Banca mondiale: prime obbligazioni per lo sviluppo sostenibile in yuan e rupia

Scritto il alle 12:28 da Redazione Finanza.com

La Banca mondiale ha resto noto di aver lanciato due nuove obbligazioni per lo sviluppo sostenibile denominate in renminbi cinese e in rupia indiana. Le obbligazioni sono quotate sul mercato EuroMOT di Borsa italiana con BNP Paribas in qualità di Liquidity Provider. Le obbligazioni, offerte agli investitori italiani retail, sono un’opportunità per avvicinare gli obiettivi finanziari di chi investe alla sostenibilità sociale e ambientale. E’ la prima volta che la Banca mondiale offre obbligazioni in queste due valute.

Il bond in renminbi offre una cedola fissa annuale del 2,5% in euro. Alla scadenza la Banca mondiale rimborserà agli investitori il 100% del capitale nominale investito in yuan (con pagamento a scadenza regolato in euro).

L’obbligazione in rupie corrisponde una cedola fissa annuale pari al 5,8% in euro e alla scadenza rimborsa il 100% del capitale nominale investito in rupie con pagamento regolato in euro.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0 (from 0 votes)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Negli ultimi anni l'iPhone, o comunque lo smartphone, ha gradualmente sostituito altri oggetti per i
  Le slides qui sopra parlano chiaro. Se chiediamo a specialisti del settore qual'è il
Lo so che posso sembrare ripetitivo ma la finanza ed i mercati non si stravolgono ogni giorno e
Seduta con partenza in calo per tutta l'Europa in vista della settimana di Ferragosto. I principali
Prima la buona notizia per tutti coloro che credono nel nostro viaggio, nelle nostre visioni...
DISCLAIMER : Qualsiasi informazione, notizia, nozione, previsione, valore, prezzo o tec
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) )
E siamo di nuovo qui a parlare di Poste Italiane. Non prendetela come una guerra personale nei