Cerca nel Blog

Consumi: brand experience, 5 fattori per misurare l’esperienza del cliente

Scritto il alle 13:23 da Redazione Finanza.com

consumiQuanto più i mercati sono competitivi, tanto più si fa forte l’esigenza di differenziarsi dai concorrenti e così la qualità dell’esperienza dei clienti diventa una rilevante fonte di differenziazione e di successo del proprio business. Ma come misurare la qualità dell’esperienza del cliente, detta in gergo tecnico brand experience?

Un gruppo di ricercatrici di SDA Bocconi School of Management, in collaborazione con AKQA Italy, ha sviluppato un indice che misura la qualità della brand experience per i clienti delle imprese, il Bea, ossia il Brand Experience Assessment. L’indice si sviluppa su cinque dimensioni, che formano appunto la brand experience:

1) Brand honesty. Il concetto si articola in tre componenti: la percezione di autenticità del brand (naturale, originale, affidabile…); il rispetto che il brand dimostra per la privacy del consumatore, inviandogli solo messaggi pertinenti e non invasivi; il rispetto per il tempo che il consumatore dedica al brand, che è vissuto come un investimento, al pari di quello in denaro.

2) Brand inclusiveness. È la capacità del brand di far sentire il consumatore incluso, mettendolo in relazione con il mondo esterno, facendolo sentire parte di una comunità, coinvolgendone tutti i sensi.

3) Gratification. Riguarda gli aspetti emotivi dell’esperienza, la capacità del brand di solleticare la fantasia, le emozioni, il divertimento, persino la felicità.

4) Regret. È il rammarico di aver vissuto l’esperienza con un brand, che si presenta quando il consumatore percepisce di aver preso la decisione sbagliata. È una percezione da minimizzare a tutti i costi, soprattutto attraverso i canali di comunicazione da attivare dopo l’esperienza.

5) Fulfillment. È la valutazione che il consumatore fa dell’investimento fatto per interagire con un brand e comprende la dimensione economica, quella di tempo e quella relativa alla fatica.

Il prossimo passo del programma di ricerca sarà ora lo sviluppo di uno strumento di aggiornamento e valutazione per identificare quali sono gli investimenti delle imprese in brand experience più efficaci, ha anticipato SDA Bocconi School of Management.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Anche la prima parte del 2017 ha visto le materie prime giocare un ruolo cruciale sui mercati. T
Da molto tempo continuo le mie ricerche nel trading contrapposto, meglio definito come DoubleWay, la
Credo che Mario Draghi si sia lasciato prendere un po’ la mano nelle ultime dichiarazioni. Per
Il FTSE Mib sta tentando una timida reazione questa mattina, smorzata però dalla presenza di una re
Sono oltre 15 milioni gli italiani che, per evitare di viaggiare con grosse somme in contanti quando
Una premessa è necessaria! Il sistema di rilevazione delle vendite di nuove abitazioni da parte d
Il forex è il mercato più complesso ed imprevedibile. Sono tantissime le variabili che condizi
Finalmente l’altro giorno il Presidente del Consiglio dei Ministri ha firmato il decreto attuativo
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us