15 anni di euro: per prezzi dei beni impennata fino al 200%, ecco la lista

Scritto il alle 16:50 da Redazione Finanza.com

soldi, euroLo scoccare del nuovo anno è coinciso con il compleanno numero 15 per l’euro. La divisa unica europea, introdotta il primo gennaio 2002 (cambio 1 euro = 1.936,27 lire), è stata da sempre fonte di discordia nei vari paesi dell’area euro sul fatto che sia stato un fattore positivo o meno per i cittadini.

Dall’introduzione dell’euro ad oggi in Italia i prezzi e le tariffe in Italia per beni e servizi di largo consumo sono aumentati, in alcuni casi triplicati: +207% la penna a sfera, +160% il cono gelato e +198% un tramezzino al bar.

Dal gennaio 2002 al gennaio 2017, rimarca il Codacons, i cittadini italiani hanno subito rincari medi del +59,1%, con punte del +207,7% per la penna a sfera, +198,7% per il tramezzino consumato al bar, +159,7% per un cono gelato – spiega il Codacons – Comprare un giornale costa il 94,8% in più; va meglio con l’espresso al bar (+34,3%) ma attenzione alla classica pizza margherita:+103,9%.
Gli aumenti di prezzi e tariffe degli ultimi 15 anni hanno determinato una maggiore spesa a carico degli italiani complessivamente pari a 14.183 euro a famiglia, contribuendo alla perdita di potere d’acquisto e al generale impoverimento del ceto medio – calcola il Codacons.

“Il Codacons fu la prima associazione che nel gennaio 2002, quando venne introdotto l’euro, denunciò gli aumenti selvaggi e le speculazioni da changeover – spiega il Presidente Carlo Rienzi – All’epoca venimmo accusati di euroscetticismo e di terrorismo mediatico, mentre oggi tutti ci danno ragione, perché la prova di ciò che è successo è sotto gli occhi di chiunque, a partire dagli stessi commercianti, prime vittime della loro stessa politica suicida”.

Ecco di seguito una tabella realizzata dal Codacons che dimostra l’andamento dei listini al dettaglio dagli ultimi giorni delle lire (dicembre 2001) ai giorni nostri:

PRODOTTO                                 Prezzo 2001   Prezzo 2017     VARIAZ. %

1.                 Cono gelato 0,77 2 159,70%
2.                 Penna a sfera 0,26 0,8 207,70%
3.                 Tramezzino al bar 0,77 2,3 198,70%
4.                 Pizza margherita 3,36 6,85 103,90%
5.                 Sogliola al kg. 13,94 26,1 87,20%
6.                 Biscotti frollini (1 kg) 1,5 3,29 119,30%
7.                 Lavanderia pantalone 1,91 4 109,40%
8.                 Caffè 2 pz x 250 gr 2,63 6,4 143,30%
9.                 Pizza 4 stagioni 5,16 9,5 84,10%
10.               Jeans uomo (di marca) 64,56 126 95,20%
11.               Lotto giocata minima 0,52 1 92,30%
12.               Dentista (otturazione) 72,3 117 61,80%
13.               Patate al kg. 0,62 1,2 93,50%
14.               Riso arborio kg.1 1,52 2,85 87,50%
15.               Fettine di vitello al kg. 11,98 19,9 66,10%
16.               Pane in cassetta 0,8 1,5 87,50%
17.               Supplì cadauno 0,67 1,5 123,90%
18.               Cappuccino e brioche 1,19 2 68,10%
19.               Zucchine al kg. 1,29 1,95 51,20%
20.               Quadernone 1,08 1,9 75,90%
21.               Passata pomodoro (bottiglia) 0,62 1,09 75,80%
22.               Parrucchiere messa in piega 9,81 16 63,10%
23.               Minestrone surgelato 2,19 3,8 73,50%
24.               Lamette da barba 3,2 5,15 60,90%
25.               Saponetta 0,72 1,2 66,70%
26.               Panino al bar 1,8 3 66,70%
27.               Fette biscottate 0,9 1,65 83,30%
28.               Farina kg.1 0,57 0,9 57,90%
29.               Candeggina lt 1 0,7 1,25 78,60%
30.               Confettura ai frutti di bosco 1,96 3,6 83,70%
31.               Yogurt alla frutta 2 pz 1,03 1,55 50,50%
32.               Tonno in scatola al kg. 7,09 12,19 71,90%
33.               Bagnoschiuma 1,65 2,3 39,40%
34.               Pane al kg. 1,8 2,85 58,30%
35.               Cereali da colazione 1,83 2,9 58,50%
36.               Quotidiano 0,77 1,5 94,80%
37.               Detersivo piatti lt 1 1,15 1,75 52,20%
38.               Mele golden al kg. 1,22 1,82 49,20%
39.               Spazzolino da denti 1,81 2,8 54,70%
40.               Collant 40 denari 3,31 5,5 66,20%
41.               Uova confez. da 6 1,03 1,25 21,40%
42.               Assorbenti con le ali 2,89 4,5 55,70%
43.               Dado 10 pz 1,19 1,8 51,30%
44.               Limoni al kg. 1,37 1,89 38,00%
45.               Bollettino cc postale 0,77 1,5 94,80%
46.               Parcheggiatore abusivo 1,03 2 94,20%
47.               Latte fresco lt 1 1,08 1,39 28,70%
48.               Pomodori pelati 0,98 1,98 102,00%
49.               Sapone liquido mani 1,19 1,8 51,30%
50.               Crackers 1,54 2,3 49,40%

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tags:   |
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSEMIB scende a picco con le banche italiane in crisi, spread BTP Bund che buca area 200 punti. F
Continua il successo delle Obbligazioni Collezione di Banca IMI. L’investment bank del Gruppo In
Abbiamo più volte scritto che la prossima crisi, la scintilla della prossima crisi arriverà da
Apertura debole per Piazza Affari con il Ftse Mib che si muove sotto 22.800. Dal punto di vista tecn
Chi ci segue da tempo sa che le dinamiche del mercato immobiliare in genere, sono lente ad evide
Nei suoi rapporto sulle pensioni, l’ Ocse, nella parte relativa ai fondi pensione (private pension
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
Un rapido flash che merita un po’ di attenzione proprio in questo momento di “potenziale cam
Ftse Mib: l'indice italiano dà primi segnali di assestamento dopo la forte correzione dei giorni sc