Cerca nel Blog

Consumi: la spinta può arrivare anche dall’innovazione di credito e pagamenti

Scritto il alle 17:14 da Redazione Finanza.com

Workshop Cofidis-DeloitteI servizi innovativi di pagamento e credito al consumo potrebbero essere la spinta per riaccendere i consumi in Italia in una fase di stagnazione come quella attuale. La tecnologia, dagli smartphone alle app, offre già un sostegno importante per rendere gli acquisti più veloci e agevoli, ma occorre un cambiamento importante soprattutto da parte del mondo retail, vale a dire i negozianti. E’ ciò che è emerso dal workshop “Retail Instore Finance, what’s next?”, organizzato da Cofidis e Deloitte e svoltosi oggi a Milano.

“La situazione stagnante dei consumi oggi sarebbe peggiore senza credito al consumo – ha spiegato Michele Mandelli, senior executive Monitor Deloitte, precisando che il 20% degli acquisti verrebbe non effettuato o rimandato nel tempo se non ci fosse la possibilità di accesso a un finanziamento o a una dilazione di pagamento. Guardando al futuro l’importanza del credito al consumo è destinata ad aumentare: da qui al 2018 si stima una crescita sia del ricorso al credito da parte dei consumatori (+50%) sia dell’erogato (+5%). La sua diffusione però dovrà essere supportata da alcuni fattori, in primis una burocrazia più snella e semplice e poi una maggiore trasparenza e flessibilità delle condizioni economiche.
In questo contesto si è inserita Cofidis Retail, che ha presentato il servizio PagoDil, caratterizzato da una disponibilità massima (24 ore al giorno, sette giorni su sette), dalla velocità dell’online e dalla riduzione della carta.

Proprio i servizi offerti dal retailer e l’experience di acquisto assumono sempre più importanza rispetto al prodotto, diventando il focus di differenziazione e successo per stimolare i consumi. “Il mercato è cambiato, ma alcuni sono rimasti indietro”, soprattutto nei confronti dei millennials (i giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni), ha affermato Fabrizio Valente, partner fondatore di Kiki Lab, illustrando la ricerca “Millennials Vs Non-Millennials”. Dall’indagine, effettuata su 11 Paesi al mondo, è emerso che questo segmento di consumatori tecnologicamente attivi acquista di più tramite il canale online ma non per pigrizia, bensì per una inadeguatezza degli store. “In molti casi, i negozi non sono riusciti ad adeguarsi alle esigenze dei nuovi consumatori – ha spiegato Valente – Si può dire quindi che non sono i millennials a essere una storeless generation, bensì sono i negozi a essere millennials-less”.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Anche la prima parte del 2017 ha visto le materie prime giocare un ruolo cruciale sui mercati. T
Da molto tempo continuo le mie ricerche nel trading contrapposto, meglio definito come DoubleWay, la
Credo che Mario Draghi si sia lasciato prendere un po’ la mano nelle ultime dichiarazioni. Per
Il FTSE Mib sta tentando una timida reazione questa mattina, smorzata però dalla presenza di una re
Sono oltre 15 milioni gli italiani che, per evitare di viaggiare con grosse somme in contanti quando
Una premessa è necessaria! Il sistema di rilevazione delle vendite di nuove abitazioni da parte d
Il forex è il mercato più complesso ed imprevedibile. Sono tantissime le variabili che condizi
Finalmente l’altro giorno il Presidente del Consiglio dei Ministri ha firmato il decreto attuativo
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ us
Dax 30 maggio 23, 2017 Nel grafico è mostrato il dax su scansione giornaliera. Dal dice