore ai 185 kw) calcolata in base alle norme vigenti in Italia, grava più di tutti su Bonucci, con i 9180 euro che verserebbe allo Stato per la sua Ferrari. Nainggolan è, invece, il proprietario della supercar più costosa tra i dieci calciatori presi in esame e per la quale paga annualmente un superbollo di 7.748 euro.

Automobili che valgono quanto un immobile
L’auto che vale di più in assoluto tra i veicoli di fascia alta presi in esame è la Ferrari FF DCT di Radja Nainggolan: circa 264.000 euro. Per mantenerla il centrocampista della Roma consuma in totale 21.303 euro l’anno, costo che incide per l’8,07% sul valore del veicolo. Mentre il mezzo più “economico” tra le vetture guidate dagli alfieri del calcio è la Mercedes classe B T242 di Patrik Schick della Roma che vale 30.000 euro, ma ne costa 4.010 l’anno, spesa fissa che pesa per il 13,4% sul valore complessivo.

Un pieno che svena
L’ultima voce presa in esame è il carburante: si va dai 2.974 euro l’anno sborsati da Nainggolan, ai 1.209 euro che invece paga Schick, considerati i prezzi medi nelle città di residenza dei calciatori e ipotizzando che percorrano in media 12.500 Km in dodici mesi.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags: ,   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Stoxx Giornaliero Buona domenica a tutti, l’indice di riferimento europeo lascia invariata
DJI Giornaliero Buongiorno, finalmente abbiamo degli elementi nuovi che riguardano lo storico
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Il rating per l’Italia è cambiato per Moody’s. Restiamo però investment grade e l’outloo
Lasciamo da parte la complicata situazione italiana e chiediamo all'analisi intermarket un aiuto
Nel post di prima abbiamo parlato della grande sfida che vede di fronte il governo italiano, le
Il mondo del lavoro sta cambiando rapidamente e ci si interroga sempre di più su come sarà in futu
Ftse Mib: indice sotto pressione rompe 19.000 e punta 18.700 punti, livello chiave per l'indice ital
Mentre stiamo discutendo di “manine” e di contrasti all’interno della coalizione giallover
L’aria non butta bene per il governo in sede europea, il  che provoca una salita dello spread ed