Targhe straniere, ecco come i furbetti eludono tasse e multe

Scritto il alle 14:46 da Redazione Finanza.com
Sempre più spesso nelle strade italiane si vedono circolare auto con targhe straniere (Romania, Bulgaria e Svizzera sono le più diffuse). Turismo in crescita? Non proprio. E’ l’ultimo trucchetto che gli italiani adottano per evitare di pagare multe, bollo e anche polizze assicurative più elevate. Lo ha rivelato un recente servizio di Milena Gabanelli dal titolo “Targhe straniere, così gli italiani evitano tasse e multe”, pubblicato su Il Corriere della Sera.
Nel 2017, la Stradale ne ha beccati 774 e più della metà avevano targa romena. Il metodo più utilizzato da questi furbetti consiste, secondo quanto è emerso dall’inchiesta, nello stipulare un contratto di noleggio a lungo termine o di leasing con una società straniera, oltre che un contratto di gestione. “Funziona così: un autista della società preleva l’auto a casa vostra, la porta per esempio in Bulgaria, intesta la gestione (la proprietà resta a chi quell’auto la guida), la reimmatricola e poi la riporta indietro”.
Un meccanismo che permette non solo di evitare di pagare il bollo (o superbollo visto che si tratta spesso di auto di grossa cilindrata), ma anche di evitare “le multe per eccesso di velocità, divieto di sosta, transito nelle ztl. In più, l’auto è difficilmente pignorabile e il fermo amministrativo quasi impossibile”. In caso poi di incidente con auto con targhe straniere il rischio è che debba intervenire il Fondo di garanzia italiano per le vittime della strada. “Per i risarcimenti interviene l’Ufficio centrale italiano (Uci) che attiva le procedure liquidative. Il problema è che i prezzi delle polizze sono adeguati al loro mercato ma non per coprire milioni di mezzi che circolano all’estero. E secondo l’Uci, in Bulgaria il costo medio della liquidazione del danno è di 100 euro, mentre in Italia è di 3.986 euro”, spiega la Gabanelli.
Ad oggi il Codice della strada stabilisce che, se l’auto estera appartiene a cittadini residenti in Italia (sia connazionali sia stranieri), può circolare liberamente al massimo per un anno. Dopo di che deve essere ritargata dalla nostra Motorizzazione, pagare le nostre tasse e le polizze assicurative.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
I mercati scontano il futuro. La valutazione che vediamo in borsa di un’azienda dovrebbe tener
Ftse Mib: l'indice italiano torna su una resistenza importante a 21.122 punti che se rotta in chiusu
Mi è stato chiesto (via mail) un parere su un'azienda tra le più difficili da decifrare. In passat
ll mercato del lavoro almeno da una trentina d’anni ha mutato pelle. Mentre prima un impiego press
Guest post: Trading Room #313. Settimana positiva per la borsa italiana che adesso si ritrova a co
Analisi Tecnica Vi propongo il grafico dell'indice che non e' soggetto al cambio di contratto. RIm
Stoxx Giornaliero Buongiorno a tutti, diversamente da quanto avevamo pronosticato, il princip
DJI Buongiorno a tutti, riprendiamo il discorso sull’indice industriale americano. Parti
Prima di occuparci della Brexit e di Trump, di guerre commerciali, subito una buona notizia dal
T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. xx)[Base Dati: 15 minuti] T-1 Inverso [3-5 Giorni] (h. yy)[Base