David Koch: chi è il petroliere più ricco d’America (e che non ama Trump)

Scritto il alle 12:39 da Redazione Finanza.com

David Koch - ShutterstockDavid Koch è l’esponente di spicco, insieme al fratello Charles, di una famiglia di petrolieri statunitensi e risulta uno degli uomini più ricchi al mondo. Nato il 3 maggio del 1940 a Wichita, Kansas, è figlio ed erede di Fred Koch, sposato dal 1996 con Julia Margaret Flesher e ha tre figli.
Con il suo fratello maggiore Charles, David Koch controlla Koch Industries, la seconda più grande azienda privata negli Stati Uniti.
David Koch risulta il cittadino più ricco di New York e si è sempre distinto insieme al fratello Charles per l’intensa attività di lobby per spostare verso posizioni di destra o conservatrici le politiche economiche statunitensi. Nel 2012 è arrivato a finanziare con 400 milioni di dollari le campagne repubblicane per evitare la rielezione di Barack Obama.

Nella top ten dei più ricchi al mondo
La classifica Forbes degli uomini più ricchi al mondo posizione David Koch al 9° posto nel 2016. Si stima che lui e il fratello Charles abbiano ciascuno un patrimonio di 39,6 miliardi di dollari lo scorso anno (salito a 44,2 mld al 2/2/2017).
Il Teatro di danza classica di New York, Originariamente chiamato il New York State Theater, è stato rinominato David Koch Theater dopo una sua donazione di cento milioni di dollari per una ristrutturazione fatta dallo stesso Koch.

L’azienda di famiglia, la Koch Industries
La Koch Industries è attiva nel settore del petrolio con Fred Koch, padre di Charles e David, che ha iniziato l’attività di famiglia nel 1940 sviluppando un metodo di raffinazione del petrolio pesante in benzina. Alla morte di Fred Koch, il primogenito Charles ha assunto la carica di presidente e amministratore delegato della società riuscendo ad ampliare i ricavi oltre quota 100 miliardi di dollari. David Koch è vice presidente esecutivo del conglomerato Koch Industries ed è anche a capo del business della tecnologia chimica del gruppo.
Koch Industries, che non è quotata in Borsa, controlla anche società legate al business di fertilizzanti, fibre e polimeri, minerario, carta, tecnologie per il controllo dell’inquinamento e trading di materie prime.

David Koch: l’attivismo politico
David Koch è un attivista della scena politica statunitense ed è stato anche candidato alla vicepresidenza del Libertarian Party nel 1980. Lui e suo fratello Charles sono considerati tra i maggiori influencer all’interno della destra americana a suon di centinaia di milioni di dollari. Nella campagna elettorale del 2012 hanno finanziato con 400 milioni di dollari le campagne repubblicane per evitare la rielezione di Barack Obama.
I due miliardari si sono impegnati a spendere 300-400 milioni di dollari per il prossimo ciclo elettorale del 2018.

I fratelli Koch e Trump
Nell’ultima campagna elettorale i fratelli Koch non hanno finanziato la campagna verso la casa Bianca di Donald Trump. Donald Trump ha detto pubblicamente di aver rifiutato l’incontro con i fratelli Koch. “Per loro sarà molto meglio incontrare burattini politici”, ha scritto Trump su Twitter nel corso della campagna elettorale.
I due fratelli si sono espressi contro Trump in relazione al bando rivolto ai viaggiatori provenienti da sette Paesi a maggioranza islamica, definendo “sbagliato” l’approccio del presidente statunitense.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE Mib: il listino tricolore dopo aver testato venerdì la resistenza statica poco sopra 22.800 pu
Donald trump ha appena raccontato alla Merkel come intende sistemare l'Europa, mentre tacchini
Sono tutti capaci ad ammaliare le folle con discorsoni, grandi promesse e parolone che poi puntu
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Finalmente qualcosa si muove nel mondo dei derivati USA ed il COT Report ci riporta gli Small Trad
Durante la mia assenza l'indice Biotech ha stornato. Eravamo rimasti con questo in una zona di forte
Mentre la notizia dei Bitcoin Futures sta rimbalzando tra i mass-media di tutto il mondo, compre
FTSE Mib: l'indice italiano oggi è alle prese con il test dei 22.830 punti, dopo la rottura venerd
Mentre altri vi raccontano le meraviglie dell'ultimo sondaggio sull'occupazione che registra un
Guest post: Trading Room #267. Ormai siamo ad un passo da area 23000, un livello che potrebbe port